10 Errori più comuni che fai con le tue piante in vaso

Se le tue piante non sono felici, potrebbe essere dovuto ad un errore di coltivazione.

Spesso, anche quando sei sicuro di dare alla tua pianta tutto ciò di cui ha bisogno, c’è qualche errore di cui non ti accorgi.

La maggior parte delle volte gli errori sono dovuti ad un eccesso di cura e di amore nei confronti della tua pianta, anche quando in realtà non è necessario per la sua salute.

Quindi è importante sapere cosa è più semplice sbagliare nella cura delle piante in vaso così da evitare di far soffrire le piante inconsapevolmente.

Vediamo insieme quali sono i 10 errori più comuni che fai con le tue piante in vaso!

Prendere piante non adatte a casa tua

Questo è il primo e più comune errore che fanno i nuovi genitori di piante.

È molto importante preoccuparsi della loro salute fin dall’inizio, cioè da quando inizi a scegliere i tipi di piante da appartamento da portare in casa tua.

Ad esempio, scegliere una pianta che ha bisogno di 8 ore di luce solare e portarla in una casa esposta a nord che invece riceve solo le poche ore di luce del mattino è già una sconfitta in partenza.

Prima di acquistare una pianta, fai sempre qualche ricerca e chiediti: di quanta luce ha bisogno? Quante ore di luce offre invece casa mia? Ha bisogno di molta umidità? Posso metterla in balcone o in casa?

Vedrai che partirai bene se riuscirai almeno a soddisfare queste condizioni essenziali!

Dare troppe cure alle proprie piante

Comprendo l’emozione di avere nuove piante da appartamento: sono belle e portano gioia nella tua vita di tutti i giorni e tu vuoi fare del tuo meglio per dare loro tutto ciò di cui hanno bisogno per crescere.

Ma è molto importante non esagerare, poiché troppa attenzione può causare stress inutile alla tua pianta.

Sia che si tratti di annaffiature o di concime o di luce, cerca di assecondare i bisogni della pianta perché il rischio è quello di concimare troppo, annaffiarla troppo o di darle troppa luce solare, tale da far bruciare le foglie.

Annaffiature sbagliate

Sia annaffiare troppo che non innaffiare affatto possono essere comportamenti dannosi per la salute delle tue piante e possono causare danni irreversibili.

Capire quando e quanta acqua dare alla tua pianta d’appartamento è importante. La regola generale è che se infili il dito nei primi 2-3 centimetri di terreno e il terreno è completamente asciutto, è ora di dare da bere alla tua pianta.

Se il terreno è umido, non innaffiare: dai alla pianta qualche altro giorno prima di controllare di nuovo.

Umidità troppo bassa

Mentre ci spalmiamo una lozione di crema idratante sulla pelle in inverno, tendiamo a dimenticare che piace anche alle piante un po’ di idratazione in più.

Dimentichiamo, inoltre, che le loro foglie possono seccarsi anche se sono ben annaffiate: alla maggior parte delle piante piacciono i livelli di umidità tra il 45% e il 55%.

Se hai un acquario, adoreranno l’umidità creata nell’ambiente circostante.

In caso contrario, considera l’acquisto di un umidificatore oppure aggiungi un sottovaso con ciottoli di argilla espansa e acqua sotto il vaso della pianta per mantenere una buona umidità nell’aria.

Uso improprio dei vasi

Usare i vasi nel modo sbagliato è il modo più rapido per far marcire le radici.

Assicurati che la tua pianta da appartamento sia coltivata in una fioriera o in un vaso con dei fori di drenaggio sul fondo.

Ciò assicurerà che le radici della tua pianta non poggino nel terreno bagnato fradicio.

Se il coprivaso decorativo che hai scelto per fare pendant con il tuo arredamento non ha fori di drenaggio, ti consiglio di inserire semplicemente la pianta col vaso da vivaio in plastica all’interno del coprivaso.

In questo modo, puoi rimuovere la pianta nel suo vaso da vivaio semplicemente alzandola dal vaso decorativo per innaffiarla e far scorrere l’acqua in eccesso prima di rimetterla nel vaso decorativo.

