Il gelo ha “bruciato” le piante! Ma puoi risolvere così!

Il freddo dei mesi invernali può causare molti tipi di problemi alle piante.

Le temperature molto basse possono danneggiare le piante rompendo le cellule vegetali e spesso non è semplice neanche riconoscere questo tipo di danni.

Le piante sempreverdi possono soffrire anche per i venti invernali e seccarsi molto rapidamente, ma come fare a distinguere i danni da freddo?

Vediamo insieme cosa fare se le tue piante sono bruciate dal gelo dell’inverno!

Alcune cause di danni da freddo

La mancanza di robustezza di alcune piante è la prima causa di danno da freddo.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Una pianta giovane non ha le risorse necessarie per resistere a situazioni estreme. Anche conoscere i bisogni della pianta può aiutare

Le gelate precoci in autunno possono causare danni alle piante che non son ancora pronte per temperature molto basse.

Le piante hanno bisogno di tempo sufficiente per adattarsi alle condizioni esterne prima che ci siano temperature da gelo.

La crescita tenera che è stata stimolata dalla potatura o dalla concimazione di fine estate è molto sensibile ai danni da gelo improvviso.

Anche le radici non protette sopra il terreno sono molto suscettibili ai danni da freddo. Ciò è particolarmente comune per le piante in vaso o in fioriere.

Quali sono i danni

Le foglie e i germogli soggetti a danni da freddo appariranno molli e appassiti.

I segni di danni da freddo possono creare confusione, poiché alcuni danni potrebbero non essere evidenti fino a mesi dopo.

I tessuti danneggiati di solito diventano neri entro poche ore o giorni. La fioritura ridotta è comune nella stagione successiva.

Quando si verifica un gelo improvviso e inaspettato prima che le piante siano in dormienza e si siano adeguatamente acclimatate al freddo possono esserci dei danni.

Un altro segno di danno da gelo è rappresentato dalle crepe che possono formarsi. Si tratta di una fessura lunga, profonda e stretta proprio simile ad una crepa.

Le crepe da gelo si verificano quando il sole riscalda i tessuti della pianta, provocando una rapida espansione dei tessuti stessi, di sera la temperatura scende rapidamente e il tessuto della pianta si contrae.

Proteggi le piante avvolgendole con un involucro di carta o della tela da imballaggio per prevenire le crepe del gelo.

La protezione dovrebbe iniziare dal livello del suolo e arrivare fino ai primi rami principali.

Le piante possono anche apparire secche dopo un periodo di gelo: è un problema comune sulle piante sempreverdi.

Ciò si verifica quando l’acqua lascia la pianta più velocemente di quanto non venga assorbita dalla pianta stessa. La perdita d’acqua è maggiore in condizioni di vento forte e sole.

Come curare le piante dopo il gelo

Non avere fretta di potare o rimuovere le piante danneggiate.

Alcune piante possono sembrare morte, ma non lo sono. La potatura non deve essere fatta finché il rischio di gelo non è passato completamente e finché i danni da freddo non sono completamente visibili.

I danni alle foglie e ai germogli teneri dovrebbero essere visibili entro pochi giorni, ma potrebbero essere necessarie anche diverse settimane prima che si possa determinare il danno per le piante più grandi.

Aspetta di vedere se riappare del fogliame nuovo e verde vivo oppure gratta delicatamente la corteccia per vedere se è presente ancora tessuto verde.

Una volta che hai capito la portata dei danni, puoi rimuovere le parti morte. C’è ben poco da fare per far rivivere le piante che soffrono gli effetti del gelo.

Innaffiare le piante danneggiate dal freddo che sembrano appassite non aiuterà a farle rivivere.

Previeni i danni da freddo

Il modo migliore per evitare i danni invernali è selezionare piante resistenti.

Lascia che le piante si abituino al freddo in modo graduale già in autunno prima che inizi il freddo.

Non stimolare la nuova crescita applicando concimi o potando all’inizio dell’autunno per evitare che spuntino foglie tenere in inverno.

Tieni a mente sempre che le piante malate o carenti di nutrienti sono più suscettibili ai danni invernali rispetto a quelle sane.

Innaffia le piante durante la tarda estate e l’autunno per evitare che entrino in inverno sotto stress da siccità.

Metti le piante in vaso vicine e coprirle con un telo di plastica trasparente che non tocchi le piante, così le proteggerai dal gelo.

Usa del pacciame o compost sul terreno per proteggere le radici dalle temperature più basse.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.