Come coltivare la Lobelia

Le lobelie sono probabilmente più conosciute per la pianta da aiuola estiva annuale, indispensabile per le bordure e per ravvivare fioriere e vasi sospesi.

Ma ci sono anche alcune splendide lobelie erbacee perenni.

La Lobelia erinus è l’annuale, produce masse di fiori per tutta l’estate e fino all’autunno fino alle prime forti gelate.

Ce ne sono di due tipi: le varietà erette, cespugliose e quelle che hanno steli più lunghi, che le rendono perfette da appendere.

La lobelia perenne più conosciuta è la Lobelia cardinalis, comunemente chiamata fiore cardinale o salvia palustre, che produce alte spighe di fiori rosso scarlatto in estate e in autunno.

Scopriamo insieme come coltivare la lobelia!

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche della lobelia, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Molte piante prendono il nome comune di “lobelia“.

Alcune sono piante perenni resistenti, altre sono cultivar della pianta perenne.

È disponibile un’ampia gamma di scelte di colore, a seconda del tipo che scegli di coltivare. Ecco alcuni esempi:

  • Lobelia cardinalis: perenne rustica, con fiori rossi e portamento eretto.
  • Lobelia siphilitica: perenne rustica, con fiori blu e portamento eretto.
  • Lobelia erinus ‘Laguna’: perenne tenera, con fiori blu e portamento strisciante. Sviluppato dai coltivatori di piante per resistere meglio alle estati calde rispetto ad altre lobelie.
  • Lobelia erinus ‘Alba’: perenne tenera, con fiori bianchi e portamento strisciante.
  • Lobelia erinus ‘Lilac Fountain’: perenne tenera, con fiori rosa lilla e portamento strisciante.
  • Lobelia erinus ‘Rosamund’: perenne tenera, con fiori rosso ciliegia e portamento strisciante.

Esposizione

Uno dei punti di forza di Lobelia è che non è esigente per i livelli di luce solare, perché fiorisce bene in qualsiasi condizione, dal pieno sole all’ombra parziale.

Nelle zone più calde, è meglio coltivarla in ombra parziale.

Mentre nelle zone più fredde puoi coltivarla in pieno sole (a patto di innaffiarla regolarmente) per godere della massima fioritura.

Fioritura

In genere fiorisce da maggio ad ottobre, ma dipende sempre dalla varietà considerata.

Molte specie appaiono totalmente diverse l’una dall’altra per la fioritura.

Tuttavia, tutti hanno foglie semplici e alternate e fiori tubolari a due labbra, ciascuno con cinque lobi.

I due lobi superiori possono essere eretti mentre i tre lobi inferiori possono essere aperti a ventaglio.

La fioritura è spesso abbondante e il colore del fiore intenso, da qui la loro popolarità come piante da giardino ornamentali.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno la lobelia per crescere sana e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

La pianta di lobelia preferisce crescere in un terreno ricco e drenante.

Per avere un terreno ricco, usa un terriccio di qualità oppure metti un po’ di compost nella miscela di terriccio universale.

Quando innaffiare

La lobelia preferisce crescere in un terreno umido.

Mantieni il terreno della Lobelia uniformemente umido, non lasciando mai seccare completamente il terreno, altrimenti la pianta ne soffrirà.

Concime

Puoi concimare la lobelia aggiungendo alla miscela di terreno del compost.

Ma devi sapere che la lobelia ha un elevato bisogno di concime per questo molti preferiscono nutrirla con un fertilizzante liquido una volta ogni due settimane.

Potatura

Potare le piante di lobelia migliora il loro aspetto e la loro salute.

Inoltre incoraggia la pianta a produrre più fiori per un periodo di tempo più lungo.

I tre tipi di potatura che aiutano le piante di lobelia sono la rimozione dei fiori esauriti, il pizzicamento e la potatura vera e propria.

Quando tagliare la Lobelia dipende dal tipo di potatura. Il pizzicamento è un compito da fare all’inizio della primavera.

Pizzica i gambi nuovi quando sono lunghi circa 15 cm. Pizzica la lobelia appena piantata quando si riprende dal trapianto.

Esegui la potatura maggiore dopo che le piante hanno finito di fiorire.

Moltiplicazione

Le lobelie possono essere coltivate da seme ma è anche possibile propagarle per talea.

Tuttavia, le talee che usi dovrebbero essere una nuova crescita, non steli che hanno prodotto fiori.

Se riesci a trovare alcuni nuovi steli di crescita sulla tua lobelia, scegli uno stelo da 10-15 centimetri, con tre o quattro nodi (ovvero i punti da cui emergono le foglie).

Inserisci le talee in un terriccio umido, lasciando circa metà del gambo sopra il terreno.

Posiziona le talee in un luogo ombreggiato e protetto. Nebulizzale un paio di volte al giorno e mantienile ben umide.

Le nuove piante saranno pronte quando ci sarà fogliame sano e quando la pianta opporrà resistenza se la tiri verso l’alto delicatamente, il che indica che ha messo radici nuove.

Una volta che hai delle radici, puoi trapiantare le tue piante in un nuovo vaso.

Malattie e parassiti

La Lobelia in genere non è infastidita dai parassiti.

Le varietà annuali più vecchie potrebbero non essere tolleranti al calore e le piante possono iniziare a sbiadire o morire dal centro in condizioni di calore estremo.

Se ritieni che questo sia un problema, cerca delle varietà resistenti al calore.

A volte la lobelia perenne avrà problemi con ruggine, macchie fogliari o marciume radicale.

Distanziare correttamente le piante e rimuovere immediatamente le parti infette può aiutare a controllare queste malattie.

Significato

“La malevolenza della Lobelia” suona come un’oscura opera italiana, ma nell’Inghilterra vittoriana, questo è il messaggio che avresti inviato con un bouquet blu brillante di questa piccola pianta in fiore.

Forse non a caso, i petali di Lobelia contengono una tossina chiamata lobeline, che è simile alla nicotina, ma molto più pericolosa.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.