3 Step per innaffiare la Stella di Natale e non sbagliare

Quando si tratta di innaffiare la stella di Natale sorge sempre lo stesso dubbio: sto facendo bene?

Anche se c’è chi la considera una pianta decorativa per il solo mese di dicembre devi sapere che invece può vivere oltre il Natale! Non ci credi? In effetti è difficile anche solo immaginarla una stella di Natale in primavera, ad esempio.

Dare modo a queste piante di vivere ancora è semplice ma ci sono alcuni step da seguire. Il primo tra tutti: deve essere inaffiata.

Vediamo allora come innaffiare la stella di Natale passo dopo passo per non sbagliare!

Controlla lo stato del terreno

La chiave del successo di tutte le piante risiede nell’equilibrio tra il terreno e le innaffiature.

Anche se innaffi una volta al mese, se le tue piante sono coltivate in un terreno argilloso e compatto che non si asciuga mai completamente, potrebbero marcire comunque per ristagni d’acqua indesiderati.

Allora prima di innaffiare è sempre buona abitudine controllare l’umidità del terreno e cercare di capire quanta acqua trattiene.

Se inserisci uno spiedino di legno nella tua pianta, proprio così come fai con una torta nel forno, riesci a capire se il terreno è umido o meno.

Dunque, solo se il terreno è completamente asciutto, è il momento di innaffiare la stella di Natale.

Innaffia nel modo giusto

ma di quanta acqua bisogno la stella di Natale? Se ci fai caso gli steli di questa pianta sono spessi e carnosi, poiché al suo interno circola una linfa che rende la pianta meno bisognosa d’acqua rispetto alle altre piante da appartamento.

Ma una volta che ti sei assicurato che il momento di innaffiare, dovrai farlo nel modo giusto.

Se il terreno è completamente asciutto, puoi procedere con l’innaffiatura per immersione, immergi il vaso forato in una bacinella che contenga acqua almeno fino a metà vaso e aspetta che tutta la zolla si inumidisca.

Puoi anche innaffiare con il metodo classico, cioè bagnando a partire dalla superficie del terreno ma assicurati sempre che non rimanga acqua stagnante.

Evita ristagni d’acqua

Proprio perché l’errore che si fa con le piante in generale è quello di accumulare acqua stagnante, è consigliabile innaffiare solo dopo aver eliminato o il sottovaso o il coprivaso.

Una soluzione è quella di togliere la pianta dal suo coprivaso decorativo o dal suo sottovaso e innaffiarla, in una vasca ad esempio, poiché l’acqua in eccesso scorra via man mano che innaffi.

Dopo qualche ora dall’innaffiatura della stella di Natale ti consiglio di ricontrollare se nel frattempo si è accumulata altra acqua, se sì, svuotala e riposiziona la stella di Natale.

Se segui queste regole di base ridurrai notevolmente il rischio di far ammalare le radici della pianta facendola marcire.


Photo Credits:

Le immagini presenti in questo articolo sono di proprietà di Meraki s.r.l.s.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.