Dai la giusta luce al Lilium per vederlo fiorito

Il giglio di sant’Antonio è probabilmente il fiore da bulbo tra i più famosi, da sempre simbolo di purezza per il suo tipico fiore a tromba dal colore candido, nella sua varietà più famosa.

Viene spesso utilizzato per le cerimonie e la sua fioritura estiva probabilmente lo rende protagonista in molti degli allestimenti floreali realizzati dai fioristi.

Questo bulbo a fioritura estiva è tra i più facili da coltivare ma il trucco per averlo sicuramente fiorito è avere cura della sua esposizione e della quantità di luce che riceve, oltre alla qualità della luce stessa.

Vediamo insieme tutti i segreti riguardanti la luce da dare al nostro Lilium.

Luce diretta o indiretta?

La chiave per una fioritura abbondante consiste nel raggiungere il giusto equilibrio tra luce diretta e indiretta per quanto riguarda il nostro Lilium candidum.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Potrebbe anche star bene a mezz’ombra ma potresti cominciare a notare che gli steli cercheranno di allungarsi e dirigersi verso la luce.

Nello specifico devi dare al meno 5 ore di luce diretta al giorno e poiché si tratta di una fioritura estiva, devi necessariamente fare in modo che la luce diretta non sia quella più calda della giornata. Evita dunque le ore centrali.

Scegli il posto giusto

La scelta del giusto punto nel quale piantare il lilium in giardino o tenere il vaso sul balcone va fatta in modo oculato proprio in vista delle ore di luce diretta di cui ha bisogno.

Sai testare la luce perfetta?

Posiziona la mano tra il punto scelto e la fonte di luce, il sole in questo caso. Se riesci a sentire il calore del sole sulla tua mano e l’ombra che stai proiettando è scura con bordi definiti, quest’area riceve luce diretta.

Ora sta a te cercare di capire quanto è calda questa luce e se è adatta per le ore che ti occorrono. Anche se non esponi il tuo giglio alla luce delle ore centrali, potrebbe essere comunque ancora troppo forte e calda e danneggiare il tuo fiore.

Scegli un punto esposto ad est

Le esposizioni ad est intercettano la direzione in cui sorge il sole; quindi, ricevono molta luce brillante ma delicata.

I raggi non sono così violenti come lo sono nel pomeriggio o a metà mattina: è il posto ideale per le piante che hanno bisogno di molta luce ma non tollerano la violenza della luce solare nel corso della giornata, e dunque, fa proprio al caso del tuo lilium.

E se c’è poca luce?

Potresti avere un’esposizione a nord o un balcone ombreggiato e poter dare al tuo giglio bianco solo questo come posto. Il lilium potrebbe fiorire comunque, ma potresti ritrovarti con pochi fiori, forse uno o due al massimo.

Potresti ricavare da questa situazione però un vantaggio: quello di avere una crescita meno rigogliosa ma più sotto controllo senza rischiare di bruciare la pianta al sole.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.