Basta un solo kiwi per avere una piantina in pochissimo tempo!

Un alimento dal sapore inconfondibile e dalle caratteristiche uniche: parliamo del kiwi.

Questo frutto è considerato miracoloso in quanto ha contenuti altissimi di vitamina C (addirittura più dell’arancia), oltre che di potassio, fosforo e calcio.

Ma sapevate che da un solo frutto potete ottenere una meravigliosa piantina da coltivare in casa?

Il procedimento è semplicissimo: anche chi non possiede il pollice verde può tranquillamente seguirlo e ottenere così la propria piantina di kiwi!

Vediamo insieme come!

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Scelta del frutto

Innanzitutto, dovete scegliere il frutto giusto da cui partire per ottenere la vostra piantina.

Per questa operazione, dovete preferire un kiwi maturo. Il segreto è tastarlo: il frutto è maturo quando risulta morbido al tatto.

Se, invece, risulta duro, attendete ancora qualche giorno prima di procedere.

Estrazione dei semi

A questo punto, dovete estrarre i semi dal kiwi.

Tagliate il frutto a metà con un coltello. Noterete che su entrambe le parti, nella polpa, ci sono dei piccoli puntini neri: si tratta proprio dei semi.

Prendeteli utilizzando un cucchiaino con cui scavare nella polpa. Provate a prenderne il più possibile e metteteli in un contenitore. Poi, sciacquate i semi eliminando la polpa.

Un’alternativa è date dal tagliare il kiwi in sezioni sottili, ognuna delle quali contenente un certo numero di semi e poi piantare con tutta la polpa.

Pur avendo un’alta percentuale di successo, questo metodo non sempre vi darà gli stessi risultati di quello tradizionale, risultando quindi più rischioso.

Messa a dimora

Il momento di piantare i semi è arrivato!

Procuratevi una vaschettina in plastica (di quelle in cui, al supermercato, è contenuta la frutta di piccole dimensioni) e riempitela di terriccio.

Il kiwi non ha particolari esigenze per quanto riguarda il terreno da utilizzare: scegliete del terreno universale o della torba.

Riempite la vaschetta quasi del tutto, fino a 2 cm dal bordo.

A questo punto, spargete i semini sul terreno distribuendoli in modo uniforme. Poi, prendete un vaporizzatore e bagnate con dell’acqua, rendendo il terreno bello umido.

Germinazione

La vaschetta va chiusa con il suo coperchio o messa in un sacchetto di plastica trasparente: in questo modo assicurerete ai semi temperatura e umidità costante.

Attendete qualche settimana: in questo lasso di tempo, i semini germineranno: noterete che sono spuntati dei piccoli germogli verdi.

Nel corso dei giorni, noterete che le piantine crescono con una certa velocità.

Trasferimento in vaso

Quando le piantine vi appariranno strette nel contenitore di plastica, è arrivato il momento di piantarle in vasi singoli.

Prendete un coltello e fate dei piccoli tagli nel terreno, prendendo le piantine e facendo attenzione a non rovinarne le radici.

Mettete, poi, le singole piantine in vasi singoli, che devono essere non eccessivamente grandi, ma abbastanza profondi.

Cura e crescita

Dopo alcune settimane, noterete che ogni singola piantina si sta sviluppando, crescendo in altezza e producendo nuove foglioline.

La vostra piantina di kiwi è ormai adulta e dovete prendervene cura per mantenerla sempre in salute.

Innanzitutto, tenetela in un luogo dove l’umidità ambientale non sia inferiore al 60%: trattandosi di una pianta tropicale, non riesce a sopravvivere in un ambiente secco.

Inoltre, ricordate di tenerla in un luogo luminoso, ma non alla luce diretta del sole: questa pianta ama le temperature alte.

Infine, non trascurate le innaffiature. Il kiwi, infatti, ha bisogno di un apporto d’acqua costante e il suo terreno deve essere tenuto costantemente umido.

Periodo adatto

In realtà, non tutti i periodi sono adatti per far crescere le piantine di kiwi partendo dal seme.

Se è vero che i semi germineranno in ogni stagione, la piccola piantina non si svilupperà facilmente se le temperature sono basse.

Ecco perché l’ideale è seminare in primavera, per poi avere una piantina e vederla crescere nel corso dell’estate.

N.B: ricordate che, nei mesi autunnali e invernali, questa piantina tende a perdere le sue meravigliose foglie che, però, rispunteranno in tutta la loro bellezza a partire dalla primavera.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".