Come potare le Margherite per avere una fioritura ricca

Le margherite sono una di quelle piante che fioriscono costantemente anno dopo anno.

Se hai molto spazio a disposizione in giardino puoi farle crescere senza problemi e la potatura non è necessaria, ma se vuoi che abbiano un aspetto ordinato dovrai potare.

È il caso di potare anche quando non vuoi che le margherite spargano i semi e crescano a dismisura diventando invasive.

Scopriamo insieme come potare le margherite per avere una fioritura ricca!

Benefici della potatura

Questi fiori resistenti, le margherite, sono facili da coltivare e da mantenere e non ti chiedono altro che un po’ d’acqua, un terreno fertile e tanto sole.

Ci sono un paio di ragioni per la potatura della margherita, impedire alla pianta di seminare liberamente (se la coltivi in giardino), ma anche per migliorare la crescita delle piante.

La margherita sparge spontaneamente i semi in modo prolifico e, nel tempo, un piccolo raccolto diventerà un grande cespuglio fiorito e se hai poco spazio in giardino questo toglierà terreno ad altre piante.

Nel corso degli anni, se non poti, la pianta di margherita diventerà spoglia al centro e gli steli laterali saranno troppo alti e ciondolanti.

Quando potare le piante di margherita

Ci sono molti fattori riguardanti la potatura che sono cruciali per un risultato di successo.

Gli strumenti e l’abilità sono importanti, ma potare la margherita nel momento giusto è ancora più fondamentale.

Questo perché gli obiettivi per la potatura variano da stagione a stagione.

Durante il periodo di crescita, rimuovere man mano i fiori sfioriti è una forma di potatura della margherita che aiuta a tenere sotto controllo la semina e aiuta le piante ad apparire al meglio.

In primavera, appena prima di dividere le piante, pota la pianta di margherita a 15 cm da terra, questo preparerà la pianta per una nuova crescita.

In autunno, taglia gli steli a 5 cm da terra dopo che il fogliame è ingiallito. Puoi anche scegliere di lasciare gli steli morenti sulla pianta per fornire protezione invernale.

Strumenti adatti

Qualsiasi pianta scegli di potare, dovresti gestire l’igiene dei tuoi strumenti.

In più, le cesoie o le forbici da giardinaggio faranno tagli più puliti che evitano molti danni e malattie.

Gli strumenti dovrebbero essere sterilizzati frequentemente tra la potatura di diversi tipi di piante.

Una soluzione di candeggina diluita in acqua è generalmente sufficiente per rimuovere eventuali agenti patogeni dalle lame.

Immergi gli strumenti per alcuni minuti, pulisci con un panno pulito e lascia asciugare all’aria.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.