Utilizza questi Concimi fai da te per il tuo Limone per averlo pieno di Frutti

Concimare il limone, al contrario di quanto si pensi, non è richiesto in un periodo specifico ma è possibile distribuire il processo di concimazione lungo tutto l’anno.

Tutto dipende dalla fase nella quale si trova il limone e quindi alla produzione di vegetazione, alla fioritura o alla fruttificazione.

Di certo fa sempre piacere vedere il nostro limone pieno di zagare o dei bei limoni che oltre ad avere un uso culinario hanno anche una valenza ornamentale.

Vediamo insieme che tipo di concimi fai da te è possibile realizzare e in quale fase di crescita del limone usarli.

A inizio primavera

Proprio nel periodo in cui il limone si appresta alla produzione di foglie e fiori, ha bisogno di una grande quantità di azoto, principale responsabile della cura delle parti verdi della pianta e della fioritura.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Puoi utilizzare lupini

I lupini possono apportare una grande quantità di azoto e puoi preparare un concime fai da te in molti modi diversi.

Puoi sia servirtene dopo averli essiccati e macinati e quindi spargerli sul terriccio, nei pressi della pianta, oppure interrarli con un rastrello.

La loro decomposizione farà in modo di apportare una dosa massiccia di azoto al terriccio e quindi al limone che lì vi affonda le proprie radici.

Se hai un limone in vaso di medie dimensioni bastano circa 50 gr di concime di lupini da aggiungere al terreno.

Se invece hai degli agrumi piantati in giardino dovrai applicare 100 gr di concime di lupini ogni metro quadro di terreno.

Non applicarlo troppo in profondità, va bene applicarlo e miscelarlo in modo uniforme nei primi 3-4 cm di terreno, altrimenti rischi di rovinare l’apparato radicale delle tue piante.

Puoi utilizzare fondi di caffè

I fondi di caffè sono un ottimo fertilizzante per le piante sia in fase di fioritura che per quanto riguarda gli ortaggi.

Innanzitutto, devi necessariamente far asciugare la tua polvere di caffè che hai precedentemente conservato. Non utilizzare quella direttamente prelevata dalla macchinetta del caffè perché è troppo umida e nel tempo potrebbe generare delle muffe.

Puoi lasciar seccare al sole i tuoi fondi di caffè prima di utilizzarli oppure farli asciugare nel forno, quando è ancora caldo dopo che lo hai utilizzato per cucinare.

In un innaffiatoio puoi lasciar decantare i fondi di caffè in acqua: per circa 2l di acqua puoi aggiungere un bicchiere di fondi, più o meno 6 fondi di caffè.

Lascialo decantare nell’innaffiatoio almeno per 24 ore così che il caffè possa rilasciare pienamente tutte le sue componenti disciolte in acqua.

A questo punto puoi utilizzare quest’acqua per innaffiare il limone.

Durante la produzione dei frutti

A seguito del periodo primaverile e della fioritura, il limone si appresta alla produzione dei suoi bei frutti succosi.

Sarebbe meglio in questa fase preferire concimi che abbiano un buon apporto di potassio e fosforo.

In questo caso può fare proprio al caso tuo un concime liquido fai da te a base di bucce di banana.

Riempi un contenitore con acqua che andrà a ricoprire tutte le bucce di banana. Per 1l e mezzo di acqua utilizza le bucce di 6 o 7 banane.

Lascia riposare le bucce di banana nell’acqua per circa 15 giorni. Noterai che l’acqua assume un colore brunastro, il che significa che i nutrienti vengono rilasciati nell’acqua.

Dopo circa 10 o 15 giorni rimuovi le bucce di banana dal contenitore. Non gettarle: potresti utilizzarle per creare del compost.

Diluisci l’infuso in 10 litri d’acqua ed otterrai un fertilizzante liquido ricco di potassio.

Non dimenticare di dare al limone del ferro

Le piante di agrumi possono essere soggette alla clorosi ferrica, quando il ferro comincia a scarseggiare.

Puoi prevenire questa eventualità realizzando un concime che possa apportare una buona dose di ferro al tuo limone utilizzato un buon macerato di ortica.

Metti in un contenitore 1kg di ortiche e ricoprile interamente con l’acqua. Lasciale macerare per almeno 20 giorni.

Trascorso il tempo necessario, inizierai a vedere che l’acqua ha assunto un colore verdastro. A questo punto, quando il macerato è pronto, togli le ortiche e conservalo in un luogo buio.

Per un 1 litro di macerato aggiungi circa 20 litri di acqua e innaffia il tuo limone almeno una volta al mese.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.