Ti svelo quando puoi lasciare la Lingua di Suocera all’esterno se fa freddo

Se chiedi a un vivaista quale sia una pianta a prova di pollice nero, ti risponderà quasi sicuramente la Lingua di Suocera.

Questa pianta grassa, il cui nome botanico è Sansevieria, è inconfondibile per le sue foglie, alte e rigide, tanto da farle assumere il soprannome di Pianta Serpente.

Generalmente si dice che sia una pianta da interni, anche se d’estate viene comunemente tenuta anche all’esterno, in giardino o sul balcone.

Ma è possibile tenerla all’esterno anche quando fa freddo? Scopriamo quando quali sono le condizioni fondamentali per poterla tenere fuori nei mesi autunnali e invernali.

Se è protetta dalle intemperie

La prima condizione da rispettare se vuoi tenere la tua lingua di suocera all’esterno anche nei mesi autunnali e invernali è quella di tenerla al riparo dalle intemperie.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Fondamentale, quindi, è che la tua pianta non sia esposta alle piogge troppo intense o, addirittura, alle nevicate. Le piogge frequenti e intense, infatti, possono far marcire la pianta (si tratta di uno dei punti deboli di questa pianta), mentre le nevicate possono portare al congelamento del terreno e a un appassimento molto rapido.

L’ideale è, quindi, tenerla comunque in un posto coperto da un porticato o in una zona abbastanza riparata del balcone.

Se non ci sono gelate

Diciamocelo subito, la lingua di suocera predilige i luoghi caldi: l’ideale è metterla in un posto dove la temperatura sia compresa tra i 18 e i 25 °C.

Tuttavia, la pianta resiste bene anche quando la temperatura scende un po’, fino ai 12-10 °C.

Se, però, la temperatura scende sotto i 10 °C, la lingua di suocera inizia pian piano a deperire. Quando ci sono gelate, con temperature che scendono intorno agli 0 °C, può morire molto rapidamente.

Ricorda sempre che, col freddo, la pianta ha bisogno di qualche attenzione in più.

Se c’è una buona luce

Com’è noto, la lingua di suocera si adatta bene a quasi ogni situazione di esposizione solare. Nei mesi autunnali e invernali, però, garantirle un po’ di luce in più rispetto al solito, in modo da compensare l’abbassamento delle temperature, non è affatto una cattiva idea.

Tienila alla luce indiretta brillante e non aver paura se, soprattutto nelle prime ore del mattino, la pianta viene accarezzata anche da un po’ di luce solare diretta.

In generale, però, ricorda che la sansevieria rientra tra le piante che non hanno bisogno di molta luce nemmeno in inverno.

Se non vivi in un luogo ventoso

Uno dei punti deboli della sansevieria è il vento: le sue foglie, alte e rigide, possono infatti essere spezzate molto facilmente dalle raffiche più intense che, nei mesi freddi, sono abbastanza frequenti.

Se vivi in un luogo molto ventoso, soprattutto in collina o in montagna, evita quindi di tenere questa pianta all’esterno.

In ogni caso, è sempre meglio tenerla in un posto non esposto al vento, magari protetta da un muro o da un paravento da giardino.

I pericoli notturni

Anche se tutte le condizioni che abbiamo appena visto vengono rispettate, non devi mai dimenticare un elemento importante.

Anche se vivi in un luogo mite o generalmente caldo anche nei mesi autunnali e invernali, di notte la temperatura potrebbe scendere di molto rispetto a quella diurna.: lo sbalzo di temperatura (anche quando le temperatura non scendono sotto la soglia minima) può danneggiare la lingua di suocera, indebolendola gradualmente.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".