Tutto quello che devi sapere sul risveglio autunnale del Ciclamino

Una bulbosa conosciuta anche come la Regina del freddo: parliamo del Ciclamino.

Questa pianta, dalle foglie screziate di varie tonalità di verde e i cui fiori sono meravigliose pennellate rosse e bianche, sono molto amate come piante decorative perfette nelle stagioni autunnale e invernale.

Se l’hai conservata dall’anno scorso, prendendotene comunque cura durante il suo periodo di riposo vegetativo, saprai che proprio in autunno questa pianta si risveglia, dando il meglio di sé e mostrandosi in tutta la sua bellezza.

Ma, di certo, non possiamo starcene con le mani in mano! Vediamo tutto quello che possiamo fare per preparare il Ciclamino al risveglio autunnale.

Fagli sentire “il freddo”

La nuova stagione del ciclamino inizia con un lento ma inevitabile risveglio attivato proprio dal calo delle temperature.

Se avevi il ciclamino in casa, il fatto che gli ambienti domestici abbiano sempre una temperatura costante potrebbe confondere questa pianta.

Importante è farle percepire che le temperature stanno cambiando e che è tempo di svegliarsi. Puoi, quindi, collocarla all’esterno, sul balcone. In alternativa, puoi collocarla sul davanzale di una finestra (dove non ci sia, però, luce solare diretta).

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Attenzione: contrariamente a quanto si pensa, il ciclamino non ama le temperature troppo basse. Cerca sempre di tenerlo al fresco, ma non al freddo, per favorire la fioritura e non farlo deperire.

Cambia il terriccio

Per preparare il tuo ciclamino a esplodere in tutta la sua bellezza, importante è rinvasarlo.

In realtà, la cosa da fare non è tanto cambiare il vaso quanto il terreno: questo deve essere leggero, ricco di sostanze nutritive, ben drenante e sostenuto da una base di argilla espansa da collocare sul fondo. Scopri qui tutti i segreti dell’argilla espansa.

Un nuovo terriccio è solitamente il primo passo verso il nuovo ciclo vitale del ciclamino.

Attenzione: se invece di conservare la pianta, avevi conservato solo il bulbo, niente paura! Puoi ripiantarlo, seguendo questi consigli. Anche in questo caso, dovrai utilizzare del terriccio nuovo.

Tienila idratata

Adesso che il ciclamino sta uscendo dal suo periodo di riposo ha bisogno di più attenzioni e accortezze.

Importante è darle tutta l’acqua di cui ha bisogno. Ovviamente, poiché in autunno le temperature sono tendenzialmente basse, non dovrai comunque esagerare. Puoi limitarti a mantenere umido il terreno, innaffiando una volta alla settimana o poco più.

N.B: per evitare di innaffiare troppo, col possibile rischio di far marcire il bulbo, controlla sempre lo stato del terreno. Se questo è ancora umido, attendi qualche altro giorno prima di innaffiare ancora.

In questo articolo puoi trovare più specifici consigli di innaffiatura.

Il concime del risveglio

Un buon rimedio per far risvegliare il tuo concime quando questo tarda a riattivarsi consiste nel fornirgli una buona dose di energia.

Di norma, il ciclamino preferisce del fertilizzante per piante fiorite, caratterizzato da un alto contenuto di potassio. Se decidi di acquistarlo, diluiscilo nell’acqua di innaffiatura secondo le indicazioni riportate sulla confezione.

Un’alternativa fai da te e naturale consiste nel concimare questa pianta con le bucce di banana. Sì, hai capito proprio bene! Le bucce di banana, infatti, contengono proprio il potassio.

Per utilizzarle al meglio, prendi una buccia di banana e tagliala in piccoli rettangoli. Poi, spargili sul terriccio della tua pianta.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".