Segui questi preziosi consigli per coltivare la Bocca di Leone in Vaso

Le bocche di leone (Antirrhinum majus) sono un classico nei giardini rustici poiché riempiono bene gli spazi con una massa e un tripudio di colori.

Non solo può essere coltivata in giardino, è anche una meravigliosa pianta da vaso. Le bocche di leone sono piante versatili e tolleranti anche in vaso.

Ma bisogna far attenzione al tipo di vaso, al tipo di terreno di cui ha bisogno e ad altre piccole cose che mantengono in salute la pianta.

Vediamo subito insieme come coltivare la bocca di leone in vaso!

Scegli il vaso giusto

Le bocche di leone hanno radici fibrose che non sono né particolarmente profonde né molto larghe. Inoltre, le piante non sono molto pesanti, anche se i lunghi steli possono ribaltarsi nel vento.

Tutto ciò significa che non hai bisogno di un vaso estremamente grande.

Spesso è difficile mantenere un vaso piccolo ben annaffiato e abbastanza spesso per mantenere felici queste piante.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Un vaso largo e profondo 16 cm circa è sufficiente per una singola pianta di bocca di leone di qualsiasi dimensione, ma potresti voler aumentare di una o due dimensioni il vaso in base alla grandezza della pianta.

E, naturalmente, puoi aumentare ulteriormente le dimensioni se prevedi di coltivare più piante insieme.

Non importa quale materiale scegli, ma se stai coltivando una pianta che raggiunge oltre 50 cm di altezza, scegli un vaso più pesante come quelli in terracotta.

Quale terreno utilizzare

Le bocche di leone amano un terreno drenante, ricco e poroso, anche se tollerano abbastanza bene anche un terreno universale.

Può essere una sfida creare il terreno perfetto in giardino, ma quando coltivi piante in vaso, è abbastanza facile scegliere il tipo di terreno in cui prospereranno queste piante o creare il tuo mix a casa.

Trova la posizione migliore

Alle bocche di leone piace ricevere tanta luce del sole.

Detto questo, puoi mettere il tuo vaso in ombra parziale, se necessario. Qualche ora di ombra, soprattutto nel pomeriggio, non guasta.

Se, tuttavia, noti che gli steli si piegano verso la luce, devi spostare il vaso in un punto più esposto al sole.

Se hai una varietà che cresce più di 35 cm di altezza, metti il ​​vaso in un posto che sarà protetto dal vento.

Un forte vento improvviso può spezzare gli steli, ma anche una brezza costante proveniente dalla stessa direzione farà sì che gli steli crescano storti.

Tieni il vaso lontano da pareti che assorbono il calore soprattutto in estate, il mattone è particolarmente abile nel riflettere il calore sulle piante vicine.

Come piantare la Bocca di leone in vaso

Hai due opzioni quando pianti le bocche di leone in vaso:

  • partire da seme
  • piantare delle piante giovani

Le bocche di leone crescono bene dal seme, ma il processo richiede più tempo.

Puoi avviare i semi all’interno o all’esterno, direttamente nel vaso scelto o in contenitori appositi per l’avvio dei semi.

Le bocche di leone devono essere avviate all’inizio dell’anno, circa 12 settimane prima dell’ultima data di gelo prevista nella tua zona.

Per piantare, posiziona i semi sulla superficie del terreno in un vaso riempito con il terreno scelto fino a circa 2 cm dal bordo.

Non seppellire i semi, basta premerli sopra e spruzzare il terreno con dell’acqua per inumidire semi e terriccio.

Mantieni i semi umidi e in un’area con luce solare diretta. Dopo circa due settimane, dovresti vedere i germogli. Se le tue piantine non si trovano in un’area in cui ricevono almeno 6-7 ore di luce al giorno, puoi aggiungere luci LED da coltivazione.

Una volta che le piantine hanno circa un mese, abituale all’esterno in modo graduale per una settimana prima di spostarle nella loro posizione permanente all’aperto.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.