Come curare una piantina di Origano e averne sempre a disposizione

Il genere Oreganum comprende un gran numero di erbe e arbusti perenni originari dell’Asia occidentale e del Mediterraneo.

La specie che tratterò in questo articolo è il classico Oreganum vulgare: ha un sapore caratteristico ed è presente in molti piatti della nostra cucina.

In più, è una pianta perenne resistente, facile da coltivare nel giardino di casa o in vaso.

Le foglie di origano sono ovali, verde scuro e posizionate a coppie opposte lungo gli steli. Una manciata di piante ti fornirà abbastanza origano da usare fresco di stagione e da essiccare per l’uso durante il resto dell’anno.

Scopriamo insieme come curare una piantina di origano e averne sempre a disposizione!

Caratteristiche

Vediamo quali caratteristiche contraddistinguono questa pianta a partire dalle varietà che conosciamo, fino alle informazioni su terreno, annaffiatura ed esposizione.

Varietà di origano

Devi sapere che anche l’origano comune, Origanum vulgare, può assumere molte forme.

Ecco alcune varietà comuni di origano da considerare:

  • Origanum vulgare: è il classico origano usato in cucina. Ci sono molte cultivar di Origanum vulgare, usate generalmente per i loro gusti unici.
  • Origanum vulgare Aureum: questo origano ha foglie di colore più chiaro e un sapore di origano più delicato. È più popolare come pianta ornamentale che come erba da cucina.
  • Origanum heracleoticum (origano greco): la varietà solitamente utilizzata nella cucina mediterranea, questo è il tipo che la maggior parte delle persone associa al sapore dell’origano. Viene talvolta chiamato anche origano greco.

La Lippia graveolens (origano messicano), invece, anche se non appartiene alla famiglia dell’origano, questa pianta è chiamata origano messicano e viene utilizzata nelle polveri di peperoncino.

Terreno e annaffiatura

Il terriccio sabbioso è più adatto per l’origano.

Se il tuo terreno è umido con molta materia organica, l’origano non crescerà bene come in un terreno più leggero e asciutto che è generalmente drenante.

Inoltre, un terreno ricco tende ad affievolire la piccantezza del sapore.

Lascia che il terreno si asciughi completamente tra un’annaffiatura e l’altra. Se la pianti in vaso, usa un terriccio drenante, possibilmente mescolato con un po’ di sabbia, perlite o vermiculite.

Non esagerare con l’acqua con le piante di origano. Innaffia abbondantemente solo dopo che il terreno è completamente asciutto al tatto.

Esposizione

La maggior parte delle varietà di origano ha bisogno di pieno sole.

Tuttavia, la varietà di origanum aureum cresce meglio in ombra parziale, poiché le sue foglie tendono a bruciare in pieno sole.

Coltivazione

Ecco le informazioni sulla coltivazione di una pianta di origano, a partire dalle istruzioni su come piantarlo fino ad arrivare a vedere come si concima e come viene potato.

Come piantare l’origano

L’origano viene solitamente piantato a partire da piante in vaso o da talee radicate prelevate da piante madre.

È ampiamente disponibile nei vivai poiché è un’erba aromatica molto utilizzata.

Il clima, il suolo e l’umidità possono causare variazioni nel sapore dell’origano per questo è importante capire dove piantarlo.

Questa è una buona pianta per quelle zone soleggiate del tuo giardino con terreno povero che non è molto adatto ad altre piante.

Se la pianti in giardino, l’origano comune dovrebbe essere piantato da 20 a 30 cm l’uno dall’altro. Aspetta che il terreno sia di circa 20° centigradi prima di piantare.

Concime

Molte delle piante aromatiche sono molto sensibili al concime poiché può modificare l’intensità del sapore delle foglie.

L’origano non fa eccezione: crescerà bene in un terreno poco fertile.

Non aggiungere compost o fertilizzante alla sua area di coltivazione. Grandi quantità di sostanze nutritive, come l’azoto, possono modificare il sapore di questa erba.

Potatura

L’origano ha bisogno di essere pizzicato regolarmente, a partire da quando la pianta è alta solo circa 10 cm.

Pizzicare le punte in crescita farà sì che le piante si espandano e prevengano una crescita rada e sparsa.

Inoltre, impedisce alla pianta di fiorire, il che è meglio se vuoi mantenere le foglie il più saporite possibile per l’uso in cucina.

Man mano che la pianta cresce, questo rituale di pizzicamento dovrebbe essere fatto settimanalmente.

Se la pianta diventa eccessivamente legnosa, tagliare gli steli fino al suolo incoraggerà più steli a germogliare dalla base, offrendoti una pianta più piena e cespugliosa.

Come si raccoglie

Le foglie più saporite dell’origano si trovano immediatamente prima dei fiori della pianta, ma puoi tagliare le foglie in qualsiasi momento per usarle fresche o essiccarle.

Le foglie possono essere anche congelate per essere utilizzate durante l’inverno.

Puoi iniziare la raccolta quando le piante hanno raggiunto i 10-12 cm di altezza, taglia i rametti per l’uso.

Gli steli tendono a diventare legnosi e il modo più semplice per spogliare le foglie è tenere il gambo per l’estremità superiore e far scorrere il dito lungo lo stelo.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.