Conosci la Rudbeckia? La pianta simile alla margherita

Le piante di Rudbeckia (Rudbeckia hirta) sono facili da curare ed è per questo che sono un must nel giardino.

Petali simili a margherite giallo brillante e dischi centrali scuri spuntano su foglie verdi con una consistenza ruvida.

Questo fiore selvatico è originario degli Stati Uniti centrali e può essere visto crescere nelle aree naturali. La sua capacità di auto-seminarsi la rende un’ottima scelta per abbondanti giardini di fiori selvatici.

Vediamo insieme come curare la Rudbeckia, la pianta che somiglia alla margherita!

Caratteristiche

Troverai qui elencate le caratteristiche della Rudbeckia, a partire dalle varietà più comuni e più conosciute, fino alle informazioni sulla fioritura.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Varietà

La Rudbeckia appartiene alla famiglia delle Asteraceae, tra le varietà di queste piante fiorite troviamo:

  • Rudbeckia hirta Becky: una varietà nana compatta.
  • Rudbeckia hirta Cherry Brandy: ha fiori da rossi a marrone rossiccio attorno a coni centrali scuri.
  • Rudbeckia hirta Cherokee Sunset: ha fiori doppi e semi-doppi nei toni del giallo, arancio, rosso, bronzo e mogano.
  • Rudbeckia hirta Indian Summer: mostra grandi fiori gialli e raggiunge un’altezza compresa tra 1 metro e 1,5 metri.

Esposizione

Per ottenere una fioritura ricca e rigogliosa dalle tue piante di rudbeckia dovrai fornire alla pianta pieno sole.

Tuttavia, questa pianta può tollerare anche una posizione con un po’ d’ombra.

Fioritura

La rudbeckia fiorisce nel periodo che va dall’estate ai primi mesi dell’autunno.

I fiori di Rudbeckia presentano un disco centrale prominente e rialzato in tonalità di verde-nero e marrone, dando origine al loro nome comune di Black-eyed-susan.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di quali cure ha bisogno la rudbeckia per crescere sana e forte, a partire dal terreno di cui ha bisogno fino alle informazioni sulla potatura.

Terreno

Le piante di Rudbeckia non sono particolarmente esigenti quando si tratta del terreno in cui vengono coltivate.

Tuttavia crescono meglio se fornisci loro un terreno non troppo ricco e drenante, con un pH intorno a 6,8.

Quando innaffiare

Mantieni le piante ben annaffiate durante la prima stagione per farle stabilizzare.

Se già provvede la pioggia all’innaffiatura allora puoi ridurre il tuo intervento ma in genere, una volta che la pianta si stabilisce, poi sarà resiste anche a periodi di siccità.

Concime

Non esagerare con fertilizzante. Le rudbeckia crescono anche in terreni poveri e sterili.

Un’applicazione leggera di compost dovrebbe essere tutto ciò di cui avranno bisogno per tutto l’anno.

Potatura

Non necessita di potatura ma potrebbe essere necessario eliminare le parti malate come foglie ingiallite o fiori esauriti.

Moltiplicazione

La Rudbeckia hirta è una pianta perenne di breve durata che potrebbe non invecchiare abbastanza per formare cespi grandi e pieni.

Ma se lo fa, può essere propagata per divisione all’inizio della primavera, quando appare una nuova crescita, o in autunno, quando la pianta ha finito di fiorire.

Solleva l’intera pianta da terra con una pala. Dividila a metà o più sezioni usando i potatori o una vanga, ripianta poi ogni sezione in una nuova posizione e mantienila ben irrigata fino a quando non vedrai una nuova crescita in poche settimane.

Puoi moltiplicare la rudbeckia anche da seme, piantandoli in casa circa 2 mesi prima dell’ultimo gelata.

Pianta i semi a mezzo centimetro di profondità in vasetti riempiti con terriccio. Le varietà perenni germineranno meglio se i vasi dei semi vengono conservati in frigorifero o in un luogo freddo per quattro settimane dopo la semina.

Successivamente, la temperatura del terreno deve essere calda per la germinazione, quindi posiziona il vassoio con i semi in un luogo caldo come la parte superiore del frigorifero o un tavolo sopra una ventola di calore.

I semi dovrebbero germogliare entro 7-21 giorni.

Malattie e parassiti

La rudbeckia è raramente attaccata da parassiti e malattie gravi.

La macchia fogliare è una malattia fungina che forma macchie nere sulle foglie e sugli steli.

Fornisci una buona circolazione dell’aria lasciando ampio spazio tra le piante ed evita di bagnare le foglie durante l’irrigazione in quanto ciò può diffondere i funghi.

Significato

La rudbeckia viene chiamata volgarmente anche Black-Eyed Susan ovvero Susan dagli occhi neri. Si tratta di un epiteto per il caratteristico centro marrone scuro del fiore, da cui il riferimento “dagli occhi neri”.

Tuttavia, chi è Susan? La leggenda dice che il nome Susan affidato a questa pianta abbia avuto origine da una poesia in inglese antico scritta da John Gay intitolata “Sweet William’s Farewell To Black-Eyed Susan“.

Come mantenere fiorita a lungo la Rudbeckia?

Le piante di Rudbeckia si stabiliscono facilmente e richiedono poca cura oltre all’eliminazione dei fiori esauriti. Se li elimini regolarmente, ciò mantiene le piante in fiore più a lungo.

Perché la Rudbeckia non fiorisce?

La mancata fioritura può essere causata dalla mancanza di sole, la rudbeckia ha bisogno del pieno sole per fiorire. Un modo per rimediare è spostare le piante in un luogo diverso con un’esposizione completa al sole, ma se si tratta di un albero o di un arbusto che fa ombra su di esse, un po’ di potatura potrebbe essere sufficiente per far passare più luce solare. Alcune varietà perenni potrebbero non fiorire fino al secondo anno.

Quando si pianta la Rudbeckia?

Pianta la Rudbeckia a nel periodo che va tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate per avere temperature favorevoli alla germinazione.

Come coltivare la Rudbeckia?

La rudbeckia necessita di pieno sole e di un terreno poco ricco ma drenante. Non concimare troppo la pianta e limita la potatura all’eliminazione dei fiori esauriti.

Quando fiorisce la Rudbeckia?

La rudbeckia fiorisce nel periodo che va dall’estate ai primi mesi dell’autunno.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.