Mini-guida semplice per non sbagliare mai l’innaffiatura della Calancola

Se le foglie della Kalanchoe – o Calancola – stanno diventando molli e scolorite il problema potrebbe essere la routine di innaffiatura che stai offrendo alla pianta.

Come regola generale, le piante di Calancola dovrebbero essere annaffiati una volta ogni 1-2 settimane per evitare l’eccessiva irrigazione.

Tieni sempre conto del fatto che questa succulenta immagazzina l’acqua nelle sue foglie e negli steli; quindi, bisognerebbe sempre lasciare che almeno i primi 3-4 cm di terreno si asciughino completamente prima di annaffiare di nuovo.

Potrebbe non volerci molto tempo prima che le calancole mostrino segni di problemi quando vengono innaffiate troppo.

Vediamo insieme come determinare la frequenza con cui innaffiare e prenderti cura delle tue piante di Kalanchoe!

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

La Calancola è una succulenta

La Kalanchoe cresce anche quando dimentichi di annaffiarla regolarmente, ma non tollerera affatto l’eccessiva irrigazione.

Ricorda, queste sono piante succulente che trattengono l’acqua nelle foglie e negli steli. Quindi, non hanno bisogno di terreno costantemente umido.

Gran parte dei problemi della Kalanchoe sono causati dall’eccessiva irrigazione della pianta.

Non preoccuparti dunque, perché è abbastanza comune, ma preparati ad affrontare i problemi nel modo giusto.

Fattori che ti indicano che devi innaffiare

Ci sono una serie di fattori che dovresti considerare per non sbagliare le innaffiature della tua calancola.

Ecco alcuni di questi a cui dovrai prestare attenzione.

Quando il terreno superiore si asciuga

Il momento migliore per annaffiare la Kalanchoe è quando almeno 3-4 cm di terriccio si asciugano, non solo in superficie.

La migliore regola pratica è infilare il dito nel terreno per verificare se è umido o è secco e arido.

Considera che la pianta di calancola all’aperto si asciuga prima di quelle tenute in casa; quindi dovresti innaffiarle più spesso di quelle tenute in casa.

Quando la pianti o la rinvasi

Una Kalanchoe appena piantata richiederà condizioni di terreno umido per espandere il suo apparato radicale.

Quindi, sia quando pianti una calancola giovane che quando rinvasi in terreno fresco dovrai inumidire completamente la zolla di terreno.

Come regola generale, dovresti innaffiare il vaso quanto basta per inumidirlo.

Assicurati di mantenere il terreno leggermente umido almeno per il primo mese, dopodiché puoi riprendere il normale programma di irrigazione.

Ricorda, la calancola appena piantata ha bisogno di un terreno umido ma non fradicio per stabilirsi, quindi non innaffiarle più del necessario.

Innaffia in base alle stagioni

La pianta all’aperto in estate e in primavera prenderà molto sole e calore durante il giorno e come conseguenza il terreno si asciuga abbastanza rapidamente.

Per assicurarti che non siano a corto d’acqua, controlla periodicamente l’umidità del terreno.

Riduci completamente l’irrigazione durante l’inverno sia per le piante da interno che per quelle da esterno. Meglio portare la tua pianta all’interno per evitare danni da gelo.

Segni che hai innaffiato troppo

Potrebbe essere difficile accertare se la tua pianta è a corto o d’acqua solo guardando il suo aspetto generale.

È meglio evitare confusione e diagnosi errate per prevenire ulteriori problemi con la tua pianta.

Le piante di calancola sono molto sensibili relativamente alle loro esigenze di irrigazione, quindi non possono tollerare l’eccessiva irrigazione e la siccità prolungata.

Vedresti rapidamente i segni di un’innaffiatura eccessiva:

  • Foglie mollicce
  • Foglie gialle e stelli molli
  • Marciume delle foglie
  • Crescita fungina e parassiti: il ristagno d’acqua inzupperà il terreno, favorendo la crescita di funghi, oidio e problemi di moscerini.
  • Foglie che cadono: l’eccessiva irrigazione delle piante grasse fa sì che le foglie diventino gonfie e deboli.

Segni che ha bisogno di acqua

Dimenticare di annaffiare regolarmente la tua pianta può facilmente danneggiarla se la temperatura è insolitamente alta o il mezzo di invasatura è sbagliato.

Ecco alcuni dei segni che indicano che la pianta di Kalanchoe ha bisogno d’acqua.

  • Foglie avvizzite e rugose: mostrerà per lo più foglie rugose e avvizzite che presto inizieranno a cadere.
  • Foglie secche: la Kalanchoe può iniziare a seccarsi quando viene privata dell’acqua per lungo tempo.
  • Foglie dorate: una Kalanchoe secca manca di clorofilla che conferisce al fogliame il suo naturale pigmento verde.
  • Foglie piatte: la mancanza di acqua priverà la pianta dell’umidità tanto necessaria che mantiene le sue foglie sane e carnose.

Inizia spostando la tua pianta in un’area ombreggiata e rimuovendo le foglie morte o morenti. Successivamente, reidrata la tua pianta versando abbastanza acqua per inumidire il terreno, ma evita rigorosamente di accumulare acqua alla base.

Riprendi un programma di irrigazione regolare dopo una settimana ma osserva sempre le condizioni di umidità prima di dare acqua.

Non concimare la tua pianta fino a quando non si sarà completamente ripresa. Il i prodotti chimici possono facilmente danneggiare il già debole apparato radicale.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.