Proteggi dal freddo la Dipladenia in modo semplice seguendo questa Guida

Bella e dalla fioritura generosa, la dipladenia è spesso la protagonista dei nostri balconi o dei nostri pergolati con le sue belle prodezze rampicanti.

Ma sapevi che ha bisogno di essere protetta dal freddo pungente se vuoi rivedere le sue fioriture l’anno successivo?

Ti spiego come fare per proteggerla dal freddo invernale in modo semplice ed efficace.

Come se la cava con le basse temperature?

Essendo originaria del Sud America preferisce temperature superiori ai 20 °C. 

Anche in inverno, prima che le temperature scendano sotto gli 10 °C, devi fare in modo di proteggerla dal freddo o sarà destinata a terminare il suo ciclo vitale nel peggiore dei modi.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

La temperatura ideale durante l’inverno è intorno ai 12 gradi, non troppo fredda per nuocerle ma nemmeno troppo calda per interrompere il suo riposo vegetativo, essenziale a seguito dei mesi di crescita e fioritura.

Temperature alte durante il “letargo” possono negarle la successiva fioritura estiva.

Quando ripararla dal freddo?

Sul finire del mese di ottobre o intorno agli inizi di novembre potresti cominciare a spostare la pianta e tenerla al riparo dai primi freddi, evitandole il primo scontro con il gelo.

In generale tieni d’occhio le temperature notturne già a partire dal mese di ottobre, magari cominciando a coprire la pianta con teli appositi per le prime gelate notturne.

Cosa posso fare per proteggerla dal freddo?

Non pensare di ripararla in casa per evitare di esporla al freddo: in inverno il tepore delle nostre case, che hanno una temperatura ben al di sopra dei 15 gradi, non le consentirebbero di entrare in riposo vegetativo.

Se hai una veranda o un pianerottolo non riscaldato ma protetto dalle temperature più rigide e inoltre abbastanza luminoso, allora questo posto fa proprio al caso tuo.

Anche l’ambiente invernale deve essere luminoso ma fai in modo che la dipladenia possa godere di una luce indiretta, poiché il sole diretto non fa altro che far innalzare la temperatura percepita dalla pianta e questo farebbe in modo di impedire il letargo.

Approfitta per potarla

Prima di fare qualsiasi tentativo di potatura proteggi le mani con dei guanti, la linfa è urticante.

Ripulisci ogni parte della dipladenia da componenti ormai secche e se necessario riduci le parti che ormai sono ingombranti.

Approfitta del periodo che precede l’inverno, proprio poco dopo il termine delle fioriture per ripulirla, ancor prima di metterla al riparo, senza esagerare per evitare di sottoporla ad uno shock ulteriore oltre quello dello spostamento e del cambio di ambiente.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.