Cura la Valeriana officinalis secondo queste regole per farla durare per sempre

La valeriana (Valeriana officinalis) è una pianta perenne fiorita originaria dell’Europa e dell’Asia. Le origini della parola derivano dal verbo latino valere che significa “essere forti e sani”.

La radice di valeriana è molto utilizzata ed è nota per essere un efficace aiuto per dormire.

Può crescere fino a 1,5 metri di altezza e, quando è in fiore, la parte superiore della pianta è ricoperta da piccoli fiori rosa pallido o bianchi.

Questi fiori hanno un profumo dolce che ricorda la vaniglia e i chiodi di garofano e sono attraenti per gli impollinatori grazie al loro abbondante nettare. Anche i gatti apprezzano l’odore della pianta, quasi più di quanto non facciano con l’erba gatta.

Uso della valeriana

Le proprietà curative della valeriana sono state registrate fin dai tempi di Ippocrate. La radice è stata usata per curare insonnia, tosse, crampi e dolori muscolari, e le foglie sono usate per alleviare le contusioni.

Oggi la maggior parte delle persone lo usa per favorire il sonno o il rilassamento. Può essere trasformato in un tè o infuso ma ha un odore pungente e un sapore astringente che può risultare sgradevole.

Sebbene gli studi clinici non abbiano dimostrato la sua efficacia, molte persone giurano sulla valeriana come aiuto per il sonno e il rilassamento.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Cura della valeriana

A condizione che la tua pianta di valeriana riceva umidità sufficiente, sono una specie abbastanza resistente che può sopravvivere a una varietà di temperature.

Ma vediamo come curarla nel modo giusto.

Esposizione

La valeriana non è molto sensibile alla luce solare intensa e può essere coltivata in una posizione di pieno sole.

Se scegli una posizione dove ha accesso al sole pomeridiano, ovvero dove abbia una situazione di sole parziale, la valeriana crescerà in salute.

Terreno

La valeriana crescerà nella maggior parte dei tipi di terreno purché vi sia un buon drenaggio, ma preferisce un terriccio sabbioso.

Tende a crescere spontaneamente nei prati. I terreni argillosi potrebbero non avere il drenaggio necessario per mantenere le piante correttamente umide, quindi l’aggiunta di compost aiuterà.

Quando innaffiare

La valeriana ha bisogno di una quantità costante di umidità leggera per prosperare.

Tieni umido il terreno ma evita il ristagno d’acqua eccessivo che può far marcire le radici.

Fertilizzante

Per evitare che le radici delle piante di valeriana diventino eccessivamente grandi è meglio evitare un concime NPK standard.

Scegli invece un concime ricco di azoto e concima 1 volta al mese durante la primavera.

Quando raccogliere la valeriana?

I periodi migliori per raccogliere le radici della tua pianta di valeriana sono in primavera o in autunno, poiché è allora che le sostanze benefiche presenti nella pianta sono al loro apice.

Dopo aver raccolto le radici, lavale bene e poi appendile ad asciugare in un luogo caldo e secco.

Tieni presente che le radici hanno un forte odore durante l’asciugatura, quindi potresti voler aprire le finestre. Una volta essiccate, conserva le radici in un contenitore ermetico lontano dalla luce solare diretta.

Potatura

Questa pianta ha la tendenza a riseminarsi e a diffondersi molto facilmente.

Per questo modo di crescita quasi invasivo la potatura è necessaria: taglia i fiori appassiti prima che secchino completamente e spargano i semi, ciò ti aiuterà ad evitare che la valeriana diventi invasiva nel tuo giardino.

Propagazione della valeriana

Le piante sane che si sono stabilite possono essere divise alle radici per produrre nuovi esemplari nel tuo giardino.

Qualsiasi divisione dovrebbe essere fatta in primavera e non troppo tardi, per garantire che le nuove radici delle piante divise abbiano il tempo di radicarsi prima che arrivi l’inverno.

La valeriana si coltiva facilmente da seme mediante semina diretta in giardino dopo che è passato ogni pericolo di gelo.

Pianta i semi ad 1 cm di profondità e mantieni il terreno idratato fino alla germinazione. Ci vorranno dalle 2 alle 3 settimane per germogliare.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.