5 Piante belle ed economiche con cui puoi abbellire il tuo davanzale

I davanzali sono davvero la prima cosa della tua casa a cui pensi quando devi posizionare le tue nuove piante.

Non solo il davanzale di una finestra viene raggiunto da molta luce, ma è una zona della casa in perfetto equilibrio tra una zona fuori portata di mano (quindi è meno probabile che le piante cadano accidentalmente) e una zona in bella mostra (quindi è improbabile che vengano dimenticate).

E la luce garantita, diretta o indiretta, li rende un ottimo posto per le piante che richiedono più luce.

La prima pianta a cui pensi quando parli di davanzale è sicuramente l’orchidea, ma in questo articolo ti consiglio altri tipi di piante più insolite da mettere sul tuo davanzale.

Scopriamo insieme quali piante sono adatte per abbellire qualsiasi davanzale di casa!

Echeveria

Sì, le piante di Echeveria sono ancora molto comuni nelle nostre case e sui balconi. Queste piante sono note per essere facili da curare (a patto di non innaffiarle troppo) e sono abbastanza piccole da essere perfette anche su un davanzale più piccolo.

L’Echeveria ha bisogno di una luce intensa e di poca acqua, quindi in sostanza puoi poggiarla lì e dimenticartene finché non è il momento di darle un po’ d’acqua.

Lascia che il terreno si asciughi completamente tra un’annaffiatura e l’altra per assicurarti di non fare danni.

Tieni d’occhio le foglie bruciate dal sole se la tua finestra è esposta al sole a sud o a est.

Considera di spostare leggermente verso l’interno le tue piante di echeveria sul davanzale della finestra quando le temperature esterne scendono sotto lo zero e soprattutto se dagli spifferi sono soggette a correnti fredde.

Pilea Peperomioides

Sebbene sia originaria della provincia cinese dello Yunnan, la Pilea peperomioides ha fatto la sua comparsa in tutto il mondo.

La leggenda racconta che negli anni ’40 un missionario norvegese portò a casa alcuni steli di pilea dalla Cina e poi li donò ad alcune persone. Questo ha dato il via alla diffusione globale della pianta e al soprannome di “pianta dell’amicizia“.

A meno che tu non abbia una pianta estremamente matura, la Pilea peperomioides è in genere compatta e di dimensioni contenute, il che la rende perfetta per la vita sul davanzale.

Un po’ di luce in più a questa pianta può farla crescere più folta ma fai attenzione con le finestre rivolte a sud: il sole caldo e diretto brucerà le foglie.

Tratta la pilea quasi come una succulenta. Piantala in un terreno drenante e annaffiala solo quando il terreno è completamente asciutto.

Violette Africane

Le violette africane danno un po’ di colore al tuo davanzale con i loro fiorellini viola.

Inoltre sono facili da trovare e incredibilmente convenienti. Sopravvivono anche in una situazione di scarsa illuminazione, ma per assicurarti che fioriscano, mettile sul davanzale di una finestra luminosa.

Puoi innaffiare le tue violette dal fondo del vaso, quindi versa l’acqua direttamente nel sottovaso affinché il terreno ne assorba a sufficienza.

Tieni presente che non apprezzeranno l’acqua o qualsiasi tipo di umidità sulle foglie o sui fiori. Lascia che il terreno si asciughi a una profondità di un paio di centimetri prima di annaffiare di nuovo.

Rosmarino

Una pianta di rosmarino è perfetta per il davanzale della finestra perché, se coltivata al chiuso, ha bisogno di molta luce.

In effetti, è raro che possa essere coltivato al chiuso senza una buona esposizione ad una finestra luminosa.

Metti il rosmarino in un vaso di terracotta ed evita di far accumulare acqua nel sottovaso.

Al rosmarino piace avere i “piedi” (ovvero le radici) asciutti, ma ama l’umidità sulle foglie. È ciò che la gente chiama una pianta “capovolta”.

Innaffia la pianta solo quando il terreno è asciutto, ma nebulizzalo più volte alla settimana. Quella nebulizzazione regolare potrebbe fare la differenza per la sopravvivenza del tuo rosmarino in casa.

Aloe

L’Aloe è un’altra buona scelta per il davanzale, soprattutto se scegli alcune varietà uniche come l’aloe variegata.

L’aloe ha bisogno di luce brillante ma indiretta perché se la pianta viene esposta al sole diretto le foglie potrebbero bruciarsi e diventare marroni.

Innaffia solo quando il terreno si asciuga completamente e ricorda che se hai una pianta più grande, berrà una quantità d’acqua maggiore.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.