Il segreto per avere Piante Grasse sempre in salute è dare la giusta luce così

Se c’è un elemento vitale imprescindibile per le nostre piante, quello è di sicuro la luce, tra i più importanti per la sopravvivenza e per la crescita.

In particolare, per le piante grasse la luce ha un’importanza decisiva poiché proprio in base alla collocazione e quindi all’esposizione che ricevono ne gioveranno in termini di sopravvivenza.

In linea generale non è possibile definire un posto specifico che vada bene per tutte le succulente, in termini di luce.

La cosa più saggia da fare è quella di provare a replicare le condizioni dell’habitat naturale della specie coltivata così da garantire alla succulenta, di qualunque specie si tratti, la giusta quantità e qualità di luce di cui necessita.

Ma vediamo insieme di cosa hanno bisogno in termini di luce le piante grasse e quali possono essere i punti d’esposizione migliori.

Che tipo di esposizione vogliono le piante grasse?

La maggior parte delle succulente e tutte le cactacee sono originarie di zone sub desertiche. È per questo che amano la luce del sole perennemente e non temono le ore più calde della giornata.

La loro composizione naturale e quindi l’adattamento a queste zone, le ha dotate di cellule in grado di immagazzinare grandi quantità d’acqua.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

È per questo motivo che richiedono di essere posizionate principalmente all’esterno, in una zona a clima caldo e non umido.

L’esposizione migliore per le piante grasse è senz’altro in una posizione a sud, lì dove il sole illumina lo spazio per la maggior parte della giornata, a partire dalla tarda mattinata fino al pomeriggio inoltrato.

Un ulteriore esposizione ideale e strategica potrebbe essere quella in un punto ad est, dal quale le nostre succulente possano godere di tutta la luce brillante del sole fino alla tarda mattinata.

Come capire se la pianta grassa ha bisogno di più luce?

Ci sono diversi elementi a cui prestare attenzione con i quali le piante grasse comunicano che hanno bisogno di più luce.

Assenza di fioriture

Il primo sintomo della carenza di luce per cactacee e piante grasse in generale è la totale assenza dei fiori.

Ebbene si, sia i cactus che le piante grasse producono dei fiori, e per nulla banali ma spesso dalle colorazioni sgargianti e dall’aspetto tutt’altro che comune.

Per fare questo però hanno bisogno delle condizioni giuste e la mancanza di un’illuminazione adeguata non consente alla pianta di produrre fiori.

Consistenza esile ed allungata

Quando i cactus fanno dei figlioletti striminziti ed esili, dalla forma allungata, oppure le piantine grasse producono dei germogli con foglie che hanno forme anomale e dilatate, allora soffrono per la carenza di luce.

L’allungamento del corpo è una conseguenza della ricerca della luce: per raggiungere zone maggiormente luminose le nostre piante grasse si allungano alla ricerca di raggi solari.

Colori sbiaditi

Un ulteriore sintomo della carenza di luce riguarda il tono di verde assunto dal fogliame e dall’intero corpo vegetale delle nostre piante grasse.

Generalmente, un tono di verde scuro rappresenta una corretta esposizione; tutt’altro invece indica una colorazione di verde sbiadita, in alcuni casi talmente sbiadita da rasentare il bianco in alcuni punti dei cactus o delle piante grasse in generale.

In quel caso la pianta ha decisamente bisogno di luce o avrà serie difficoltà di sopravvivenza.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.