Lauroceraso: come coltivare l’arbusto da siepe

Le piante di lauroceraso (Prunus laurocerasus) sono attraenti arbusti sempreverdi che fanno parte del genere prunus, che comprende anche susino, pesco e mandorlo.

Questi grandi arbusti a crescita rapida hanno fiori profumati e la capacità di attirare gli uccelli grazie ai frutti rossi simili a ciliegie.

Il robusto e resistente lauroceraso viene usato per formare siepi di qualsiasi forma grazie al fogliame verde scuro, opaco e ai caratteristici fiori bianchi.

Sono resistenti e abbastanza facili da curare, soprattutto quando sono già ben radicati in giardino.

Scopriamo insieme come coltivare l’arbusto di lauroceraso!

Attenzione: le foglie del prunus laurocerasus sono velenose, poiché contengono acido cianidrico. Se ingerita in grandi quantità, questa tossina può danneggiare il sistema nervoso umano o animale. Anche le bacche sono tossiche se ingerite in grandi quantità.

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche del lauroceraso, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Varietà

Alcune cultivar di lauroceraso popolari includono:

  • Prunus laurocerasus Otto Luyken: è una pianta compatta tipicamente coltivata come siepe, cresce da 1 a 1,5 metri.
  • Prunus laurocerasus Schipkaensis: un arbusto eretto e allargato con foglie strette e lucide che cresce fino a 3 metri di altezza.
  • Prunus laurocerasus Zabeliana: cresce fino a circa 1,5 metri di altezza (ma con una diffusione di 3 metri, è a crescita lenta e viene usato per i giardini più piccoli come copertura del terreno.

Esposizione

L’arbusto di lauroceraso richiede poche attenzioni quando si tratta dell’esposizione al sole.

Tollera varie condizioni di luce, dal pieno sole all’ombra parziale e tollera anche la piena ombra.

Tuttavia, questi arbusti cresceranno meglio con una maggiore esposizione al sole nei climi più freddi e più ombra nelle regioni più calde.

Fioritura

Gli arbusti di lauroceraso vengono coltivati più per le foglie che per i fiori.

Tuttavia, queste piante producono delicati fiori bianchi a forma di spighe in primavera.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno il lauroceraso per crescere sano e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

Un corretto drenaggio dell’acqua delle annaffiature è fondamentale per la sopravvivenza della pianta di lauroceraso.

Preferiscono anche un terreno fertile e leggermente acido.

Quando innaffiare

Per una crescita ottimale, ti consiglio di innaffiare il tuo lauroceraso abbastanza frequentemente da mantenere il terreno umido.

Tuttavia, non lasciare che il terreno diventi troppo fradicio.

Concime

Puoi aumentare la crescita del tuo lauroceraso utilizzando fertilizzanti formulati per alberi ornamentali e concimi per piante sempreverdi.

Potatura

Quando si potano le piante di lauroceraso, il tempismo è decisamente importante.

Mira alla tarda primavera o all’inizio dell’estate, dopo che è fiorita.

Sono facili da potare, soprattutto se piantati come parte di una siepe. Tuttavia, ti consiglio di prestare attenzione durante la potatura a causa della tossicità delle foglie.

Moltiplicazione

Le piante di lauroceraso possono essere moltiplicate attraverso talee.

Le talee possono essere piantate e annaffiate in un luogo riparato nel giardino per una crescita ottimale.

Taglia una talea e piantala in piena terra o in un vaso iniziale, tieni umido il terreno e aspetta finché la pianta non emette nuove radici.

Malattie e parassiti

Sebbene siano considerati arbusti resistenti alle malattie, il lauroceraso può essere suscettibile a parassiti come afidi e cocciniglie, nonché all’oidio.

In caso di parassiti, usa un getto d’acqua forte per eliminarne buona parte e tratta successivamente la pianta con un pesticida o, in alternativa, con olio di neem.

Qual è la differenza tra lauroceraso e alloro?

Il lauroceraso (Prunus laurocerasus) è un arbusto sempreverde della famiglia delle Rosacee. Mentre l’alloro (Laurus nobilis) è una pianta aromatica e officinale appartenente alla famiglia delle Lauraceae. Le foglie di alloro sono più piccole, a forma di lascia e sono profumate. Le foglie di lauroceraso sono più grandi, tondeggianti e non profumano.

Come coltivare il lauroceraso in vaso?

Se coltivi il lauroceraso in vaso, assicurati di mantenere umido ma non zuppo il terreno, tieni la pianta in una zona luminosa del giardino e rinvasa quando le radici fuoriescono dal vaso.

Quanta acqua dare al lauroceraso?

Se coltivi la pianta in giardino potrebbe andare bene solo l’acqua piovana, ma se in estate c’è un periodo di siccità, puoi innaffiare tu stesso la siepe. Se coltivi la pianta in vaso, questa ha bisogno di annaffiature più frequenti, mantieni umido il terreno ma non inzupparlo.

Come fare una siepe di Lauroceraso?

Per creare una siepe di lauroceraso, pianta gli arbusti giovani ad una distanza di almeno 50 cm l’uno dall’altro lungo tutto il perimetro che vuoi decorare con la siepe. Aggiungi un po’ di compost nel terreno e mantienilo umido finché la pianta non si stabilizza e inizia ad infoltirsi.

Quanto cresce all’anno il lauroceraso?

Il lauroceraso è una pianta a crescita rapida che può crescere molto in altezza. In genere, cresce di circa 50 cm all’anno.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.