La Calathea Tricolore con foglie Secche e Marroni non è un bello spettacolo ma puoi rimediare

Una pianta dalle foglie così belle, deturpate da parti secche e marroni è senz’altro un enorme dispiacere.

La calathea triostar con le sue belle foglie tricolore può destare non poche preoccupazioni quando le foglie cominciano ad accartocciarsi lungo i bordi rinsecchiti.

Quali sono le cause? C’è qualcosa che possiamo fare per evitarlo? Vediamolo insieme così da ripristinare la bellezza di una pianta dai colori tanto spettacolari.

Ambiente secco

Quello che non piò mancare alla calathea triostar è l’umidità, un fattore imprescindibile per le sue belle foglie, che macchiandosi e avendo parti secche hanno perso tutta la loro bellezza.

L’umidità serve alla pianta per respirare al meglio. Le sue grandi e belle foglie variegate sono ricoperte da valvole invisibili, gli stomi, che alla presenza di umidità si dilatano e lasciano passare l’anidride carbonica.

Quindi è come se la pianta respirasse a pieni polmoni quando l’ambiente è umido. Al contrario la foglia comincia a rinsecchirsi e a seccare delle parti che è come se fossero colpite da asfissia.

Innanzitutto, devi assicurarti che la pianta stia lontana da termosifoni o condizionatori, che seccano a tal punto l’aria da causare danni alle piante.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Puoi incrementare l’umidità in molti modi semplici, effettuando regolarmente delle nebulizzazioni sulle belle foglie oppure posizionando il vaso su un sottovaso con ciottoli e acqua. Quest’ultima, evaporando rende lo spazio immediatamente adiacente alla chioma più umido.

Poca luce

Le belle foglie della calathea triostar hanno bisogno di luce, tanta luce, e questo puoi subito osservarlo da una particolarità di questa famiglia di piante, quella che le rende anche note come piante preghiera.

A seconda della variazione di luce le piante preghiera muovono le foglie nell’arco della giornata, e alla sera noterai come la pianta mette in verticale tutte le foglie.

Se questo fenomeno non avviene vuol dire che c’è poca variazione di luce durante l’arco della giornata e quindi probabilmente la pianta è sempre al buio.

Luce brillante ma indiretta, questa è quella che le serve, senza che il sole cocente possa bruciare le foglie.

È esposta a correnti

Sapevi che piante come la calathea triostar non sopportano il freddo?

La sua temperatura ideale è tra i 18 e i 27 gradi, ma se questa scende al di sotto dei 15 la pianta ne soffre e ne porta i segni sulle belle foglie variegate.

Se la tieni vicino ad una finestra per motivi legati all’esposizione luminosa, presta attenzione a non esporla a correnti fredde quando utilizzi quella finestra per arieggiare la stanza.

I bruschi cambiamenti di temperatura possono essere pericolosi per una pianta dalle origini tropicali, che ben si presta alle temperature casalinghe.

L’hai innaffiata nel modo sbagliato

Non possiamo non occuparci delle innaffiature, una delle cause più comuni delle brutte punte secche delle foglie.

Devi innaffiare la calathea al bisogno, evitando una cadenza fissa e prestabilita constatando l’umidità nel terriccio con le dita magari.

Nel caso della Calathea, appena fai seccare un po’ di più il terreno, otterrai punte delle foglie secche e marroni.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.