Non lasciare MAI che l’acqua si accumuli nel coprivaso, è letale per la pianta.

Quantità di luce sbagliata

Un altro errore comune che può essere evitato facilmente è mettere la pianta in un punto della casa o del balcone in cui o non riceve abbastanza ore di luce solare o riceve troppa luce diretta.

C’è una grande varietà di piante disponibili sul mercato che crescono in una varietà di condizioni di illuminazione.

Assicurati di scegliere quelli che godranno della luce che hai in casa!

Troppi cambiamenti nell’ambiente

Un altro errore comune è quello di spostare troppo la pianta da una stanza all’altra o da un ambiente all’altro.

Devi sapere che ad ogni spostamento, la pianta impiegherà energie per abituarsi al nuovo ambiente.

A volte per noi una stanza della casa vale l’altra ma le piante sono più suscettibili ai livelli di umidità e di luce.

Scegli bene un posto che ritieni adatto per la tua pianta in vaso e che sarà definitivo.

Concimazione eccessiva

Quando e quanto fertilizzi la tua pianta è molto importante.

L’eccessiva fertilizzazione può causare molto stress alle tue piante che si indeboliranno e arresteranno la loro crescita.

Una pianta debole diventerà più suscettibile a malattie e parassiti. Il segno più comune di una pianta in difficoltà a causa di un’eccessiva fertilizzazione è l’improvviso ingiallimento delle foglie con bordi marroni bruciati.

Nota che molte piante acquistate vengono fornite con terreno che contiene già fertilizzanti a lenta cessione.

Queste sono palline rotonde verdi o giallo-bianche che possono essere trovate sparse nel mix di terreno. Se le trovi nel terreno, non dovrai dare alla tua pianta fertilizzanti aggiuntivi.

Se decidi di concimare le tue piante, fallo circa una volta al mese durante la primavera e l’estate e interrompi la fertilizzazione in autunno e in inverno per dare riposo alle tue piante durante la loro dormienza invernale.

Rinvasare in modo improprio

Ci sono alcune cose da notare quando si tratta di rinvasare la tua pianta da appartamento. Cerca di non rinvasare la tua pianta troppo spesso, poiché ogni rinvaso provoca stress.

È sempre meglio rinvasare una pianta in primavera appena prima della sua massima stagione di crescita poiché avrà maggiori possibilità di riprendersi.

Se stai rinvasando perché la tua pianta ha ormai superato il suo attuale vaso, scegli un nuovo vaso di circa 2 cm più grande.

Non esagerare scegliendo un vaso troppo grande perché quando c’è molto più terreno che radici, dopo l’irrigazione la pianta non sarà in grado di assorbire l’umidità abbastanza velocemente.

Il terreno che rimane umido troppo a lungo causerà diversi problemi, inclusi problemi di funghi, marciume radicale e attrazione di parassiti (alcuni parassiti sono attratti dal terreno umido poiché amano deporre le uova lì).

Non sapere come svernare le tue piante

Infine, non sapere come regolare la routine di cura delle piante d’appartamento in inverno può portare alla morte delle tue piante.

Poiché la maggior parte delle piante d’appartamento sono tropicali, amano il calore e l’umidità e l’improvviso calo della temperatura e la mancanza di luce solare possono provocare uno shock.

Se coltivi le tue piante all’aperto nei mesi primaverili ed estivi, inizia a portarle all’interno quando la temperatura inizia a scendere a circa 10 gradi centigradi.

Se la tua pianta cresce vicino ad una finestra, assicurati che la finestra non faccia entrare correnti d’aria forti.

Le temperature estremamente fredde possono causare stress e possono persino danneggiare le tue piante dal gelo.

Se l’aria della tua casa diventa secca in inverno a causa del riscaldamento, assicurati che le tue piante siano lontane da riscaldamenti o bocchette di calore.

Meno luce solare e calore significano anche che il terreno delle tue piante impiegherà più tempo ad asciugarsi rispetto ai mesi più caldi. Sarà necessario rivalutare il programma di irrigazione e modificarlo di conseguenza.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.