Come coltivare l’Aglio Ornamentale

Quando si sente parlare di Aglio, si pensa inevitabilmente alla cucine e al sapore che questo alimento regala ai nostri piatti.

In realtà, l’Aglio Gigante o Ornamentale, il cui nome botanico è Allium giganteum, è una specie spesso coltivata come pianta decorativa grazie alle sue meravigliose infiorescenze.

Inoltre, sembra strano, ma questa pianta può essere trovata spesso anche dal vivaio.

Vi state chiedendo come fare a coltivarla? Andiamo alla scoperta di tutti i suoi segreti.

Caratteristiche

Iniziamo a conoscere questa pianta, scoprendo le sue varietà e le necessità di esposizione, così da capire dove collocarla.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Varietà

L’Aglio Gigante o ornamentale è una specie appartenente al più ampio genere Allium. Molto alta (fino a un metro e mezzo), è caratterizzata da fiori raggruppati in bellissimi “globi”.

La sua varietà più comune è quella dai fiori rosa, detta Rosy Giant. Esistono, tuttavia, anche altre varietà.

Tra queste, ricordiamo la Lucy Ball, con fiori color porpora, l’Allium caeruleum, dai fiori tendenti all’azzurro, e l’Allium Moly, caratterizzato da infiorescenze di colore giallo.

Esposizione

Questa pianta bulbosa cresce bene all’esterno, preferibilmente in un luogo molto soleggiato.

Tenerla all’ombra, invece, è un grave errore, soprattutto nella fase della crescita. Quando è ormai matura, invece, potete tenere questa pianta anche a mezz’ombra.

Resiste bene anche alle temperature molto fredde.

Se volete ottenere una pianta interrando un bulbo, non fatelo in autunno se vivete in un luogo dove gli inverni sono molto rigidi.

Coltivazione e cura

Ma, una volta acquistato o piantato, cosa bisogna fare per curare l’Aglio? Ecco alcuni consigli.

Terreno

Se volete veder crescere l’Aglio Ornamentale a partire dal bulbo, utilizzate un terreno da semina.

Quando, invece, dovete rinvasare questa pianta, utilizzate del semplice terriccio universale. Importante è che sia ben drenato, in modo che l’acqua di innaffiatura non si accumuli e ristagni.

Innaffiatura

Indecisi su quanto e come innaffiare questa pianta? Non temete!

Di norma, questa pianta va innaffiata con molta frequenza solo nel periodo della fioritura, soprattutto nei mesi estivi quando il calore fa evaporare l’acqua velocemente.

Se la tenete in giardino, nel resto dell’anno, saranno sufficienti le piogge.

Importante è controllare sempre lo stato del terreno e bagnare quando questo diventa eccessivamente secco.

Siete via nei mesi estivi? Ecco alcuni trucchetti.

Concime

Non necessariamente dovete concimare questa pianta. Se decidete di farlo, evitate i concimi e i fertilizzanti ad alto contenuto di azoto che fa crescere troppo la parte aerea a discapito del bulbo.

L’ideale è utilizzare, invece, i concimi con una buona percentuale di potassio che stimolerà le fioriture, rendendole più frequenti e durature.

Se siete alla ricerca di concimi naturali, ecco qualche suggerimento.

Potatura

Normalmente questa pianta non va potata.

Eliminate i “globi” di fiori secchi se questi non cadano autonomamente e rischiano di marcire.

Quando volete accorciare la pianta, utilizzate sempre cesoie ben sterilizzate.

Moltiplicazione

Per moltiplicare questa pianta, il metodo più semplice è quello della divisione del bulbo.

Se avete una pianta matura, nel periodo autunnale o primaverile, estraetela dal terreno. Noterete che intorno al bulbo ci saranno dei “bulbilli“.

Recideteli e piantateli altrove, in vaso o a terra. Sarà proprio da questi che potrà nascere una nuova pianta.

Malattie e parassiti

L’Aglio Gigante è una pianta molto resistente e difficilmente contrae malattie. Il più delle volte, può essere danneggiata da un’eccessiva umidità del terreno dovuta a troppe innaffiature.

Per quanto riguarda i parassiti, non è un bersaglio facile. Qualche volta può venire attaccata dalle limacce o lumache, ma si tratta di episodi sporadici che possono essere evitati con i dovuti accorgimenti.

Curiosità

In alcuni Paesi, tra cui l’Iran, l’Afghanistan e l’Uzbekistan, questa pianta cresce spontaneamente e senza bisogno dell’intervento dell’uomo.

Inoltre, secondo alcune tradizioni, simboleggia la pazienza, la fortuna e l’umiltà.

Quando piantare l’Aglio Gigante?

I bulbi di questa pianta vanno piantati in autunno in un luogo in pieno sole in modo da favorirne la crescita.
Possono essere interrati anche nel periodo primaverile.

Come coltivare il fiore dell’aglio?

Le infiorescenze dell’Aglio Gigante sono solitamente di colore rosa-viola e sbocciano nel periodo estivo.
Per stimolare la fioritura, la pianta va innaffiata e può essere concimata con prodotti a base di potassio.

Quando fiorisce l’Allium?

L’aglio gigante fiorisce in estate, ma le prime infiorescenze sono visibili già in primavera.
Di solito, le fioriture sono abbastanza durature.

Come conservare i bulbi di Allium?

I bulbi di questa pianta devono essere conservati in un luogo fresco e buio. Evitate i luoghi umidi che possono favorire lo sviluppo di muffe.

Come curare l’Aglio?

Curate questa pianta innaffiando solo quando ha veramente bisogno di acqua. Inoltre, fatele prendere molta luce.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".