Conosci i segreti per coltivare il Mughetto?

Il Mughetto, conosciuto anche come lacrime di Nostra Signora, giglio di maggio è una pianta perenne con fiori a campanule dal profumo delicato.

Il suo nome botanico è Convallaria Majalis ed appartiene alla famiglia Asparagaceae.

La Convallaria majalis cresce spontanea nelle zone prealpine italiane. È diffusa in tutta Europa, in Asia e in America. Si suppone che sia originaria del Nord America.

La sua rapida crescita, quasi come fosse una pianta infestante e la sua resistenza ai parassiti la rende perfetta per chi vuole abbellire balconi o giardini con fiori dall’aspetto delicato.

Vediamo insieme in che modo aver cura del mughetto.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Caratteristiche

La pianta ha foglie a spadice che possono avere una lunghezza fino a 30 cm, distribuite in vari ciuffi che sbucano dal terriccio.

Sfoggia fiori piccoli, profumati e bianchi in primavera su lunghi steli che si alzano dai ciuffi fogliari. Più tardi, in autunno appaiono bacche rosso-arancio.

Esposizione

Il mughetto prospera nelle zone d’ombra, che sia parziale o completa.

Il sole diretto del mattino non può nuocerle, a differenza di quello delle ore più calde che può bruciare le foglie. Viene spesso piantato ai piedi di alberi più grandi che possono farle ombra.

Varietà

Oltre alle tipiche specie di mughetto che si trovano nei giardini, potresti imbatterti in alcuni tipi meno comuni, tra cui:

  • Convallaria majalis ‘Rosea’, una varietà che produce fiori rosati;
  • Convallaria majalis ‘Gigante di Fortin’ con fiori più grandi del tipico mughetto;
  • Convallaria majalis ‘Flore Pleno’ apprezzato per il numero maggiore di fiori su ogni stelo;
  • Convallaria majalis ‘Hardwick Hall’ con foglie variegate, dal contorno giallo;
  • Convallaria majalis ‘Albostriata’ con foglie striate e fiori più grandi del comune mughetto.

Fioritura

Puoi aspettarti che il tuo mughetto fiorisca intorno ai mesi primaverili, da aprile a giugno.

In particolare, i suoi fiori che pendono dagli steli alti a forma di campanelle, di colore bianco o rosato, hanno un profumo delicato anche se sono altamente tossici.

Coltivazione e cura

Il mughetto crescerà vigorosamente, in modo anche invasivo, veloce, soprattutto se gli si danno zone d’ombra. Il fattore luce è di certo l’unica pretesa.

Quando innaffiare

La Convallaria Majalis ama il terreno umido quando ancora giovane ma si adatta bene anche ad un terriccio secco per alcuni giorni, una volta stabilita.

Sarebbe bene che controllassi il terriccio ed innaffiassi la pianta al bisogno, constatando il grado di umidità con le dita.

Devi accertarti che vi sia sempre umidità e innaffiare quando i primi centimetri sono asciutti. Il mix di terriccio ideale del mughetto è fatto di terriccio universale e argilla o perlite.

Terriccio

Il mughetto predilige terricci ricchi di sostanze organiche e altamente drenanti.

Prospera in un terriccio che va dall’acido al neutro per quanto riguarda il pH, ma ben si adatta anche ad uno leggermente alcalino.

Quando concimare

Il mughetto in genere non ha bisogno di fertilizzanti a meno che tu non abbia un terriccio povero.

Se il tuo terreno manca di sostanze nutritive, puoi aggiungere un fertilizzante granulare a lento rilascio in primavera.

Potatura

Il mughetto non necessiterebbe di alcuna potatura se non fosse per la sua rapida crescita e diffusione nel terriccio, che ha bisogno di essere contenuta.

Per questo motivo, dopo la fioritura potrebbe essere necessario ridurne la diffusione, qualora diventasse troppo infestante e prendesse lo spazio di altre piante.

Come moltiplicarlo

Essendo una pianta rizomatosa, il modo migliore per moltiplicare il mughetto è dividere i rizomi poco prima del periodo primaverile.

Con cesoie ben disinfettate, taglia di netto appena prima del rizoma e riponi in un vaso con terriccio sabbioso e ricco, ad una profondità di circa 15 cm il rizoma.

Tieni il vaso in un punto ombreggiato, al riparo dal sole e mantieni il terriccio umido.

Parassiti e malattie

Il mughetto è una pianta che non ha problemi specifici riguardo ai parassiti.

Potresti trovare delle limacce nei mesi caldi, lumache senza guscio che si riparano sotto le foglie durante il giorno e si nutrono delle stesse durante la notte.

Puoi utilizzare la tipica trappola della birra per tenere sotto controllo un’infestazione da limacce oppure utilizzare gusci d’uovo da spargere sul terriccio intorno alla pianta per allontanarle.

Puoi ritrovare anche della cocciniglia sotto le foglie, parassita succhiatore che provoca l’ingiallimento delle foglie. Puoi ripulire le foglie con alcol che le dissolve, qualora si trattasse di un’infestazione non largamente diffusa.

Puoi utilizzare olio di Neem o olio bianco da nebulizzare su tutta la chioma o pesticidi specifici da banco qualora l’infestazione fosse grave.

Come moltiplicare il mughetto?

Essendo una pianta rizomatosa, il modo migliore per moltiplicare il mughetto è dividere i rizomi poco prima del periodo primaverile.

Dove cresce il Mughetto?

La Convallaria majalis cresce spontanea nelle zone prealpine italiane. È diffusa in tutta Europa, in Asia e in America. Si suppone che sia originaria del Nord America.

In che periodo fiorisce il mughetto?

Puoi aspettarti che il tuo mughetto fiorisca intorno ai mesi primaverili, da aprile a giugno.

Quando seminare il mughetto?

La messa a dimora ideale per il mughetto va messa in atto in autunno, tra ottobre e novembre.

Quando innaffiare il mughetto?

La Convallaria Majalis ama il terreno umido quando ancora giovane ma si adatta bene anche ad un terriccio secco per alcuni giorni una volta stabilita.
Sarebbe bene che controllassi il terriccio ed innaffiassi la pianta al bisogno, constatando il grado di umidità con le dita.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.