Come proteggere le tue piante d’appartamento nel cambio di stagione

A noi sembra che l’ambiente della nostra casa rimanga abbastanza costante tutto l’anno.

La temperatura è solitamente abbastanza costante e non notiamo davvero cambiamenti in altri fattori climatici interni come l’umidità e i cambiamenti di luce.

Notiamo che le giornate si accorciano, ma per il resto sembra che la nostra casa rimanga la stessa.

Ma non è così. Le nostre piante d’appartamento sono molto più sensibili di noi. Notano di più le variazioni di temperatura: se hai l’aria condizionata, soffrono il freddo in estate; se non hai l’aria condizionata, soffrono il calore che si insinua dall’esterno.

Si accorgono dei cambiamenti nei livelli di umidità di stagione in stagione. E in inverno, notano, soprattutto, la differenza di luce.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Ciò significa che le esigenze delle nostre piante d’appartamento cambiano durante le stagioni. In particolare, i cambiamenti nei livelli di umidità, i cambiamenti di luce e la crescita rallentata possono influenzare la salute e la felicità generali delle tue piante d’appartamento.

Scopriamo insieme come proteggere le tue piante d’appartamento nel cambio di stagione!

Cambiamenti di luce

L’inclinazione dell’asse terrestre significa che l’esposizione alla luce delle nostre piante cambia nel corso dell’anno.

In inverno, il sole è molto più a sud e splende direttamente nelle finestre esposte a sud per buona parte della giornata, ma entra nelle finestre esposte a est e ovest solo per poche ore al mattino e alla sera.

In estate il sole sorge un po’ più a nord, andando direttamente sopra la testa, per poi tramontare abbastanza lontano a nord-ovest.

Le finestre rivolte a sud possono ricevere solo poche ore di sole e il sole non raggiungerà la stanza come in inverno. Poiché le giornate sono più lunghe, le finestre est e ovest possono ricevere diverse ore di sole diretto ogni giorno.

Ciò significa che in inverno, le piante nelle stanze con finestre rivolte a ovest, nord o est ricevono molta meno luce rispetto all’estate. E le piante nelle stanze con finestre a sud ricevono molta più luce.

In estate, è il contrario; le stanze esposte a sud ricevono meno sole del solito e le finestre est e ovest (e talvolta anche le finestre nord) ricevono molta più luce che in inverno.

Cosa fare per proteggere le piante

Sposta le tue piante d’appartamento per adattarle ai cambiamenti di luce.

Inizia a notare fino a che punto in una stanza esposta a sud la luce colpisce a mezzogiorno.

Se hai una Violetta africana, un Philodendron, un Pothos abbastanza vicino a una finestra a sud in estate, dovresti iniziare a spostarle un po’ indietro dalla finestra, in modo che le foglie non si brucino.

Se hai piante d’appartamento con poca luce vicino al muro di fronte a una finestra in una stanza esposta a ovest, nord o est, saranno più felici se inizi a spostarle più vicino alla finestra.

Tutte le piante che richiedono una luce molto intensa dovrebbero essere spostate in stanze con finestre rivolte a sud, oppure potrebbe essere necessario investire in luci da coltivazione per compensare le giornate corte durante l’inverno.

Dai alle tue piante un po’ di umidità

L’estate è il periodo più umido dell’anno e le piante lo adorano ma considera che i forni e il riscaldamento tendono a seccare l’aria all’interno delle nostre case.

Quindi è probabile che il livello di umidità all’interno della tua casa sia un po’ più basso in inverno.

Se trovi che le foglie delle tue piante stanno diventando secche o i boccioli dei fiori si seccano e cadono prima di aprirsi, hanno bisogno di più umidità. Puoi migliorare l’umidità delle tue piante in alcuni modi.

Raggruppare le tue piante più vicine creerà un po’ di umidità extra, come una foresta pluviale. Ciò contribuirà a mantenere l’aria intorno alle tue piante un po’ più umida.

Chiudi le bocchette di riscaldamento vicino alle tue piante, in modo che l’aria calda e secca non inondi il loro spazio vitale.

Puoi anche posizionare un umidificatore vicino alle tue piante. I sottovasi di argilla espansa o ghiaia possono essere posizionati sotto ogni pianta: riempi con due dita d’acqua e posiziona il vaso sopra la ghiaia.

Regola il tuo programma di irrigazione

Man mano che le stagioni cambiano, dovresti regolare di conseguenza il programma di irrigazione delle piante d’appartamento.

In sostanza, non dovresti attenerti ad un programma prestabilito.

Durante l’inverno, la maggior parte delle piante d’appartamento cresce lentamente, quindi usano meno acqua.

Ma questo non significa solo ridurre l’irrigazione. L’altra considerazione è che il riscaldamento produce aria secca nelle nostre case, quindi l’acqua nel terreno evaporerà più velocemente.

La migliore regola pratica per l’irrigazione è controllare il terreno con il dito almeno una volta alla settimana.

Se il terreno è asciutto fino a una profondità di circa 2-3 cm, è probabilmente un buon momento per annaffiare. Se il terreno è ancora umido, aspetta ancora un paio di giorni.

Tieni presente che i piccoli vasi con pochissima terra si asciugheranno più velocemente di altri vasi, quindi potresti aver bisogno di annaffiarli più frequentemente di qualsiasi altra tua pianta d’appartamento.

Dovresti tenere d’occhio i cambiamenti di luce e adattare il livello di irrigazione durante tutto l’anno.

Per l’umidità, puoi lasciare sottovasi di ciottoli sotto le tue piante anche per tutto l’anno; non gli farà male.

Con una cura flessibile e adattata alla stagione, le tue piante d’appartamento saranno felici tutto l’anno per molto tempo!

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.