Cannella, come usarla in giardino

Spezia dal sapore inconfondibile, la cannella è da sempre utilizzata per dare un tocco unico a pietanze e dolci.

Con le sue proprietà antibatteriche è, inoltre, considerato un toccasana per l’organismo, potenziandone le difese immunitarie.

In realtà, ci sono anche degli usi segreti di questo alimento che lo rendono molto utile in giardino: in molti li ricorderanno perché si tratta di metodi tradizionali, usati spesso dalle nostre nonne.

Non si tratta, però, di trucchetti legati alla tradizione, ma di rimedi molto efficaci e che danno grandi risultati.

N.B: in caso di problematiche urgenti e gravi inerenti le vostre piante, rivolgetevi al vostro fioraio o giardiniere di fiducia.

Curare i tagli

Dopo la potatura, la parte tagliata delle nostre piante può essere più sensibile e, a volte, sviluppare funghi o infezioni.

Questo accade soprattutto quando si utilizzano cesoie o strumenti non disinfettati.

Un modo per proteggerle è cospargerle di cannella in polvere.

Questa, infatti, disinfetta il taglio, accelerando il processo di guarigione e tenendo la pianta al sicuro dallo sviluppo di malattie o infezioni.

Eliminare i parassiti

Le infestazioni parassitarie delle nostre piante sono piuttosto comuni.

Che si tratti di cocciniglia o afidi, le piante possono essere aggredite da questi insettini e, in alcuni casi, possono anche morire.

La cannella è anche un antiparassitario naturale.

Per usarla al meglio potete spargere della cannella in polvere su quelle foglie dove avete notato la presenza di questi parassiti.

In alternativa, potete mescolare un cucchiaino di cannella in polvere a mezzo litro d’acqua e spruzzare il composto sulla chioma della vostra pianta.

Concimare la pianta

La cannella è anche una sostanza stimolante e ricca di sostanze nutritive, tanto da poterla utilizzare come concime.

Vi basterà spargere della cannella in polvere sul terriccio alla base e intorno alla pianta, in particolare nei mesi estivi, per rendere la pianta rigogliosa e prolungare la fioritura.

N.B: utilizzate la cannella come concime solo per quelle piante che non hanno bisogno di concimi o fertilizzanti specifici.

Trattare le talee

Le talee vengono tagliate e interrate per moltiplicare una pianta.

Spesso, però, hanno bisogno di parecchio tempo e particolari condizioni per radicare.

Con la cannella, potrete accelerare questo processo: dovrete semplicemente immergere la parte recisa della talea in una soluzione a base di un cucchino di cannella e mezzo litro d’acqua.

Dopo averla bagnata, potete interrare la talea.

In questo modo, stimolerete la crescita di nuove radici e proteggerete la talea dallo sviluppo di infezioni.

Sconfiggere le muffe

Diversi sono i tipi di muffe che possono attaccare le piante del nostro giardino.

Alcune, come la muffa bianca (oidio), possono essere talmente aggressive da inibire la crescita e lo sviluppo delle piante, portandole pian piano alla morte.

Uno strumento per combatterle è proprio la cannella in polvere che, grazie alle sue proprietà antisettiche, impediscono il propagarsi di alcune muffe.

Il consiglio è quello di spargere la cannella in polvere sulla chioma, in particolare su quelle parti della pianta dove la muffa risulta più evidente.

Effetto benefico per le piante da interni

Oltre a poter essere utilizzata in giardino, la cannella può essere utile anche per trattare le piante da interni.

Gli utilizzi sono gli stessi previsti anche per le piante da esterno, tenendo conto delle dovute differenze che dipendono dalle diverse caratteristiche delle piante.

In generale, potete creare un composto a base di cannella in polvere (due cucchiai) e acqua (circa un litro), mettere il tutto in uno spruzzino e vaporizzare sulla chioma della pianta ogni 3 settimane.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".