Cura così il Pothos ad Agosto e non soffrirà il caldo estremo

Il Pothos o Epipremnum aureum ha la reputazione di essere una delle piante d’appartamento più facili da curare.

Il Pothos è particolarmente adatto ad ambienti interni perché è in grado di filtrare le tossine come la formaldeide dall’aria.

Inoltre, è una pianta rampicante: nel suo ambiente nativo, per il suo apparato radicale aereo, è noto per crescere nei boschi e sui tronchi degli alberi.

Ma anche se è una pianta che tollera bene le temperature estive, come dovresti comportarti quando fa molto caldo?

Ecco una piccola guida su come limitare i danni di un’estate torrida e secca sulle tue piante di pothos!

Evita l’esposizione nelle ore più calde

Le piante di Pothos prosperano in condizioni di luce intensa e indiretta, ma possono tollerare una luce indiretta da media a bassa, ad esempio nelle case esposte a nord o durante le stagioni più fresche con giornate più brevi.

Questa pianta non è adatta al sole intenso e diretto, soprattutto in estate, poiché c’è il rischio che le sue foglie si brucino.

Dunque anche se lo coltivi in casa sposta il vaso più al centro della stanza se la stanza è esposta ed est o a sud e dunque riceve la luce del sole nelle ore centrali, assicurati anche che le foglie non siano a contatto con i vetri delle finestre poiché si surriscaldano e possono bruciarle.

Quanto spesso dovresti innaffiare un Pothos?

Il pothos tollera bene periodi di innaffiature scarse ma a tutto c’è un limite. Se le temperature sono torride dovrai regolare la frequenza delle innaffiature.

Innaffia sempre seguendo la regola del far asciugare il terreno completamente prima di dare altra acqua, usa il dito o uno stecchino di legno per capire quanto è umido il terreno.

Un consiglio importante è di non innaffiare solo la superficie del vaso ma è bene inumidire tutta la zolla finché l’acqua in eccesso non defluisce dai fori di drenaggio, ovviamente abbi cura di non lasciare acqua stagnante nel coprivaso.

Fare una doccia alla tua pianta in modo da inumidire bene il terreno e dare umidità anche alle foglie è la scelta giusta quando fa molto caldo.

Le foglie cadenti indicano che il Pothos è disidratato, Se le radici non forniscono acqua, le foglie appassiranno. Innaffia se noti questo sintomo e se verifichi che il terreno è secco.

Fornisci umidità extra

I Pothos possono cavarsela anche in ambienti con aria normale o addirittura secca, ma se vuoi farli sentire veramente a casa, puoi aumentare i livelli di umidità.

Soprattutto ad agosto, le temperature molto alte rendono il clima mosto secco e anche se in casa accendi i condizionatori, l’aria risulta sempre secca per le tue piante d’appartamento.

Vaporizza spesso le foglie e usa dei metodi casalinghi per aumentare l’umidità.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.