I 3 punti deboli della Lingua di Suocera

Ci hanno abituati a considerarla una pianta talmente resistente da essere quasi immortale: parliamo della Sansevieria, meglio conosciuta come Lingua di Suocera.

Facilmente riconoscibile per le sue foglie spesse e alte, simili a lingue di fuoco o spade, la Sansevieria è una pianta grassa molto amata come pianta da interni ed è usata per decorare ogni stanza!

Oltre ad essere estremamente versatile, è appunto una pianta molto resistente. Eppure anche la Lingua di Suocera ha dei punti deboli cui stare attenti in modo da mantenerla sempre in forma e farla vivere a lungo.

Scopriamo insieme quali sono in modo da mantenere questa pianta sempre sana e verde.

Sensibilità delle radici

Il principale punto debole della Sansevieria è dato dalla sensibilità delle sue radici che, sottili e lunghe, si espandono nel terriccio.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarci il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Queste radici se esposte a un contatto prolungato con l’acqua, iniziano a marcire: una volta che questo accade, salvare la Lingua di Suocera diventa davvero complesso.

Importante è capire di quanta acqua abbia realmente bisogno questa pianta nei diversi periodi dell’anno.

In autunno e in inverno, quando le temperature sono essenzialmente basse, non dovete quasi mai innaffiare la pianta. Limitatevi a inumidire un po’ il terreno ogni tanto.

In primavera e in estate, aumentate le innaffiature proporzionalmente all’aumento di temperatura. Ricordate che la Lingua di Suocera è una pianta succulenta, quindi non ha bisogno di molta acqua, ma dovete comunque mantenere il terriccio sempre umido, ma mai bagnato.

Scoprite qui il metodo semplice per far riprendere una Sansevieria priva di radici.

Assenza di spazio

Un altro punto debole di questa pianta è l’assenza di spazio per la crescita delle sue radici e foglie.

Negli anni, soprattutto quando viene esposta a lungo alla luce solare, le dimensioni della Sansevieria possono aumentare considerevolmente.

Così, col tempo, le radici possono trovarsi strette all’interno del vaso e le foglie crescere così tanto da occupare tutto lo spazio disponibile, danneggiandosi l’un l’altra con la crescita. Aumenta il rischio di marciume e le foglie possono anche afflosciarsi e cadere.

Per prevenire questa situazione, rinvasate la pianta ogni anno o, al massimo, ogni 2 anni. Scegliete sempre un vaso dal diametro leggermente più ampio del precedente e abbastanza profondo.

Leggete qui per scoprire come rinvasare le piante nel modo corretto.

Attenzione: se avete problemi nel prendervi cura della pianta o notate che, nonostante le attenzioni, questa sembra in sofferenza, rivolgetevi subito a un professionista.

Polvere sulle foglie

Le foglie della Lingua di Suocera non sono solo il segno distintivo di questa pianta, ma rappresentano anche un prezioso mezzo attraverso cui la pianta svolge le sue funzioni vitali, come la fotosintesi.

Può capitare che, col tempo, la polvere si accumuli sulla loro superficie creando una sorta di patina. Questa può impedire una corretta respirazione della pianta.

La soluzione? Pulite le foglie regolarmente, utilizzando un composto a base di acqua (500ml) e sapone di Marsiglia (30 grammi in scaglie).

Passatelo sulle foglie aiutandovi con un batuffolo di cotone, ma attenzione a non lasciarle mai bagnate o potreste danneggiare la pianta!

Scoprite qui altri metodi per pulire le foglie di questa pianta. Se invece la pianta ha foglie di colore diverso, ecco cosa dovete fare.

Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".