Come curare il prezzemolo in vaso

Il prezzemolo è una pianta rigogliosa che non manca mai nella nostra cucina.

Proprio perché è molto usato, serve sempre averne un ciuffetto a disposizione.

Allora puoi provare a coltivare piante di prezzemolo in vaso o in fioriere direttamente sul tuo balcone di casa.

Le piante di prezzemolo inoltre creano un bell’angolo verde con le loro foglie che crescono a cespuglio.

Ma scopriamo insieme come puoi curare il prezzemolo in vaso!

Guida rapida alla coltivazione

Puoi piantare il prezzemolo in primavera, basta che sia in un’area con pieno sole e che abbia un terreno ricco di sostanze nutritive e drenante.

Se vivi in una zona con estati molto calde, assicurati che il prezzemolo riceva almeno un po’ d’ombra durante il giorno.

Come ti dicevo, prima di piantare, assicurati che il terreno sia ricco di sostanze nutritive, puoi risolvere questo problema mescolando un po’ di compost al terreno comune.

Il prezzemolo inoltre richiede un’umidità costante, quindi controlla regolarmente il terreno e annaffia quando i centimetri superiori del terreno sono asciutti.

Raccogli i gambi di prezzemolo tagliandoli alla base una volta che sono abbastanza grandi da poter essere utilizzati.

Non tagliare mai più di un terzo della pianta in una sola volta.

Come curare il prezzemolo

Il prezzemolo cresce dalla primavera fino al primo gelo. Nei climi più miti cresce anche durante l’inverno.

La seconda primavera dopo che lo hai piantato, la pianta fiorisce, produce i semi e poi muore.

Quando vedi comparire il primo fiore, è ora di raccogliere i gambi della pianta perché da questo momento in poi, le foglie avranno un sapore amaro.

Metti le piante in pieno sole o in ombra parziale. Mantieni il terreno umido annaffiando abbondantemente ogni volta che il terreno in superficie è asciutto.

Per aiutare a mantenere le radici fresche e umide, puoi aggiungere del pacciame intorno alla base pianta, ma non coprire la corona della pianta o la pianta rischierà di marcire.

Per coltivare il prezzemolo tutto l’anno, indipendentemente da dove vivi, puoi coltivarlo al chiuso, in vaso e vicino una finestra soleggiata.

Malattie e parassiti

Il prezzemolo (insieme all’aneto e al finocchio) è il cibo preferito del bruco del prezzemolo che riconosci subito perché ha strisce nere su tutto il corpo: diventa poi la preziosa farfalla nera a coda di rondine.

Alcuni piantano abbastanza prezzemolo sia per se, sia per le bellissime future farfalle, che probabilmente appariranno a fine estate e in autunno.

Anche se i bruchi del prezzemolo possono mangiare gran parte della pianta, non la uccideranno e vale la pena dare loro un habitat.

Un parassita più pericoloso, però, è la mosca bianca. Per sbarazzartene, puoi spruzzare la parte inferiore delle foglie con sapone insetticida.


Come raccogliere e conservare il prezzemolo

Puoi raccogliere i gambi e le foglie di prezzemolo in base alla tua necessità.

Raccogli il prezzemolo tagliando i gambi dalla base della pianta: questo servirà anche a far ricrescere la pianta più folta.

Se vivi in una zona con inverni molto freddi e per questo il prezzemolo muore, puoi conservare il prezzemolo prima che ciò accada e congelarlo per l’uso invernale.

Considera però che non manterrà completamente il suo sapore come quando lo raccogli da fresco, ma può essere una soluzione per averne sempre a disposizione.

Come usare il prezzemolo in cucina

Il prezzemolo si abbina bene a piatti di carne e uova, patate e primi piatti, verdure, riso, insalate e zuppe, nonché ricotta e burro alle erbe.

Aggiungi il prezzemolo tritato ad un piatto verso la fine della cottura o cospargilo su verdure o insalate immediatamente prima di servire per mantenere il sapore fresco.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.