Santolina: come curare l’erba aromatica

La Santolina (Chamaecyparissus), noto anche come cotone lavanda o santolina grigia, è un bellissimo arbusto sempreverde con fogliame grigio argenteo e verde.

Originaria delle regioni del Mediterraneo occidentale e centrale, la santolina è una pianta da fiore a crescita rapida e a bassa manutenzione che fiorisce a maggio-giugno.

Appartiene alla famiglia delle Asteraceae e le foglie hanno un profumo di olive, viene usata sia per profumare sacchetti sia in cucina in piatti a base di pesce.

Un ottima pianta aromatica per bordure, aiuole e giardini rocciosi, il cotone lavanda aggiunge un colore grigio-verde argenteo al tuo giardino e cresce fino a 60 cm.

La Santolina è un arbusto molto profumato, ma scopriamo come coltivare questa pianta aromatica!

Esposizione

La pianta aromatica di santolina cresce bene in pieno sole.

Ha bisogno di sole pieno perché la fioritura estiva è molto ricca e necessita di almeno 5-6 ore di sole diretto al giorno.

Acqua e umidità

Poiché tollera la siccità, la santolina ha un fabbisogno d’acqua minimo.

Basta dare un paio di dita d’acqua una volta a settimana quando le piante sono giovani per aiutare a rafforzare il sistema radicale.

Una volta stabilita la pianta, l’annaffiatura è necessaria solo due volte al mese.

Terreno

Le piante di santolina amano terreni drenanti e granulosi che non trattengano molta acqua.

Un terreno umido dovrebbe essere evitato a tutti i costi in quanto può facilmente portare al marciume delle radici.

Quindi non aggiungere troppo compost o troppa acqua.

Fertilizzante

Queste piante non necessitano di fertilizzanti aggiuntivi poiché preferiscono terreni poveri, rocciosi e asciutti.

Solo durante la stagione di crescita, puoi aggiungere un fertilizzante organico una volta ogni due mesi.

Potatura

Pota il legno morto in primavera dalla tua pianta di santolina.

Pota le piante in una bella forma circolare dopo che i fiori sono sbocciati.

Ciò eviterà che le piante si appesantiscano per il peso delle nuove crescite o diventino legnose.

Problemi e malattie

L’eccessiva irrigazione può essere un grosso problema per la santolina.

L’eccessiva umidità può far sì che le radici sviluppino malattie fungine o marciume. Se li coltivi nel tuo giardino, l’irrigazione è necessaria solo due volte al mese.

I terreni poco drenanti possono portare alla putrefazione della corona basale e al marciume delle radici, che può essere prevenuta riducendo l’irrigazione.

L’uso occasionale di fungicidi può anche prevenire il peggioramento della malattia.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.