Come curare le piante quando fa molto caldo

Quando arriva il caldo dell’estate le piante possono aver bisogno di cure specifiche.

Soprattutto se vivi in una zona con estati torride è bene sapere cosa fare per evitare che le tue piante soffrano.

Sebbene alcune piante amanti del sole come succulente e cactus siano adatte alle alte temperature, le piante d’appartamento non sono abituate alle temperature estreme di un’ondata di caldo estivo.

C’è molto che puoi fare prima e durante l’ondata di caldo per assicurarti che le tue piante d’appartamento sopravvivano al caldo.

Scopriamolo insieme!

Promuovi l’umidità elevata

Le piante che amano l’umidità elevata (molte epifite e tropicali come la fittonia, calathea e la maggior parte delle felci) soffrono molto d’estate.

Per rimediare al problema del caldo torrido, dovrebbero essere frequentemente nebulizzate durante i periodi di calore.

Puoi anche riempire un sottovaso poco profondo di argilla espansa, con un dito d’acqua e appoggiare il vaso sopra per creare un piccolo microclima umido per la tua pianta che fornirà umidità e aiuterà le tue piante a sopravvivere all’estate.

Innaffia bene e profondamente

Un’annaffiatura adeguata è la chiave per la cura delle piante da interno.

Sebbene l’eccessiva irrigazione sia il modo più efficiente per uccidere la tua pianta d’appartamento, il calore e il sole fanno evaporare l’acqua dal terreno molto velocemente.

Per prepararti ad un’ondata di caldo, assicurati di annaffiare le tue piante in profondità: se innaffi troppo velocemente o non abbastanza, spesso solo la parte superiore del terreno si bagna e il resto fuoriesce lungo i lati del vaso e fuori dal fondo.

Assicurati che l’acqua venga effettivamente assorbita in modo uniforme annaffiando lentamente.

Controlla il livello di umidità del terreno delle tue piante più frequentemente del normale, con il fidato “test delle dita”.

Un altro indicatore chiave del terreno secco è quando si stacca dai lati del vaso. Se c’è uno spazio tra il terreno e il lato del vaso, è ora di annaffiare in profondità.

Se ti capita di avere l’aria condizionata, tieni presente che l’aria secca può asciugare il terreno in vaso con la stessa rapidità del sole. Tieni d’occhio le piante assetate e annaffia bene.

Evita troppo sole diretto

Anche le piante si scottano.

Le piante che sono esposte a sud e ad ovest riceveranno una dose potente di sole diretto.

È meglio spostarle in modo che arrivi il sole delle ore mattutine o pomeridiane.

Mantieni le piante al fresco

Se ti sei mai sentito svenire a causa del caldo, immagina come devono sentirsi le tue piante!

Fai del tuo meglio per tenere le tue piante fuori dai punti più caldi della tua casa o del tuo balcone.

Ciò potrebbe significare spostarle lontano dalle finestre o persino in altre stanze durante i periodi caldi o, se le tieni all’aperto, in un punto più ombreggiato.

Inoltre, il modo migliore per mantenere la casa fresca durante il caldo (supponendo che tu non abbia l’aria condizionata) è in realtà chiudere le finestre durante il giorno e riaprirle di notte quando fa più fresco.

Se riesci a raffreddare la casa solo di qualche grado, ti sentirai molto meglio, e anche le tue piante!

Non concimare con il caldo torrido

Sebbene il fertilizzante sia tuo amico, specialmente durante l’estate, una pianta stressata non dovrebbe mai essere fertilizzata fino a quando non si riprende.

Quando la tua pianta è in modalità di sopravvivenza estiva, non è alla ricerca di nutrienti extra e non è pronta a farne uso.

Introdurli nel terreno rischierà di stressare ulteriormente la tua pianta. Aspetta che si raffreddi un po’ per la prossima concimazione.

Non rinvasare

Allo stesso modo, non dovresti scegliere un giorno molto caldo per rinvasare le tue piante.

Perché? Le foglie vengono sempre danneggiate durante il rinvaso (e in effetti, un rinvaso spesso comporta il taglio di gran parte della massa radicale).

Il rinvaso farà sì che la tua pianta si stressi e questo ulteriore stress potrebbe farla appassire durante il caldo.

Aspetta a potare

Perché aspettare a potare foglie e steli danneggiati fino a quando non sarà passata l’ondata di caldo?

Hai indovinato: perché è un’altra fonte di stress. Mentre un po’ di potatura qua e là spesso aiuta la tua pianta a stimolare una nuova crescita, potare non è la scelta migliore durante un’ondata di caldo.

È meglio aspettare che le temperature tornino un po’ nell’intervallo normale prima di tagliare foglie e steli, anche quelli danneggiati.

Impara a riconoscere i segni di stress

Ultimo ma certamente non meno importante, bisogna essere pronti a cogliere i problemi in anticipo: è la chiave per fermarli prima che prendano piede e distruggano le tue piante da interno.

I segni comuni di stress da tenere a mente per la cura delle piante estive di solito hanno a che fare con troppo calore e poca acqua.

In genere le piante tropicali, specialmente quelle con foglie tenere, di solito appassiscono con l’esposizione a troppo calore.

Le foglie che una volta erano verde brillante possono sembrare pallide quando sono stressate.

La scottatura solare si manifesta in vari modi, ma spesso appare come una macchia ruvida marrone o gialla su foglie o steli.

I fiori (e le foglie) spesso cadono o ingialliscono quando una pianta è stressata dal caldo.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.