Conosci la Menta Mojito? Per coltivarla servono pochissimi consigli

Chi non ha mai provato un mojito sulla spiaggia ad agosto? Tutti o quasi! E anche se tu non ne abbia mai assaggiato uno, saprai sicuramente di cosa si tratta: un cocktail a base di rum bianco, lime e menta.

Ma sapevi dell’esistenza di una varietà di menta chiamata proprio menta mojito?

Questo perché le origini cubane di questa bevanda richiedono una menta speciale unica nell’isola.

Alcuni sostengono che sia la menta verde la varietà originaria di menta utilizzata per il classico mojito, mentre altri sostengono che sia invece la più delicata Mentha x villosa, la menta mojito, appunto.

Vediamo allora le caratteristiche di questa varietà particolare di menta!

Caratteristiche

La menta Mojito, in botanica Mentha x villosa, è stata portata in Nord America da Cuba circa 10 anni fa.

Fino al 2005 questa varietà di menta era rara e difficile da trovare fuori da Cuba.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

La verità è che la menta verde e la menta mojito sono usate in modo intercambiabile nel popolare cocktail, perché hanno un sapore simile. In più, sono entrambe della stessa famiglia.

Che gusto ha la Menta Mojito?

Questa menta, invece che la menta verde, conferisce l’autentico gusto del mojito.

La menta mojito ha un sapore molto più delicato con sentori di agrumi, mentre la menta verde è molto più forte (pensa alle mentine per la bocca o alle gomme da masticare).

In più, la menta Mojito ha foglie grandi che la rendono impossibile da confondere con altre varietà.

La menta, in generale, ha un apparato radicale forte e vigoroso, quindi devi offrirle molto spazio scegliendo un vaso abbastanza capiente per le radici.

Come coltivare la Menta Mojito

Anche se alcuni anni fa era più raro, al giorno d’oggi puoi trovare la menta mojito cubana nella maggior parte dei vivai ben assortiti.

Metti la pianta in un punto del balcone dove ottenga la luce del mattino e un po’ di ombra pomeridiana (o luce screziata).

Predilige un terreno che drena bene e che rimanga uniformemente umido soprattutto durante la parte più calda della giornata.

Molte varietà di menta preferiscono condizioni simili, il che rende la menta mojito abbastanza facile da coltivare se hai già coltivato la menta classica.

Tieni conto però, che la menta Mojito può diffondersi crescendo, diventando quasi invasiva. Un modo per controllare l’espansione incontrollata è dare a questa pianta un grande vaso e poi inserire il vaso nell’aiuola.

Avrai una crescita vigorosa ma rischi meno che diventi invasiva nel tuo giardino. Se garantire un’umidità costante è un po’ difficile nel tuo clima, metti uno strato di pacciame intorno al vaso in estate e in autunno.

La menta ama l’umidità e non ama seccarsi ma assicurati che l’acqua in eccesso defluisca dai fori di drenaggio.

La menta preferisce essere piantata in un terreno ricco e argilloso. Puoi usare una miscela di 1 parte di terriccio, 1 parte di sabbia e 1/4 parte di compost, se la pianti in giardino.

Raccolta e utilizzo della Menta Mojito

Raccogli le foglie solo una volta che la pianta è matura e alta da 16 a 20 cm.

Una buona regola pratica è limitare la raccolta a un terzo della pianta alla volta.

Aspetta almeno che ricresca prima di raccogliere di nuovo le foglie. Una volta che la pianta si è stabilizzata nel giardino, questo non dovrebbe essere un problema.

Per il miglior sapore, raccogli le foglie al mattino prima che il sole cocente secchi gli oli aromatici presenti nel fogliame. Puoi tenere i gambi in un bicchiere d’acqua finché non sei pronto per usarli.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.