Come coltivare in casa il Peperoncino viola per abbellire anche il balcone!

Nell’orto alcune piante superano il confine tra bello e delizioso. I vivaci colori rossi, gialli, arancioni e viola della nostra frutta e verdura a volte sembrano essere anche decorative.

Ed è proprio il caso dei peperoncini viola, che per questo sono definiti peperoncini ornamentali perché sono molto belli da tenere in balcone.

I peperoncini ornamentali producono frutti e foglie in un arcobaleno di colori e una varietà di forme allungate e rotonde.

Vediamo insieme come coltivare il peperoncino viola per abbellire anche il balcone!

Attenzione: le foglie delle piante di peperoncino ornamentale sono tossiche per l’uomo e gli animali.

Differenza tra peperoncini ornamentali e dell’orto

I peperoncini viola ornamentali e i peperoncini classici che usiamo in cucina appartengono allo stesso genere (Capsicum annuum), quindi qual è la differenza?

I peperoncini ornamentali di solito hanno un’abitudine di crescita nana rispetto a peperoncini classici commestibili che invece crescono molto alti.

Inoltre, i peperoncini coltivati per l’orto hanno molte sfumature di sapore ben distinte, mentre se si addenta un peperoncino ornamentale, si nota solo una sensazione di piccante piccante piatta e talvolta amara.

Infine, i peperoncini ornamentali producono i loro frutti in corrispondenza delle cime, mentre i frutti dei peperoncini classici sono spesso nascosti nel fogliame.

Cura del peperoncino ornamentale

Ma nonostante non abbiano il sapore dei peperoncini classici che in genere usi in cucina, puoi comunque scegliere di coltivarli in balcone come piante ornamentali. Vediamo allora di quali cure hanno bisogno!

Luce e terreno

I peperoncini viola ornamentali hanno bisogno del pieno sole per fornire l’energia necessaria per produrre fiori e frutti colorati.

Se coltivi queste piante in casa, dovresti posizionarli vicino una finestra esposta a sud.

Pianta i tuoi peperoni ornamentali in un terreno ricco e argilloso.

Se si coltivano peperoncini ornamentali in vaso, sarà sufficiente qualsiasi miscela di terreno per tutti gli usi, a condizione che il vaso abbia un buon drenaggio.

Quando innaffiare

Mentre i peperoncini ornamentali reagiscono male alle condizioni di siccità, non amano nemmeno essere zuppi d’acqua.

Innaffia ogni volta che la superficie del terreno si sente asciutta e mira ad un livello di umidità come quello di una spugna ben strizzata.

Fertilizzante

I peperoncini ornamentali sono hanno bisogno di un apporto costante di sostanze nutritive per stare al passo con la fioritura e la fruttificazione.

Un fertilizzante 5-10-10 (trovi queste 3 cifre sull’etichetta del concime scelto) con più fosforo e potassio rispetto all’azoto incoraggerà la produzione di frutti e fiori senza rendere le piante troppo frondose.

Nutri le piante con il fertilizzante quando inizia a formarsi il frutto, poi una seconda volta circa sei settimane dopo.

Raccolta di peperoni ornamentali

Se scegli di usare comunque i peperoncini ornamentali per la cucina, raccogli i frutti prima del primo gelo dell’autunno.

Usa semplicemente delle cesoie affilate o un coltello per tagliare i frutti e conservarli eventualmente in frigorifero.

Potresti usare i peperoncini ornamentali tritati in salse piccanti, omelette, piatti di riso, nei fagioli e nel curry.

Quando rinvasare

Se stai piantando peperoncini ornamentali in vaso per avere un’esplosione di colore, in genere dovrai rinvasarli ogni due anni circa quando la pianta lega le radici alla base del vaso.

Saprai anche che è ora di rinvasare se hai bisogno di annaffiare le piante più di una volta al giorno perché l’acqua semplicemente cola dai fori di drenaggio se non c’è terreno per assorbire l’umidità.

Durante il rinvaso, scegli un vaso più grande di circa 2 cm di qualsiasi materiale e con fori di drenaggio.

Quando estrai la pianta dal vaso per il rinvaso, tieni insieme la zolla per ridurre lo stress sulla pianta. Tuttavia, se le radici sono cresciute molto all’interno del vaso, taglia le radici avvizzite o dall’aspetto malaticcio.

E in inverno?

Sebbene le piante di peperoncino ornamentale preferiscano la coltivazione all’aperto, puoi metterle in vaso e portarle in casa per l’inverno.

I peperoncini ornamentali preferiscono una temperatura interna di 20-25 gradi durante il giorno e di 12-18 gradi durante la notte.

Puoi ottenere queste condizioni al meglio posizionando le piante vicino finestra più soleggiata possibile o posizionandole sotto luci led di coltivazione per 14 ore al giorno.

Malattie da parassiti comuni

Come con i peperoncini classici, diversi insetti nocivi possono essere un problema anche per i peperoncini ornamentali, in particolare afidi, acari e tripidi.

Afidi e acari possono essere debellati con un sapone insetticida o con una miscela fatta in casa che andrà spruzzata sulle foglie.

Le malattie più comuni dei peperoni ornamentali sono le malattie fungine come la botrite (o muffa grigia) e il marciume radicale.

Entrambi sono più probabili in condizioni di bagnato quando il flusso d’aria è scarso e il terreno è fradicio.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.