I 5 consigli di sopravvivenza per le piante grasse in estate

Da sempre, ormai, facciamo lo stesso errore. Immaginando che le piante grasse siano davvero immortali, le trascuriamo e, quando notiamo che stanno seccando, è spesso troppo tardi!

Le piante grasse, o succulente, hanno specifiche esigenze di coltivazione e non dobbiamo commettere l’errore di non prendercene cura.

In particolare, anche in estate, seppur più resistenti di altre piante, queste possono incorrere in alcuni pericoli.

Vediamo insieme come prendercene cura per mantenerle sane e in forma anche con il caldo estivo e farle vivere a lungo.

Metterle all’esterno

Una prima accortezza che potete avere verso le vostre piante grasse è quella di portarle all’esterno nel corso dei mesi caldi.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Molte di queste piante, infatti, vengono coltivate come piante da appartamento. In estate, tuttavia, le temperature esterne sono più che adeguate alla loro salute.

L’ideale è metterle in un posto dove eventuali temporali estivi evitino di bagnarle, magari sotto un porticato o una tettoia. Inoltre, evitate di esporle alla luce solare diretta, preferendo invece la luce indiretta.

Leggete qui per scoprire cosa sia la luce solare indiretta e le sue diverse tipologie.

Concimare con azoto

Ebbene sì, anche le piante grasse hanno bisogno di maggiore energia per poter sopportare le alte temperature: la concimazione è il modo migliore per rinforzare la pianta, dandole in abbondanza tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno.

In particolare, molto utile è l’azoto. Potete scegliere un concime o fertilizzante specifico per piante grasse che trovate al vivaio oppure provare dei concimi naturali fai da te.

Un esempio? I fondi di caffè, ricchi di azoto, possono essere sbriciolati e sparsi sul terriccio della pianta: fatelo per due volte al mese nel corso dei mesi caldi e la vostra pianta grassa si manterrà sana e rigogliosa.

Il “controllo della morbidezza”

In molti commettono l’errore di supporre che le piante grasse, grazie alla riserva d’acqua nelle loro foglie di cui dispongono, abbiano bisogno di poca acqua anche nel pieno dell’estate. Non è assolutamente così.

Come le altre piante, le succulente hanno bisogno di più innaffiature.

Un trucchetto consiste nel controllo della morbidezza del terriccio: tastate quotidianamente il terreno della vostra pianta grassa e, quando non risulta più morbido, innaffiate nuovamente.

Mantenendo il terreno sempre morbido e appena umido, sarete sicuri di aver dato alla pianta la quantità d’acqua di cui aveva bisogno.

Un metodo inusuale ma efficace per innaffiare le piante grasse è quello della bacinella. Scoprite qui in cosa consiste.

Valutare il rinvaso o la moltiplicazione

Spesso, in estate, le piante grasse tendono a crescere con maggior rapidità.

Capita, così, che la nostra lingua di suocera o la nostra aloe vera occupino tutto lo spazio a disposizione nel vaso generando i cosiddetti polloni, ossia “piante figlie” che spuntano ai lati di quella principale.

Quando non hanno spazio, però, i polloni possono soffocare e morire. Le soluzioni possono essere due.

La prima consiste semplicemente nel rinvasare la pianta, utilizzando un vaso più grande e profondo.

La seconda, invece, nello staccare i polloni dalla pianta madre e piantarli in dei vasi separati ottenendo così delle nuove e autonome piante.

Scoprite come far fiorire le vostre piante grasse cliccando qui!

Allontanare gli insetti “nemici”

In estate, si sa, gli insetti svolazzano tra le piante del nostro giardino o balcone. Alcuni sono innocui, anzi la loro presenza è favorevole alle piante. Altri, invece, sono parassiti e possono danneggiarle.

Per prevenire la loro comparsa, potete vaporizzare sulla chioma delle piante un po’ d’acqua mista a olio di neem.

L’ideale è sciogliere 7-8 gocce di olio di neem in circa 500ml d’acqua e spruzzare il tutto sulle foglie con l’aiuto di una bottiglia spray o di un vaporizzatore.

Importante: utilizzate dell’acqua fresca, ma non fredda. Inoltre, lasciate la superficie delle foglie umida, ma mai bagnata o potreste favorire il marcire delle foglie.

Volete provare ulteriori rimedi contro i parassiti delle piante? In questo articolo troverete altre idee e nuovi consigli.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".