Cura l’Erica in questo modo se non vuoi farla seccare una volta acquistata

L’erica tende spesso ad avere una breve durata soprattutto quando la portiamo a casa dopo averla acquistata.

In realtà ci sono alcuni requisiti che spesso ignoriamo, pensando che certe piante come l’erica dal colore vivace, siano come soprammobili.

Fai in modo di dare all’erica queste cose di cui ha bisogno e vedrai che avrà lunga vita anche in casa.

Dalle un terriccio di qualità

Il terriccio che spesso viene fornito alle piante nella grande distribuzione non è di qualità ma unicamente pieno di torba e poco adatto a tutte le piante in generale.

Deve essere acido

L’erica richiede un terriccio con un pH acido poiché solo in questo modo è possibile che i nutrienti vengano assorbiti.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Fai in modo di assicurare un terriccio acido all’erica una volta a casa. Alcune componenti nella miscela sono in grado di abbassare il pH come la torba oppure utilizzare specifici terricci per acidofile.

Deve essere drenante

L’erica ha bisogno di un terriccio umido per sopravvivere e quando tenuta in casa il terriccio tende ad asciugare molto più lentamente rispetto a quando si trova all’esterno.

Per questo motivo utilizza dei materiali che possano render la miscela drenante così da evitare che le radici possano marcire perché ormai zuppe di continuo. Elementi come sabbia o perlite sono eccezionali da questo punto di vista e puoi mescolarli al terriccio.

Che tipo di acqua utilizzi per le innaffiature?

Il tipo di acqua che usiamo ha delle conseguenze sulle nostre piante, in questo caso sull’erica.

È importante che l’acqua non sia particolarmente calcarea e quindi dura, come quella del rubinetto. Questo tipo di acqua fa in modo che vi siano troppi Sali in eccesso e che il calcare si depositi intorno alle radici nel tempo asfissiandole.

Inoltre, l’acqua calcarea innalza il pH del terriccio rendendolo basico e quindi annullandone l’acidità di cui invece l’erica ha bisogno.

Puoi ammorbidire l’acqua del rubinetto in molti modi semplici. Usala dopo averla bollita oppure tienila per una notte nell’innaffiatoio in modo che i Sali più pesanti possano depositarsi sul fondo.

Scegli la posizione giusta

L’erica è famosa per essere una pianta da ombra ma stiamo attenti a cosa vuol dire per la pianta un’esposizione troppo ombreggiata.

Una posizione ben arieggiata dalla quale possa godere di una luce indiretta è proprio ciò di cui ha bisogno l’erica.

Devi evitare il sole diretto quindi se la tieni su una finestra, filtra la luce con delle tendine. Puoi tenerla in una posizione esposta ad est, dalla quale possa percepire luce brillante ma delicata, quella delle prime luci del giorno.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.