Cosa fare se hai messo l’Orchidea in un vaso non trasparente

Tanto bella quanto “capricciosa” nelle sue esigenze: l’orchidea è una pianta di origini tropicali che viene molto spesso coltivata come ornamentale per gli ambienti interni.

Tra le varietà più diffuse c’è sicuramente la phalaenopsis, inconfondibile per i suoi fiori colorati (di solito rosa o bianchi) dalla forma a farfalla.

Con la sua fioritura primaverileestiva, questa pianta è estremamente amata anche da chi non ha propriamente il pollice verde.

Uno degli errori più comuni è quella di piantarla in un vaso non trasparente o di averla già acquistata in un vaso in plastica scura. Se è capitato anche a te, ecco cosa dovresti fare.

Valuta il rinvaso

Come non tutti sanno, l’orchidea dovrebbe stare in un vaso trasparente.

In natura, infatti, le orchidee hanno solo radici aeree e non sotterranee. Tutte, quindi, vengono toccate direttamente dalla luce del sole. Solo con un vaso trasparente è possibile far sì che le radici sotterranee ottengano il giusto apporto di luce.

Se, però, avete messo l’orchidea in un vaso non trasparente, non sempre è un buon momento per rinvasare.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

L’ideale è rinvasare la pianta agli inizi della primavera, poco prima della ripresa della sua attività vegetativa. Anche se siamo nei mesi caldi, puoi scegliere di rinvasare la pianta in un vaso adatto.

Se, invece, siamo nei mesi autunnali o invernali, è meglio aspettare.

N.B: oltre che trasparente, il vaso giusto deve essere dotato di fori in modo da garantire il drenaggio dell’acqua in eccesso.

Scopri qui la tecnica corretta per il rinvaso.

Innaffia con moderazione

Se hai deciso di non rinvasare l’orchidea o di attendere un altro po’ prima di farlo, una cosa importante è limitarti a innaffiare con moderazione.

Se il vaso non è trasparente, infatti, non puoi valutare a vista d’occhio lo stato delle radici e valutare se stanno marcendo o meno.

Importante, quindi, è innaffiare di meno, in modo da prevenire la formazione di ristagni d’acqua che possono causare il marciume delle radici.

Conosci il trucco delle radici per capire quando innaffiare? Scoprilo qui.

Controlla le foglie

Le foglie basali dell’orchidea phalenopsis sono abbastanza grandi, turgide e di colore verde scuro.

Se tieni la pianta in un vaso non trasparente, tieni sotto controllo il loro stato di salute. Non appena noti che le foglie stanno perdendo il loro turgore o stanno ingiallendo, ti conviene rinvasare in un vaso trasparente.

Quando le radici non ricevono il giusto apporto di luce, infatti, l’intera pianta può risentirne e manifestare segni di sofferenza.

Se le foglie presentano delle macchie, queste possono essere alcune delle cause.

Accertati di una corretta fioritura

Così come le foglie, anche i fiori dell’orchidea possono risentire dell’assenza di illuminazione alle radici.

Anche in tal caso, valuta che, nel periodo primaverile ed estivo, la pianta generi lo stelo floreale e fiorisca correttamente.

Se non accade, il problema può essere dovuto proprio all’utilizzo di un vaso non adatto.

Lo stelo ha un colore tendente al giallo? Leggi qui per scoprire come risolvere.

Il vaso giusto

Il vaso giusto per la nostra orchidea deve essere, come abbiamo già detto, trasparente, preferibilmente in vetro o in plastica rigida.

I vasi in plastica flessibile, infatti, tendono a surriscaldarsi troppo nelle torride giornate d’estate.

Inoltre, importante è la presenza di fori di drenaggio sul fondo.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".