Come curare il Mini Agrifoglio e farlo Crescere più presto possibile

L’inverno è la stagione in cui l’agrifoglio mostra le sue migliori bacche su bellissime e lucenti foglie sempreverdi.

Ma se ti sei lasciato affascinare da quel vasetto in miniatura con poche foglioline di agrifoglio e qualche bacca rossa tanto carina dovrò darti due brutte notizie: le bacche sulle piantine piccole sono finte e l’agrifoglio cresce molto lentamente.

Ebbene sì, mi dispiace averti dato queste notizie ma era necessario farlo per introdurti invece i modi per farlo crescere più velocemente e avere il tuo gruzzolo di bacche vere le stagioni successive.

Quindi vediamo insieme come curare il mini agrifoglio e farlo crescere velocemente!

Piantalo nel posto giusto

Gli agrifogli hanno bisogno di essere piantati al sole o almeno in una posizione di ombra parziale poiché hanno bisogno del sole per produrre il fogliame variegato più luminoso.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Dato che sono a crescita lenta, l’acquisto di un esemplare più maturo può essere una buona idea.

L’agrifoglio è sensibile ai forti venti invernali e alle variazioni di temperatura.

Pianta l’agrifoglio dove sarà meno esposto al vento e al gelo. Il lato est del balcone o del cortile o un porticato forniscono una migliore protezione dal vento possibile.

Usa un terreno ricco

L’agrifoglio non ama i terreni poveri e argillosi.

Per ovviare a questo problema, modifica il terreno nel momento in cui pianti i tuoi agrifogli aggiungendo del compost.

Aggiungi del pacciame una volta all’anno, non solo per evitare le erbacce, ma anche per moderare i livelli di umidità e le temperature del suolo.

Il pacciame aiuta anche a ricostituire i livelli di compost nel terreno.

Innaffia correttamente

Innaffia il mini agrifoglio durante i periodi secchi, sia d’estate che d’inverno. Come ogni pianta vivente, l’agrifoglio ha bisogno di una buona innaffiatura profonda ma di tanto in tanto.

In inverno, quando il terreno è molto freddo e fa fatica ad asciugarsi, hanno bisogno di acqua almeno una volta ogni tre settimane.

Ma fai attenzione perché se c’è rischio di gelate, non dovrai innaffiare per evitare di provocare uno shock da congelamento alle radici della pianta.

Ricorda il metodo giusto per produrre le bacche

Per ottenere bacche attraenti sul tuo agrifoglio hai bisogno sia del maschio che della femmina della pianta.

Può sembrare semplice ma spesso i nomi delle varietà possono confondere: una varietà popolare, l’agrifoglio Golden King, è femmina, mentre il Golden Queen è maschio.

L’unico modo per essere sicuri di ottenere le bacche è chiedere al momento dell’acquisto dell’arbusto per assicurarsi di ottenere una varietà maschio e una varietà femmina.

Dopodiché, ti basterà piantare un agrifoglio maschio nelle vicinanze di una pianta di agrifoglio femmina.

Per fare in modo che le femmine di agrifoglio diano frutti, deve essere presente una varietà maschile affinché le api eseguano l’impollinazione.

Pota solo se necessario

La natura a crescita lenta dell’agrifoglio ti suggerisce ovviamente che la potatura non è essenziale.

Tuttavia, se vuoi potare l’agrifoglio, il tempismo è la chiave per preservare il maggior numero di potenziali bacche per il prossimo anno.

È una questione di equilibrio tra quanto poti e quante bacche compaiono l’inverno successivo. Dovresti potare tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, fino a circa l’inizio di aprile.

I fiori di agrifoglio e le bacche vengono prodotti su legno vecchio, il che significa che poiché il momento più sicuro per potare l’agrifoglio è nella stagione dormiente, c’è il rischio che tu rimuova del legno che avrà potenziali fiori (e successivamente bacche) nella stagione successiva.

Il miglior compromesso è quello di potare leggermente e, se è necessaria una potatura più drastica, rimuovere solo un terzo degli steli.

Ricorda anche che se tagli i rami ricchi di bacche da usare come decorazioni per Natale, in effetti stai potando l’agrifoglio.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.