3 Modi per moltiplicare la Peonia

Le peonie sono fiori bellissimi e ricercati per il loro aspetto molto elegante.

Nei bouquet danno un tocco in più per i loro fiori pieni e ricchi di petali ma anche coltivati come pianta in giardino hanno il loro perché.

Proprio per questo è utile conoscere in che modo possono essere moltiplicate le peonie, così da ricavare altre piante dalla pianta madre ed avere un giardino ricco.

Ci sono 3 modi per moltiplicare la peonia, per alcuni serve molta pazienza, ma se sai come procedere non è un compito molto difficile.

Scopriamo insieme come moltiplicare la peonia nel modo giusto!

Moltiplicazione per talea

Tra i metodi di moltiplicazione più gettonati c’è la moltiplicazione per talea.

La talea è un piccolo rametto laterale ricavato dalla pianta madre che abbia una lunghezza di almeno 10 centimetri.

È preferibile usare un ormone radicante in cui intingere la base del rametto per assicurarti che le talee metteranno radici, ma non sempre è necessario se segui alcuni consigli.

Per garantirti il successo della radicazione devi tenere le talee in un ambiente umido, un trucco è mettere un sacchetto di plastica che copra il vaso in cui hai inserito la talea in modo da creare una piccola serra.

Una volta radicate, metti le talee di peonia in un vaso di circa 8 centimetri con del terriccio e lascia sviluppare le talee fino alla primavera successiva.

Ci vorrà qualche anno prima che tu debba piantarle in giardino o in un vaso più grande.

La produzione di nuove radici in genere avviene dopo circa un mese e puoi incentivarla vaporizzando le talee periodicamente in modo da garantire l’ambiente umido di cui hanno bisogno.

Moltiplicare per divisione

Se hai una peonia piantata in giardino puoi provare a moltiplicarla anche per divisione.

Armati degli strumenti giusti da giardinaggio e segui passo passo i miei suggerimenti!

Regole per una buona divisione

Quando dividi le peonie, ogni sezione dovrebbe avere almeno 3 gemme e alcune radici sane per favorire la crescita corretta.

Non piantarle troppo in profondità: pianta le divisioni ad un massimo di 4-5 centimetri così da garantirti delle fioriture alla primavera successiva.

Cerca di trapiantare le peonie in autunno, in questo periodo la pianta è dormiente ed è più sicuro spostarla e dividerla così da non avere fiori che sarebbero altrimenti danneggiati.

Taglia le foglie e i gambi con un paio di cesoie pulite: non è necessario tenere i gambi della pianta perché ricresceranno una volta che saranno piantate.

Dividi la pianta madre in due

Scava un cerchio intorno alla pianta a circa 20-30 centimetri di distanza dalla pianta stessa per evitare di danneggiare le radici.

Solleva la zolla dal terreno e rimuovi delicatamente il terreno dalle radici. Puoi usare un getto d’acqua forte per lavare via facilmente il terreno.

Usa un coltello affilato per tagliare e dividere la pianta in sezioni con 4-5 gemme ciascuna.

Le gemme sono piccoli boccioli bianchi o rosa sulla zolla di terreno vicina alle radici.

A questo punto puoi piantare la tua divisione in un punto del giardino soleggiato e con terreno ricco, aggiungi del compost se necessario.

Pianta la divisione sotterrando anche le gemme della peonia. Innaffia bene la pianta dopo che è stata trapiantata e attendi la primavera per vedere nuove crescite.

Moltiplicare da seme

Coltivare peonie dal seme è facile ma richiede un po’ più di tempo e pazienza, circa 3-5 anni. I risultati, tuttavia, sono molto più soddisfacenti.

Ovviamente questo procedimento presuppone che tu abbia i semi di peonia, sia ottenuti dai baccelli delle tue peonie in giardino, sia presi confezionati e già pronti per la semina.

Tra fine estate e inizio autunno raccogli i baccelli di semi dalle tue peonie in giardino. Lascia asciugare i baccelli in un contenitore aperto, quindi rimuovi i semi. I baccelli inizieranno a rompersi man mano che i semi maturano.

A questo punto puoi decidere sia di piantare in semi all’aperto o al chiuso.

Semina all’aperto

Per piantare i semi di peonia all’aperto, usa i semi non appena sono maturati correttamente.

Prepara un’area per la semina in giardino e pianta semplicemente i semi di peonia come faresti con i semi di una qualsiasi altra pianta.

La maggior parte dei semi dovrebbe germogliare nei successivi mesi primaverili o estivi.

La semina all’aperto all’inizio dell’autunno dà ai semi il processo freddo-caldo di cui hanno bisogno: subiranno il freddo dell’inverno seguito dal caldo della primavera.

Questa sequenza è quella imitata per la semina della peonia al chiuso.

Semina al chiuso

Verso l’inizio di ottobre riempi i vasi da 10-12 centimetri con terriccio umido.

Pianta i semi in profondità e metti dei sacchetti di plastica sui vasi. Mettili in un luogo caldo (con circa 20°C) per circa 3 mesi.

Durante questo periodo si svilupperanno le piccole nuove radici. Quando le radici sono sufficientemente sviluppate, posiziona i vasi in un luogo freddo, come un frigorifero (T° appena sopra lo zero).

Lascia i vasi con i semi di peonia al freddo da 2 a 4 mesi fino a primavera!

Dopodiché scegli un posto in giardino e pianta le nuove piantine alla stessa profondità del vaso in cui sono germogliate.

Mantieni umida l’area di semina e per tutta l’estate vedrai apparire le prime foglie. Alcune piantine potrebbero non produrre foglie fino alla prossima primavera: sii paziente.

Lascia le piantine durante l’inverno fino ad agosto-settembre dell’anno successivo.

Con un po’ di fortuna si possono avere alcune fioriture l’anno successivo (che sarebbe dopo il terzo anno dalla semina).

Sarà una grande soddisfazione vedere il primo fiore di peonia dalle proprie piante!

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.