Con queste 4 mosse rinvigorirai subito le Piante dopo l’estate

Sei tornato dalle vacanze e hai trovato le tue piante in uno stato sofferente ma non sai come fare per farle riprendere, ti dico che è più semplice di quanto pensi.

Sia che tu abbia pensato bene alla tecnica di irrigazione in tua assenza, sia che tu non sia riuscito a tenere le piante idratate durante le vacanze, ci sono delle cose che puoi fare per migliorare la loro salute al tuo rientro.

Ovviamente la routine cambierà la pianta pianta ma con alcuni consigli generali riuscirai ad adattare ad ogni pianta la giusta dose di cure post-vacanze.

Ma la tua assenza non è l’unico motivo per cui le piante appaiono sofferenti, anche il sole diretto e le temperature torride possono aver danneggiato le tue piante.

Vediamo insieme come fare per rinvigorire le piante dopo l’estate!

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Regola le innaffiature

Per far riprendere le tue piante dopo l’estate devi offrire loro una routine ad innaffiatura corretta.

Se hanno sofferto per la tua assenza e hanno subito un periodo di siccità prolungato dovuta anche alle alte temperature, ritornare ad una routine di innaffiatura equilibrata farà il 50% del lavoro.

Non c’è bisogno di inzuppare eccessivamente le piante, ma sarà necessario semplicemente inumidire la zolla di terreno in modo uniforme e lasciar defluire l’acqua in eccesso per evitare ristagni d’acqua.

La regola generale per qualsiasi tipo di pianta, o meglio, per la maggior parte delle piante, e quella per cui devi aspettare che il terreno si asciughi tra un annaffiatura e l’altra.

Ma se le tue piante hanno subito un periodo di siccità, già alla prima innaffiatura completa si riprenderanno quasi subito.

Controlla che non ci siano bruciature

Se il sole diretto e cocente dell’estate ha bruciato alcune foglie delle tue piante, mi dispiace dirtelo, ma per le foglie bruciate non ci sarà più nulla da fare.

Le foglie bruciate potranno essere eliminate per ottenere una pianta esteticamente più ordinata, ma non torneranno verdi e sane.

Ma non è tutto perduto poiché eliminare qualche foglia malata non lede il resto della pianta che invece è rimasta sana. Ovviamente, se gran parte della pianta risulta bruciata dal sole, allora potrai scegliere di attuare una potatura più drastica e aspettare che si riprenda nel tempo.

Per fare in modo che si riprenda in modo più veloce dovrai scegliere una posizione adatta per la tua pianta. Se riceve troppo sole diretto spostala in un luogo in cui almeno nelle ore centrali riceverà un po’ d’ombra, come sotto un porticato o davanti ad una tenda da esterni filtrante.

Concima per prepararti all’autunno

Un’altra cosa che puoi fare per rinvigorire le piante dopo la calura estiva è iniziare a concimare, quando cioè le temperature sono più miti.

Infatti, se la pianta si trova in uno stato di stress, come durante l’estate torrida, è sconsigliato dare del concime, poiché si induce la crescita di nuovi germogli che dovranno affrontare condizioni ambientali che non sono ottimali per la salute della pianta.

Dunque, fatte le giuste considerazioni caso per caso per le singole piante, è comunque una buona idea fertilizzare quando tra la fine di agosto i primi di settembre le temperature sono più favorevoli.

Proteggi le piante dai parassiti

Dopo che ti sei assicurato una buona annaffiatura, una buona posizione per la tua pianta, dopo che, inoltre, ha ricevuto una dose giusta di concime, c’è un’ultima cosa che puoi fare: prevenire la comparsa di parassiti.

Ci sono miscele già formulate che hanno la funzione di prevenire la comparsa dei parassiti e in genere sono anche a base di ingredienti naturali come ortica, aloe e timo. Questa miscela dovrà essere vaporizzata sulle foglie della tua pianta e farà da protezione da eventuali parassiti.

Ovviamente potrai utilizzare anche delle miscele fai da te, come un infuso di ortica, oppure potrai vaporizzare una miscela composta da acqua e olio di neem che avrà la stessa funzione.

Ma la miglior prevenzione per malattie e parassiti è sempre una: mantenere la pianta in perfetta salute, poiché una pianta malata e il bersaglio preferito dei problemi più comuni delle piante.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.