Bocca di leone: guida alla coltivazione

Le bocche di leone sono piante perenni da giardino molto popolari che vengono solitamente coltivate come annuali.

Il soprannome deriva dalla forma dei fiori, che ricordano il muso di un leone e che addirittura si aprono e si chiudono con un movimento a scatto.

Le foglie lanceolate sono disposte a spirale attorno allo stelo. Il nome botanico, Antirrhinum majus, significa “come un muso” e si riferisce alla somiglianza del fiore con il muso di un vitello.

Scopriamo insieme come coltivare la bocca di leone!

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche della bocca di leone, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Le bocche di leone sono disponibili in molte varietà e dimensioni. Ci sono varietà alte e varietà nane e addirittura varietà striscianti.

Queste sono ottime piante per vasi, fioriere o da piantare nelle fessure dei muri del giardino.

Le bocche di leone vengono solitamente vendute con fiori multicolori, ma a volte le puoi trovare in colori singoli.

Alcune delle varietà più classiche sono:

  • Antirrhinum majus Rocket: questa è una serie multicolore che cresce da 2 a 3 metri di altezza.
  • Antirrhinum majus Madame Butterfly: queste piante hanno fiori arruffati in tutti i colori e sono una scelta eccellente per composizioni floreali recise.
  • Antirrhinum majus Tutti Frutti: questa serie più corta offre fiori screziati e a strisce unici.
  • Antirrhinum majus Candy Tops: si tratta di piante corte, da 15 a 20 cm in toni del giallo, arancione, bianco, rosso e rosa. Sono eccellenti piante da bordura e da aiuola.
  • Antirrhinum majus Chandelier: questo è una delle migliori varietà con fiori lilla, rosa o gialli.

Ricorda che ci sono dozzine di diverse varietà di bocche di leone, inoltre ne vengono introdotte di nuove ogni anno.

Esposizione

Le tue bocche di leone fioriranno più abbondantemente in pieno sole, ma cresceranno bene anche all’ombra parziale.

Una volta che la temperatura si è alzata, potrebbero smettere di fiorire del tutto.

Piantarle in ombra parziale e tenerle ben annaffiate le aiuterà a superare l’estate e probabilmente fioriranno di nuovo in autunno.

Fioritura

I fiori luminosi della bocca di leone sbocciano abbondantemente quando c’è un clima freddo in colori intensi.

I fiori iniziano a sbocciare nella parte inferiore del gambo e si fanno strada verso l’alto, creando un lungo tratto di fioritura.

Sebbene le bocche di leone tendano a rallentare e smettere di fiorire nel caldo di mezza estate, se le mantieni annaffiate, si rianimeranno e i fiori si manterranno anche durante l’autunno.

Le bocche di leone possono ripetere la fioritura per tutta la stagione, ma fioriscono meglio nel fresco della primavera e dell’autunno.

Nei climi più freddi fioriscono per tutta l’estate e nei climi più miti a volte fioriscono per tutto l’inverno.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno la bocca di leone per crescere sana e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

Le bocche di leone non sono molto esigenti quando si tratta del terreno in cui vengono piantate.

Come tutte le piante in generale, amano un terreno neutro, ricco di sostanze nutritive e drenante.

Un terreno drenante infatti è sempre utile per evitare di causare il marciume radicale che si verifica quando il terreno non riesce ad asciugarsi bene.

Quando innaffiare

Le bocche di leone necessitano di annaffiature adeguate. Mantieni le piantine umide per le prime settimane.

Una volta stabilita, la bocca di leone avrà bisogno di circa due dita di acqua a settimana in periodi di assenza di pioggia.

Innaffia vicino alla corona della pianta ed evita l’irrigazione dall’alto per mantenere in salute la bocca di leone.

Una volta stabilizzata, lascia asciugare completamente il primo centimetro di terreno prima di annaffiare di nuovo.

Concime

Applica il fertilizzante quando le piante iniziano a produrre fiori.

Usa un concime per tutti gli usi e ben bilanciato (sull’etichetta troverai tre numeri uguali, ad es. 10-10-10).

Annaffia bene la pianta nel periodo successivo alla fertilizzazione per ridurre al minimo il rischio di ustioni da azoto (ovvero bruciature per via del troppo concime) e per aiutare il fertilizzante a raggiungere le radici.

Potatura

Con le bocche di leone non si parla di vera e propria potatura, tuttavia ci sono delle cose che puoi fare per tenere in ordine la pianta.

Pizzicare le punte degli steli sulle giovani piante le renderà più spesse e più cespugliose.

In più, togliere i fiori esauriti prolungherà la stagione della fioritura, spesso fino al primo gelo del tardo autunno o all’inizio dell’inverno.

Moltiplicazione

Le bocche di leone sono facili da coltivare dai semi, ma se lo desideri puoi anche propagarle da talee.

Taglia una sezione di stelo di 5 centimetri appena sotto un nodo fogliare (il punto sullo stelo da cui spuntano foglie e gemme) su una pianta madre sana.

Rimuovi le foglie inferiori e immergi il fondo della talea nell’ormone radicante (l’ormone radicante è facoltativo).

Pianta la talea nel terriccio, coprendo il vaso con un sacchetto di plastica per mantenere la talea umida.

Quando si sviluppa un buon apparato radicale, puoi rimuovere la copertura e posizionarla davanti ad una finestra luminosa.

Trapianta la pianta all’aperto all’incirca nel periodo dell’ultima gelata nella tua zona.

Malattie e parassiti

Il fungo della ruggine può essere un problema significativo per la bocca di leone.

Se la ruggine appare in una piantagione, è meglio coltivare la bocca di leone in un’altra parte del giardino l’anno successivo.

Questa pianta è anche suscettibile a muffe, macchie fungine sulle foglie, peronospora, appassimento e marciume radicale.

Afidi e acari sono i parassiti più comuni che possono richiedere l’uso di pesticidi o oli orticoli in gravi infestazioni.

Significato

La bocca di leone ha molteplici significati. Può rappresentare la forza, poiché è in grado di crescere in aree rocciose, tipicamente inabitabili, ma può anche simboleggiare la grazia.

Le bocche di leone sono talvolta usate come “arma” contro la falsità. Possono anche rappresentare la forza interiore necessaria per superare situazioni difficili.

Anche in base ai colori hanno un diverso significato:

  • Le bocche di leone viola sono solitamente associate alla spiritualità.
  • Le bocche di leone rosse sono solitamente usate per simboleggiare amore, passione ed energia positiva.
  • Le bocche di leone bianche sono solitamente usate per simboleggiare la purezza, l’innocenza e la grazia, com’è comune anche con i fiori bianchi di altre specie.
  • Le bocche di leone gialle simboleggiano felicità, la positività e la buona fortuna.
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.