Come far germogliare un pino da una semplice pigna

Il pino è un albero sempreverde molto noto per essere il simbolo della fortuna.

È molto diffuso in tutta l’Italia ed è associato all’idea di immortalità e di inflessibilità per il suo essere alto e dritto.

Ma sapevate che è possibile far germogliare un pino in casa?

Per quanto assurdo vi possa sembrare, sappiate invece che è possibile e il modo per farlo è davvero molto semplice.

Tutto ciò che vi occorre, infatti, è semplicemente una pigna!

Perciò, vediamo subito insieme i passaggi da seguire per coltivare un pino in casa con una pigna in poche settimane.

Prendete una pigna

Innanzitutto, dovete prima procurarvi una pigna che è tutto ciò di cui avete bisogno per coltivare il vostro pino.

Vi consigliamo di scegliere una pigna fresca non ancora aperta che abbia ancora i semi.

Inoltre, è consigliabile prediligere pigne più grandi perché queste di solito hanno, al loro interno, semi di qualità migliore.

Una volta raccolta, vi raccomandiamo di lavarla così da eliminare eventuali funghi e di lasciarla asciugare in un luogo asciutto.

Aspettate che escano i semi

Durante la fase di asciugatura, la pigna dovrebbe aprirsi e dovreste notare la fuoriuscita di alcuni semi.

Ricordatevi che i semi più scuri sono quelli di qualità migliore.

Questo step dell’asciugatura non è obbligatorio, in quanto potete anche far crescere i semi all’interno della pigna e posizionarla direttamente nel vaso.

Mettetela nel vaso

A questo punto, siete pronte per piantare la vostra pigna in un vaso con all’interno della terra.

Vi raccomandiamo di posizionare la pigna i superficie e di sotterrare, quindi, solo la sua base.

Vi consigliamo, inoltre, di collocarla in una zona ben esposta ai raggi solari diretti perché il pino è una pianta che predilige il sole.

Innaffiatela quotidianamente

Una volta posizionata la pigna nel vaso con la terra, è il momento di prendersene cura per garantirgli la giusta crescita.

Innaffiatela, quindi, quotidianamente senza però esagerare con le quantità di acqua.

L’abuso dell’acqua, infatti, tende a farla marcire in poco tempo.

Quindi, vi raccomandiamo di essere sempre parsimoniose quando le innaffiate e non commettere l’errore di pensare che una maggiore quantità di acqua significhi maggiore idratazione.

Ecco i primi germogli!

Dopo qualche settimana, dovreste notare i primi germogli; a quel punto, saprete che non avete commesso errori e che state dando vita al vostro piccolo pino in casa.

Perciò, non dovrete fare altro che aspettare ancora per vedere il vostro piccolo alberello di pino spuntare a casa vostra e conferire un’atmosfera magica all’ambiente!

E poi che dire…speriamo porti davvero fortuna!

Altri consigli utili

Ma se avete raccolto abbastanza pigne e non sapete come utilizzarle, sarete felici di scoprire che vi possono essere utili per profumare la vostra casa!

Vi basterà semplicemente scegliere l’olio essenziale che più preferite e aggiungere 10 gocce in un litro di acqua.

A questo punto, versate il tutto in uno spray con vaporizzatore e spruzzate la miscela sulle vostre pigne.

Mettete, poi, le pigne in un sacchetto di plastica e chiudetelo. Lasciatele così per circa una settimana in modo che assorbano tutto il profumo degli oli essenziali.

Dopodiché, siete pronte per posizionarle negli angoli della casa che più preferite!

Avvertenze

Vi consigliamo di pulire sempre la pigna che raccoglierete perché spesso si depositano funghi e batteri che potrebbero mettere a rischio il vostro pino.

Maddalena Cimmino
Maddalena Cimmino
Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.