Lantana: tutti i segreti per coltivarla

Le piante di lantana sono sempreverdi della varietà a foglia larga.

Sebbene possano comportarsi un po’ come le viti, sono classificate dai botanici come arbusti.

A causa dell’aspetto simile ad una vite dei loro rami, vengono spesso coltivati in vasi sospesi, il che consente ai loro rami di crescere dai lati.

Le piante di lantana sono famose per i loro grappoli arrotondati di piccoli fiori dai colori vivaci.

I fiori possono essere gialli, arancioni, bianchi, rossi o viola e spesso i colori vengono mescolati all’interno dello stesso grappolo, creando un effetto bicolore.

Alla maggior parte delle persone non piace l’odore dei fiori che sbocciano da questa pianta. Ma l’aroma del loro fogliame li qualifica come piante profumate.

Le foglie infatti hanno un profumo di agrumi. Scopriamo insieme come coltivare questa bellissima pianta fiorita!

Attenzione: le piante di lantana sono tossiche e rappresentano un pericolo per i bambini e gli animali domestici. Le foglie possono causare un’eruzione cutanea e mangiare le bacche acerbe può essere fatale.

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche della lantana, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Tra le varietà alcune sono:

  • Lantana montevidensis: hanno rami più lunghi (fino a 25 cm) e sono popolari per vasi sospesi.
  • Lantana trifolia: questo tipo è noto per i suoi grappoli di fiori relativamente piccoli e luminosi.
  • Lantana horrida: ha foglie particolarmente pungenti.
  • Lantana x ‘Monet’: questa cultivar ha un capolino con i centri dorati circondati dall’arancio. Questo colore arancione successivamente sfuma in rosa.

Esposizione

Le piante di lantana amano crescere in un luogo in cui ci sia pieno sole o sole parziale.

La pianta dovrebbe ricevere almeno 6 ore (o più) di luce solare diretta ogni giorno.

Può tollerare un po’ di ombra pomeridiana, ma fiorirà meno se piantata in un luogo ombreggiato.

Fioritura

I fiori hanno una colorazione quasi fluorescente e spuntano da maggio a settembre.

Molte piante di lantana hanno petali di colori diversi che crescono uno accanto all’altro.

Questo forma bellissimi e luminosi grappoli di colori, combinando giallo, arancione, rosa e blu. Altri tipi hanno solo fiori in tinta unita.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno la lantana per crescere sana e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

Le piante di lantana preferiscono essere coltivate in un terreno drenante.

Anche se è vero che cresceranno adattandosi alla maggior parte delle condizioni del terreno, preferiscono un terreno leggermente acido.

Quando innaffiare

Innaffia bene la pianta di lantana e non lasciarla seccare. Se hai un terreno sabbioso, probabilmente dovrai annaffiare quasi ogni giorno.

Se la fioritura è rallentata o interrotta del tutto, prova a dare più acqua.

La pianta della lantana cresce bene in un clima umido.

Concime

Le piante di lantana non richiedono molti fertilizzanti.

Hanno una manutenzione molto bassa e, anzi, troppo fertilizzante può ridurre l’abbondanza di fiori.

Se lo desideri, puoi dare un concime bilanciato (per riconoscerlo, sull’etichetta troverai una serie di 3 numeri uguali, ad es. 20-20-20) e delicato una volta al mese.

Potatura

Alcune persone dicono di potare le piante di lantana in inverno, mentre altri dicono in primavera.

Anche se puoi decidere in quale stagione ti è più comodo potare, la primavera è sempre preferibile.

Non solo puoi rimuovere la vecchia crescita, ma puoi anche garantire la resistenza della pianta per tutto l’inverno, specialmente nelle regioni più fredde.

Per questo motivo, l’autunno non è consigliabile quando si tratta di potare le lantane, poiché questo può renderle più suscettibili al freddo invernale e all’umidità causata da eventuali precipitazioni.

Moltiplicazione

Le lantane coltivate nel giardino sono spesso ibridi (ovvero incroci di più varietà ottenute dall’uomo), quindi la moltiplicazione delle piante di lantana dai semi potrebbe non produrre una pianta simile alla pianta madre.

Per raccogliere i semi, raccogli le piccole bacche nere quando sono completamente mature e rimuovi i semi dalle bacche.

Lasciali asciugare per un paio di giorni prima di riporli in frigorifero in un contenitore sigillato.

Le talee producono sempre una pianta uguale alla pianta madre. Prendi le talee in primavera piuttosto che coltivare la lantana dal seme.

Per conservare le piante fino alla primavera in climi freddi, tagliale e poi mettile in vaso in modo che tu possa prenderti cura di loro in casa durante l’inverno.

Malattie e parassiti

I parassiti più comuni che attaccano le lantane assomigliano alle mosche domestiche.

Le femmine adulte incorporano le loro uova nel fogliame della lantana.

Da uno a tre giorni dopo, le larve si schiudono e iniziano a nutrirsi all’interno delle foglie, macchiando la loro superficie con macchie scolorite e marroni.

Gli adulti maschi consumano la linfa, di solito lungo i margini delle foglie. Queste aree sono spesso punteggiate.

Le ferite da puntura portano anche a infezioni fungine e batteriche. Le foglie fortemente infestate possono seccarsi e cadere prematuramente.

Più attivi durante il clima caldo e secco, questi parassiti possono infestare le lantane del clima mediterraneo durante tutto l’anno.

Significato

La Lantana è originaria delle regioni tropicali delle Americhe.

Il significato simbolico del fiore di lantana è generalmente associato al rigore.

Verrebbe utilizzato nella preparazione di essenze floreali e come rimedio per la disfunzione sessuale.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.