Come innaffiare il Giacinto

Coltivati ​​da bulbi, i giacinti (Hyacinthus) adornano il giardino in primavera e all’inizio dell’estate con gambi pieni di grappoli di fiori rosa, bianchi, blu, arancioni, rossi e gialli.

La maggior parte dei bulbi sono resistenti alle zone con inverni più miti. Coltivali in pieno sole nei climi più freddi, ma nelle zone più calde, coltiva i bulbi in un’area dove batte il sole del pomeriggio che è più fresco.

I giacinti crescono quando vengono piantati in un terreno drenante e ricevono cure adeguate, che includono soprattutto buone abitudini di annaffiatura.

Scopriamo allora come innaffiare il tuo giacinto!

Ciclo di vita del giacinto

Per poter capire come regolare le tue annaffiature è necessario che tu sappia qual è il ciclo di vita del giacinto.

Il giacinto, infatti, è una pianta che nasce da un bulbo e come quasi tutte le piante bulbose fioriscono in una settimana o due e poi sfioriscono e vanno in riposo.

Di solito la fioritura e il periodo di crescita attiva della pianta coincide con l’inizio della bella stagione e con la fine del freddo.

Ma spesso i giacinti vengono forzati a fiorire in casa, in quel caso non c’è bisogno di rispettare le stagioni di crescita che la pianta ha in natura, anche se sarebbe preferibile.

Basta sapere però che non appena i fiori sfioriscono e si seccano dobbiamo rispettare la fase di riposo del bulbo. Vediamo come dobbiamo innaffiare in questa fase.

Fase di riposo dei bulbi

Subito dopo la fioritura il giacinto inizia a sfiorire. Quando è completamente sfiorito e le foglie sono ingiallite inizia il periodo di riposo del bulbo.

È importante innaffiare fino a quando il giacinto sfiorisce completamente, ma non appena il bulbo non ha più foglie né fiori da nutrire non ha più bisogno d’acqua.

Smetti di annaffiare in questa fase, fin quando il bulbo sarà pronto alla prossima fioritura.

Quando ricominciare ad innaffiare

Se i tuoi bulbi di giacinto seguono il ciclo naturale, ovvero se non li hai forzati a fiorire in casa in inverno ad esempio, puoi riprendere ad innaffiare con l’arrivo della primavera.

Innaffia solo quando senti il terreno asciutto a circa 3 centimetri di profondità.

Una volta che ti sei accertato che il terreno si è asciugato, innaffia in modo uniforme vicino alla base della pianta.

Se innaffi dall’alto, innaffia al mattino in modo che le foglie del giacinto possano asciugarsi prima del tramonto.

Riduci l’annaffiatura dopo la fioritura

Una volta che i bulbi di giacinto sono fioriti completamente in primavera, con l’arrivo dell’estate iniziano a sfiorire.

Riduci l’irrigazione in estate dopo che tutte le foglie sono morte o si sono seccate.

Innaffia poco durante questo periodo e durante i mesi successivi. Più o meno, in questo periodo, dovresti innaffiare il giacinto circa una volta al mese.

Durante l’inverno, non è necessario annaffiare i giacinti mentre i bulbi sono di nuovo in riposo.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.