Quali Piante mettere in camera da letto per evitare l’umidità dell’Inverno

Parliamoci chiaro: l’umidità, nei mesi invernali, può essere davvero fastidiosa! Un fastidio che diventa davvero insopportabile se la stanza più umida della nostra casa è proprio la camera da letto.

Sicuramente, quando il tasso di umidità è davvero molto elevato, possono esserci conseguenze anche pericolose per lo stato di salute, come lo sviluppo di muffe. In questi casi, la soluzione resta quella di rivolgersi a un professionista o installare un deumidificatore.

Quando, però, il problema dell’umidità non è così grave, possiamo provare a limitarlo attraverso l’utilizzo di alcune piante che assorbono l’umidità circostante. Scopriamo insieme quali sono in modo da evitare l’umidità dell’inverno.

Felce

Una pianta che non cresce senza un alto tasso di umidità e le cui bellissime fronde tendono, in effetti, ad assorbire le particelle d’acqua presenti nell’aria: la felce è una pianta perfetta per evitare l’umidità e ridurre il fenomeno della condensa in camera da letto.

Oltre alla sua utilità, questa pianta offre anche la sua bellezza che la rende adatta a decorare la camera da letto creando un ambiente rilassante.

Importante è tenere il suo terriccio sempre abbastanza umido con innaffiature non troppo sporadiche anche nei mesi freddi.

Spatafillo

Le sue foglie color verde chiaro fanno quasi da contrasto con i fiori circondati dalla spata bianca che compaiono più frequentemente nei mesi primaverili: parliamo dello spatafillo o spatifillo.

Si tratta di una di quelle piante che possiamo tranquillamente tenere in camera da letto e che, secondo alcuni studi, migliorerebbe anche la qualità dell’aria assorbendo alcune componenti nocive per la salute. Ma è un portento anche nell’assorbire l’umidità.

Classica pianta da interni, una camera da letto con una buona dose di luce può essere il suo habitat perfetto tutto l’anno.

Pianta ragno

Simpatica e di facile coltivazione, la pianta ragno, anche conosciuta come nastrino o falangio, è sempre un’ottima idea anche per evitare l’umidità eccessiva in camera da letto.

In una stanza umida, questa pianta va ad assorbire l’acqua presente nell’aria così che le sue foglie lunghe e sottili si sviluppino e, intorno alla pianta principale, crescano delle piccole piante figlie.

In generale, non ha bisogno di molte attenzioni ma importante è tenere sempre sotto controllo lo stato di salute delle foglie per cogliere in tempo qualsiasi problema di salute.

Sansevieria

La lingua di suocera in camera da letto sembra un’assurdità? In realtà, è un ambiente perfetto per questa pianta il cui vero nome è Sansevieria.

Le sue foglie rigide e alte assorbono l’umidità e regalano un tocco di colore e allegria alla stanza.

Considerata una pianta immortale per la sua estrema resistenza, la lingua di suocera preferisce la luce solare indiretta e innaffiature sporadiche.

Begonia

Vediamo a una delle piante da interni più amate per il suo aspetto che ricorda davvero un elemento di design: la begonia è famosa anche per ridurre il tasso di umidità della stanza in cui viene tenuta. Perché non tenerla, quindi, nella nostra camera da letto per ridurre l’umidità invernale?

Per farla durare a lungo, bisogna tenerla in un ambiente dove ci sia una buona dose di luce giornaliera ma sempre abbastanza tenue così da non danneggiare le sue foglie più delicate che potrebbero ingiallire.

Nulla vieta, inoltre, di tenere insieme più piante di questa lista in modo da creare delle vere e proprie composizioni green.


Photo Credits:

Le immagini presenti in questo articolo sono di proprietà di Meraki s.r.l.s.

Gianluca Grimaldi
Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".