Sai quale Varietà di Limone è più adatta alla coltivazione in vaso?

Da sempre il limone viene anche coltivato come pianta ornamentale, per la bellezza dei suoi frutti sgargianti che ravvivano qualsiasi terrazzo o balcone, persino alcuni ambienti interni della casa.

Esistono delle specie di Citrus davvero versatili, dalla crescita regolare e contenuta e dalla fioritura continua in diversi periodi dell’anno che ben si prestano alla coltivazione in vaso più di altri.

Se scegli di coltivare un limone in vaso sarebbe bene utilizzare la varietà più adatta allo scopo.

Vediamo insieme alcune delle varietà che potrebbero fare al caso tuo se vuoi coltivare un limone in vaso.

Limone Florentino

Coltivato in Toscana fin dal XVI secolo, il limone fiorentino è tra le varietà più antiche portate in Italia.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarci il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!


È un agrume molto popolare, e tra le altre cose anche molto produttivo con la capacità di fiorire in più periodi dell’anno.

Sia le gemme che i fiori appena nati si presentano inizialmente di un colore violaceo ma la sua caratteristica principale sta nella forma dei suoi limone, che lo rende facilmente riconoscibile.

I suoi frutti sono di forma ovale, molto allungata, ma nella parte che si attacca alla pianta, in prossimità del picciolo si presentano con la tipica forma a collo di bottiglia.

La polpa dei suoi frutti è particolarmente succosa e la colorazione dei suoi limoni è particolarmente pallida.

Viene spesso coltivato addossato ad una grata o ad una spalliera ricavata con graticci, come fosse rampicante.

Vista la facilità di coltivazione, e la particolarità dei suoi frutti particolarmente ornamentali il Citrus limon “Florentina” si presta ad essere coltivato in vaso.

Per fortuna la sua coltivazione in vaso rende possibile ricoverare la pianta in un luogo più temperato durante i mesi invernali, a causa dei quali potrebbe patire particolarmente il freddo.

Limone Lunario

ll limone lunario, originario dell’India e dell’Indocina, idealmente avrebbe la capacità di fiorire ad ogni luna nuova. Da qui la derivazione del suo nome.

Trattandosi di una pianta versatile e resistente puoi sceglierla per coltivarla in vaso. Prende anche il nome di limone quattro stagioni, poiché nelle condizioni ideali sarebbe in grado di produrre frutti in diversi periodi dell’anno.

È facilmente riconoscibile per la forma unica delle foglie, ellittica e di forma appuntita sull’apice.

I suoi fiori all’esterno, prima di sbocciare assumono un colore violaceo o rosato ma le zagare sbocciate hanno un colore candido.

Esponi il vaso alla luce naturale, e dalle tanta luce diretta.

Proteggilo da sbalzi termici improvvisi poiché è particolarmente suscettibile all’abbassamento repentino di temperature.

È resistente al freddo, purché le temperature non siano troppo rigide, e ama il terriccio umido. Sebbene l’irrigazione debba essere frequente è bene non abbondare perché ciò potrebbe portare il terreno ad inzupparsi. 

Limone Salicifolia

Tra le varietà più belle dal punto di vista ornamentale, il limone salicifolia ha una chioma abbondante e folta con foglie allungate molto simili a quelle di un salice.

I suoi frutti sono leggermente allungati ed è tra le varietà più succose grazie alla polpa dei suoi limoni.

Fiorisce in primavera e produce frutti per tutto il periodo invernale.

Vista la sua bellezza e le sue foglie ornamentali è particolarmente adatto alla coltivazione in vaso e anche all’interno, visto il bisogno che ha di essere protetto dal freddo.

È per questo che proprio durante il periodo invernale richiede di essere inserito in serra.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.