2 Modi efficaci per moltiplicare la Strelitzia o Uccello del Paradiso

Sebbene provenga dalla zona tropicale, l’Uccello del Paradiso, o meglio la Strelitzia, può essere coltivata con successo come pianta in vaso al di fuori della sua area di origine.

Prendersi cura di questa pianta è sorprendentemente semplice e, con un trattamento adeguato, questa pianta longeva riempirà il tuo spazio, interno o esterno, per anni con i suoi meravigliosi fiori.

A parte un po’ più di spazio, questa pianta non richiede molto. È facile da coltivare e persino facile da propagare.

Vediamo insieme 2 modi efficaci per moltiplicare la Strelitzia passo dopo passo!

Moltiplicazione per divisione

La strelitzia è una pianta che cresce lentamente e impiega 5 o 6 anni per raggiungere le dimensioni di una pianta matura.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Per questo la moltiplicazione per divisione ti permette di avere già una pianta cresciuta, si evita di partire da zero e dover aspettare anni per vedere i risultati, ma non è l’unico motivo per adottare questa moltiplicazione.

È vero che la strelitzia ama la compressione delle radici nel vaso e che la mancanza di spazio stimola lo sviluppo della sua parte fuori terra e una fioritura più abbondante.

Eppure, dopo due o tre anni, la mancanza di spazio diventa un fattore limitante per la sua ulteriore crescita. Quindi puoi scegliere di trapiantarla in un vaso più grande o cogliere l’occasione per moltiplicarla dividendo la pianta madre in diversi nuovi esemplari più piccoli.

Il periodo migliore per questa procedura è l’inizio della primavera prima dell’inizio della nuova stagione di crescita, poiché la pianta ha bisogno di un po’ di tempo per adattarsi alle nuove condizioni.

Procedimento

Innaffia abbondantemente la pianta prima della procedura per facilitarne la rimozione dal vaso.

Il substrato morbido e umido riduce al minimo anche i danni alle radici durante la rimozione della pianta.

Attendi 10 minuti affinché l’acqua in eccesso defluisca dopo aver bagnato il substrato in modo uniforme, quindi rimuovi con cura la pianta dal vaso. Pulisci tutto lo sporco dalle radici e sciacqualo sotto un getto di acqua tiepida.

È anche un’opportunità per osservare la zolla e rimuovere eventuali parti danneggiate, marce o malsane.

Lascia la radice pulita all’aria per quindici minuti su un tovagliolo di carta.
Mentre la radice si asciuga, prepara i nuovi vasi e riempili a metà con una miscela fresca di terreno simile a quella in cui era cresciuta la pianta madre.

Taglia la radice del rizoma in modo che ogni parte divisa abbia più foglie sviluppate, usando delle forbici affilate che hai precedentemente sterilizzato. Per la propagazione sono necessarie sia le foglie che parte della radice esistente.

Metti ogni divisione nel proprio vaso, aggiungi altro substrato e premi leggermente con le dita per far stare la pianta in piedi. Il nuovo vaso non dovrebbe essere troppo grande: se c’è molto spazio, la pianta consumerà energia per lo sviluppo delle radici a scapito della massa fogliare.

Innaffia la pianta e aggiungi altra miscela secondo necessità in modo che il livello del substrato sia due cm sotto il bordo del vaso. Quindi posiziona le nuove piante in un luogo caldo e luminoso senza luce solare diretta.

Le nuove piante che ottieni in questo modo non fioriranno fino a quando non raggiungeranno la maturità.

Moltiplicazione dai semi

La propagazione dell’uccello del paradiso a partire dai semi è il modo in cui queste piante si riproducono in natura. I semi duri e neri con ciuffi arancioni attirano gli uccelli che poi li disperdono nel paesaggio.

Tuttavia, coltivare da seme è un processo a lungo termine destinato solo a coloro che hanno abbastanza pazienza per aspettare che il seme germini, che può richiedere da un mese a un anno.

Inoltre, le piante coltivate da seme hanno bisogno di più di sei anni per raggiungere la maturità e fiorire per la prima volta.

Procedimento

Se vuoi provare a coltivare la strelitzia dai semi, dovrai seguire questi passaggi.

Elimina i ciuffi arancioni: a parte l’essere delle esche per gli uccelli, non hanno alcun ruolo nel processo di germinazione.

Metti i semi in una ciotola di acqua tiepida e lasciarli ammorbidire per 48 ore.
Pianta i semi in un substrato umido a una profondità di 2 cm.

Puoi piantarli in piccoli vasi individuali o, più convenientemente, in una fioriera a una distanza di 4 cm.

Copri il vaso con un sacchetto e posizionala in un luogo luminoso e caldo. La temperatura e l’umidità svolgono un ruolo chiave nel processo di germinazione, quindi mantieni i semi alla temperatura di 30°C.

Dopo non ti resta che aspettare! Quando le piantine compaiono e crescono abbastanza per gestirle, puoi trapiantare i cuccioli dell’uccello del paradiso in vasi separati. Se hai scelto vasi piccoli con semi singoli, non spostarli finché le radici non hanno riempito i vasi.

Metodo alternativo

Invece di piantare i semi nel terreno, puoi provare un metodo alternativo che accelera il processo di germinazione.

Metti due strati di carta assorbente da cucina sul fondo di un sacchetto di plastica,
disponi i semi precedentemente imbevuti su carta.

Nebulizza i semi e la carta, quindi copri con un altro strato di carta, chiudi la busta e riponi in un luogo caldo. Di tanto in tanto, apri la busta per areare i semi e nebulizza ulteriormente secondo necessità.

Il vantaggio di questo metodo è che vedrai quando emergerà un germe dai semi. Trasferisci i semi germinati in un vaso con un substrato umido e pianta a 2 cm di profondità.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.