Se l’Albero di Giada ha le Macchie Bianche ricorri a questi Rimedi Casalinghi

Nel dover curare il nostro albero di Giada a causa della presenza di terribili macchie bianche sulle belle foglie carnose, possiamo cominciare con rimedi fai da te specifici per ogni tipo di causa.

È proprio partendo dalle cause delle macchie bianche che è possibile realizzare un rimedio fai da te ad hoc.

Vediamo insieme quale tipo di rimedio bisogna realizzare in modo semplice per ciascuna delle principali cause delle macchie bianche sulle foglie dell’albero di Giada.

Se la causa è un fertilizzante

Quando utilizzi fertilizzanti non fai altro che immettere nel terriccio un alto contenuto di sali, che non solo nutrono la pianta ma, quando in eccesso, possono essere la causa delle macchie bianche sulle belle foglie carnose della Giada.

L’albero di Giada ha trovato un modo per alleggerire la presenza di Sali nelle foglie e ne butta fuori una parte attraverso i pori sulla superficie fogliare, traspirando; asciugandosi, queste goccioline vanno ad intaccare la superficie fogliare.

Innanzitutto, puoi ripulire accuratamente le foglioline con una miscela di acqua e limone che contribuirà a ripristinare la lucentezza delle foglie dell’albero di Giada.

Ma questo non risolverà il problema in modo definitivo che invece richiede la sospensione di qualsiasi tipo di concimazione e la sostituzione del terriccio, troppo pregno di Sali.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Se si tratta di Oidio

L’oidio è una malattia fungina che si manifesta sulle piante sotto forma di fuliggine grigia, come fosse uno strato di polvere.

A lungo andare ricopre le foglie e ne impedisce il corretto assorbimento della luce, segnalando inoltre una compromissione della pianta.

Contro l’oidio puoi realizzare una miscela fai da te mescolando bicarbonato di sodio e sapone molle in 1 litro d’acqua, in proporzioni di 1 a 1.

Questo composto va spruzzato sulla chioma più volte alla settimana, almeno ogni due giorni e col passare del tempo dovresti veder sempre meno la presenza di spore sulle foglie.

Se si tratta di parassiti

Quando parliamo di parassiti facciamo riferimenti a due specifiche piaghe per l’albero di Giada che possono causare le macchie bianche alle foglie.

Le cocciniglie, insetti piccoli, piatti e bianchi, che rilasciano una sostanza di scarto detta melata e che succhiano dalle foglie le sostanze nutritive, lasciando parti necrotiche.

Gli acari che non solo attaccano le foglie, ma si nascondono anche nel terriccio infestandolo e agendo come le cocciniglie, risucchiando i succhi vegetali.

Prima di tutto, puoi cominciare ad utilizzare un rimedio trattando le foglie con alcol denaturato: ti occorrerà del cotone imbevuto di alcol col quale ripulire le foglie, dissolvendo letteralmente i parassiti.

Puoi ricorrere al sapone molle: sciogli circa 10 g di sapone di Marsiglia a scaglie in un litro d’acqua. Puoi scioglierlo a bagnomaria sul fuoco per fare prima. Con uno spruzzino nebulizza la pianta a partire dai fiori.

Ripeti i trattamenti per un periodo di tempo lungo così da attaccare non solo gli insetti adulti ma anche quelli che nasceranno dalle uova depositate.

Se si tratta di acqua calcarea

Se sei solito nebulizzare la chioma della Giada potresti contribuire a ricoprire le foglie di acqua calcarea, come quella del rubinetto, che asciugandosi lascia una patina biancastra.

Innanzitutto, l’albero di giada non necessità di umidità sulla chioma, ricorda che si tratta di una pianta grassa.

Puoi ripulire le foglie accuratamente utilizzando una miscela composta da due parti di acqua e una parte di aceto che possa dissolvere la patina calcarea sulle belle foglie carnose della Giada.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.