5 Cose da sapere se compri i Bulbi al supermercato

Nel periodo tra febbraio e marzo è facile trovare piante da bulbo non solo nei vivai ma anche nei supermercati sotto casa.

È difficile resistere al fascino delle bulbose come narcisi, giacinti, tulipani e soprattutto al fatto di vederle fiorire passo passo in casa, ma come devi comportarti una volta portati a casa?

Ovviamente dipende dal tipo di bulbo che hai scelto ma in genere le regole da seguire sono molto simili tra loro, indipendentemente dalla pianta prescelta.

Vediamo dunque insieme 5 cose che dovresti sapere se compri i bulbi al supermercato!

Scegli bulbi non fioriti

La prima cosa che ti consiglio di fare è sapere quali bulbi scegliere al supermercato.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

È preferibile infatti scegliere bulbi non fioriti o che addirittura sono venduti ancora fuori dal terreno.

Di qualsiasi pianta tu li abbia scelti, dovrai far radicare tu i bulbi e potrai decidere se farlo in acqua o in terreno.

Potrai anche scegliere bulbi già in vaso ma che avranno solo qualche accenno di fogliolina, senza fioritura.

Qual è il vantaggio di prenderli non fioriti?

Beh, sicuramente ti godrai tutto il ciclo di fioritura dall’inizio alla fine, mentre se li prendi con fiori già maturi dopo qualche settimana saranno già alla fine della loro fase di fioritura.

In acqua o in terra?

Come dicevamo sopra, se porti a casa bulbi ancora non radicati, potrai scegliere tu se farli radicare in acqua o piantarli in terreno.

In acqua

In entrambi i casi sarà un gioco da ragazzi, ma se metti i bulbi in acqua non dovrai neanche preoccuparti di innaffiarli.

Per coltivare i bulbi in acqua dovrai usare un contenitore di vetro apposito o una bottiglia dal collo largo, che faccia in modo che le radici crescano immerse in acqua ma che il bulbo resti sospeso a pelo d’acqua.

Fai in modo che l’acqua non tocchi mai la base del bulbo o marcirà.

In terreno

Se porti a casa dei bulbi già piantati in terreno puoi saltare questo paragrafo.

Se invece hai scelto bulbi da piantare, allora dovrai seguire alcuni passaggi, come scegliere un vaso adatto al tuo bulbo.

Usa un vaso che non sia troppo piccolo poiché i bulbi tenderanno col tempo a moltiplicarsi da soli e in quel caso avranno bisogno di spazio.

Usa un terreno miscelato con degli inerti (perlite, lapilli o corteccia) per evitare che un terreno troppo compatto possa far farcire i tuoi bulbi e piantali in modo da coprire solo la base con del terreno.

Innaffiare i bulbi in terreno

Se coltivi i bulbi in acqua non c’è bisogno di preoccuparsi dell’innaffiatura e dovrai solo rabboccare l’acqua quando il livello si abbasserà.

L’innaffiatura dei bulbi in terreno invece merita un paragrafo a parte poiché è molto semplice sbagliare e farli marcire.

Appena pianti i bulbi in un vaso nuovo dovrai innaffiare inumidendo in modo uniforme la zolla di terreno ma fai attenzione a non lasciare acqua stagnante nel sottovaso.

La successiva innaffiatura dovrà avvenire solo quando il terreno si è completamente asciugato: usa il metodo del dito indice per capire quanto è umido.

Una cosa è importante più di tutte: non versare mai l’acqua direttamente sui bulbi perché così marciranno.

Dove posizionare i bulbi

Posiziona i bulbi su un davanzale luminoso o vicino una finestra. Hanno bisogno di luce per una corretta crescita e fioritura.

Se li posizioni troppo in ombra non riceveranno l’energia necessaria dal sole per poterti garantire una fioritura ricca e sana.

Anche la luce solare indiretta, ad esempio filtrata da una tenda chiara, è perfetta purché sia da media a intensa.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.