8 Errori che forse stai facendo con le piante

Nessuno si propone volontariamente di far soffrire una pianta d’appartamento, eppure la maggior parte delle piante da interno che non ce l’hanno fatta sono state uccise dalle cure eccessive.

In casa si ha un clima artificiale e tutte le piante avranno bisogno di un periodo di adattamento soprattutto se portate in interno da un vivaio. Aspettati di vedere cadere alcune foglie all’inizio.

La cosa migliore che puoi fare per le piante da interno è informarti sulle loro condizioni di crescita e fornire un ambiente di cura il più vicino possibile a quelle condizioni.

Se vedi che si sta sviluppando un problema, agisci rapidamente.

Ecco alcuni errori comuni nella cura delle piante d’appartamento che le persone commettono.

Innaffi troppo

Il carnefice numero uno delle piante d’appartamento è l’eccessiva irrigazione, che porta al marciume radicale.

Non lasciare che le tue piante ristagnino nell’acqua e non innaffiare automaticamente tutte le tue piante d’appartamento secondo un programma prestabilito.

Non fornisci abbastanza umidità

Abbiamo visto tutti cosa può fare la bassa umidità per la nostra stessa salute, anche per le piante è la stessa cosa.

La mancanza di umidità è un problema comune in molte piante da interno, specialmente durante l’inverno poiché i termosifoni seccano molto l’aria in casa.

Immagina solo che cambiamento importante è per una pianta che viveva all’aperto, solo poche settimane prima. Potresti notare il problema nelle punte delle foglie secche.

Non fornisci abbastanza luce

Le piante che non ricevono tutta la luce di cui hanno bisogno appariranno pallide, piuttosto che di un verde sano e la nuova crescita è esile, poiché raggiunge il sole.

Potresti anche notare che le nuove foglie sono più piccole del solito.

Esponi le piante al calore diretto

Posizionare la tua pianta d’appartamento vicino a una fonte diretta di calore come un termosifone o un condotto, non solo friggerà la tua pianta, ma accelererà anche la disidratazione. Alcuni luoghi sono ovviamente pessimi, ma a volte le scelte sono limitate.

Irrigazione impropria e accumulo di sale

Dare alle tue piante in vaso una quantità sufficiente di acqua in modo che il terreno si bagni ma non riesca a drenare bene, può portare all’accumulo di sali (derivanti dai fertilizzanti) che può inibire la crescita delle tue piante d’appartamento.

Potresti non notarlo fino a quando non inizi a vedere una crosta biancastra sul terreno o sui lati del vaso.

Hai ignorato attacchi di parassiti

I parassiti in interno si moltiplicano rapidamente.

In casa non ci sono predatori naturali per tenerli sotto controllo, quindi devi essere molto diligente nel controllare i sintomi.

Acari di ragno, afidi, cocciniglie possono moltiplicarsi una pianta in pochi giorni o settimane. Se abbastanza grave, la pianta potrebbe non riprendersi più.

La prevenzione consiste nel controllare periodicamente le foglie e ogni parte della pianta per individuare eventuali attacchi di parassiti e agire tempestivamente prima che sia troppo tardi.

Hai esposto le piante alle correnti

Posizionare una pianta da interno, in particolare una pianta tropicale o in fiore, vicino a una porta aperta di frequente verso l’esterno potrebbe risultare dannoso.

Le correnti improvvise d’aria fredda avranno lo stesso effetto che lasciare la pianta senza protezione all’esterno.

Non rinvasi quando necessario

Quando una pianta diventa troppo grande per il suo vaso, le radici iniziano a crescere in modo concentrico alla base del vaso e iniziano ad affollarsi.

Le piante legate al vaso spesso sembrano seccarsi più rapidamente del normale, perché consumano troppo velocemente l’acqua che fornisci.

Rinvasa subito quando noti che le radici non hanno più spazio per espandersi e crescere.


Photo Credits:

Le immagini presenti in questo articolo sono di proprietà di Meraki s.r.l.s.

Adriana Capasso
Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.