Pachira: come riconoscere i problemi dal tronco

La Pachira aquatica è una delle piante d’appartamento più comuni. Sono relativamente facili da curare e possono essere coltivate in qualsiasi stanza.

Ma anche se sono generalmente piante resistenti, possono soffrire di alcuni importanti problemi come lo sviluppo di un tronco molle e floscio.

Le cause più comuni di tronchi malsani sono l’eccessiva annaffiatura e i batteri, ma il problema potrebbe anche essere lo shock causato da un cambiamento improvviso d’ambiente.

Con i giusti consigli e alcune soluzioni, puoi aiutare la tua pachira aquatica a riprendersi.

Scopriamo insieme come riconoscere i problemi dal suo tronco!

Perché la pianta è indebolita

Se la tua pachira aquatica sembra essere indebolita ma non ha iniziato ad ingiallirsi o ad avere foglie marroni, ci sono due probabili cause.

Il primo è lo shock di temperatura: la pachira spesso non tollera bene i cambiamenti d’ambiente.

Ciò può includere lo spostamento in una nuova posizione, il trasporto in auto dal vivaio a casa, il rinvaso in una nuova fioriera o l’esposizione al vento.

Di fronte a cambiamenti che potrebbero minacciarne la salute, la pachira entra in un breve stato di riposo.

Ciò significa che smetterà di crescere, probabilmente lascerà cadere le foglie e sembrerà un po’ indebolita.

Allora, di cosa ha bisogno? Se la tua Pachira è sotto shock a causa di un improvviso cambiamento, ci vuole solo un po’ di tempo. Non commettere l’errore di innaffiare eccessivamente o concimare se non ce n’è bisogno, ciò non farà che peggiorare le cose.

Invece, osserva la pianta e il suo ambiente e cerca di capire cosa potrebbe aver causato uno shock. Entro un paio di settimane di pazienza e trattamento, la tua pachira dovrebbe ricominciare a sembrare sana.

Il secondo problema deriva dall’aver annaffiato troppo. Se stai iniziando a notare che il tronco sembra molle, probabilmente hai innaffiato troppo la pianta.

La pachira dovrebbe essere annaffiata solo quando i primi due centimetri del terreno sono asciutti al tatto. Richiedono anche un terreno drenante e un vaso con fori di drenaggio per mantenere le radici asciutte.

Marciume radicale

Le radici della pachira aquatica dovrebbero essere carnose e di colore bianco. Le radici che sono diventate scure e mollicce o hanno un odore di muffa sono marce.

Quando le radici iniziano a marcire, questo ha un effetto disastroso sulla salute della pianta, con conseguente appassimento, ingiallimento e in più le foglie diventano marroni, oltre a diventare molle il tronco della pianta.

Questo perché il marciume radicale consente ai batteri e alle muffe di distruggere le radici. Quando ciò accade, le radici non guariranno e non funzioneranno abbastanza bene da fornire l’acqua e le sostanze nutritive necessarie al resto della pianta.

Se individui il marciume delle radici in tempo, le radici marce possono spesso essere tagliate e la pianta rinvasata in un terreno pulito e asciutto. Ciò può spesso impedire la diffusione del marciume e salvare la pianta da ulteriori malattie.

Ma cosa succede quando il marciume radicale non viene risolto in tempo? Una volta che le radici sono diventate molto decomposte, è difficile per la pianta riprendersi.

Con un grave caso di marciume radicale, la tua pachira inizierà prima a scurirsi alla base della pianta.

Il colore marrone scuro o nero si diffonderà presto più in alto nel tronco e, se premi con le dita, il tronco potrebbe iniziare a trasudare un fluido scuro.

Ciò significa che il tronco è quasi completamente marcito. Sfortunatamente, se questo è il caso, il danno è così grave che il tronco probabilmente non sarà mai più sano.

Come rimediare ai problemi del tronco

Se il marciume radicale ha iniziato ad ammorbidire e ad arricciare il tronco, ma non vedi radici marrone scuro o nere, potresti comunque essere in grado di salvare la pianta.

Lo stesso vale per una pachira in cui solo uno dei tronchi intrecciati inizia a marcire.

Ma cosa si può fare per salvare una pachira in cui tutti i tronchi (o il suo unico tronco) diventano neri? Guarda attentamente l’albero per eventuali foglie o steli che appaiono verdi e sani.

Poiché il marciume potrebbe impiegare un po’ di tempo per risalire il tronco della pianta, potrebbero esserci ancora alcuni segni di vita nella parte superiore della pianta.

In tal caso, la pachira può essere propagata con successo da talee. Anche se la tua attuale pianta potrebbe non farcela, puoi farne ricrescere una nuova usando foglie e steli della pianta madre.

Che fare se solo un tronco sta marcendo?

Anche se spesso ci riferiamo alla Pachira Aquatica intrecciata come un’unica pianta, in realtà si tratta di più piante.

Ogni tronco intrecciato della pachira è una Pachira aquatica separata, intrecciate insieme quando il tronco era ancora giovane e flessibile.

Anche se può essere triste vedere uno dei tronchi iniziare a deteriorarsi, se solo uno è visibilmente malato, le altre piante potrebbero comunque essere salvate.

Una volta che un tronco d’albero inizia a marcire, esporrà il resto della pianta a muffe, batteri e altre malattie dannose che potrebbero uccidere l’intero albero dei soldi.

Invece di ignorare il problema, è il momento di salvare il resto del tuo albero.

Come salvare i tronchi sani

Ti consiglio di procurarti delle forbici da potatura affilate e disinfettate e una miscela di terreno drenante per riempire il tuo vaso.

Rimuovi delicatamente la pianta dal vaso allentandola, non strappare la pianta dal vaso e non fare pressione sui suoi steli. Una volta che la pianta è libera, osserva le radici e i tronchi.

Le radici sane dovrebbero essere carnose e bianche. Eventuali radici scure o mollicce dovranno essere tagliate, anche se sono attaccate a tronchi dall’aspetto sano.

Una volta che hai tagliato le parti marce, dovresti essere in grado di tirare via il tronco marcio delicatamente dalla treccia.

Se non ci riesci, puoi tagliare il tronco molle per allentare ulteriormente la pianta. Ma fai attenzione a non tagliare o intaccare gli altri tronchi durante il processo.

Se tagli tante radici marce, dovresti anche considerare di potare la parte superiore della pianta, tagliando via circa 2/3 delle foglie.

Per quanto difficile sarà vedere la tua pianta perdere così tanto verde, ridurre le dimensioni della pianta consente alle radici rimanenti di risparmiare energia, dando loro le migliori possibilità di recupero.

Dopo tutto ciò devi aspettare che la pachira si riprenda, quindi aspettati che smetta di crescere, lasci cadere alcune foglie e sembri malsana per alcune settimane.

Dal momento che non cresce, evitare il fertilizzante e presta particolare attenzione alle annaffiature.

Posiziona la tua pianta lontana da qualsiasi luce diretta e proteggila da eventuali correnti d’aria o condizioni estreme.

In poche settimane, potresti iniziare a vedere segni di una nuova crescita, il che ti dirà che la tua pianta è sulla strada del recupero.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.