La Sansevieria non ha radici ma puoi farla riprendere con questo Modo Semplice

Le piante hanno bisogno di radici per sopravvivere, ma se ti sembra che la tua pianta di Sansevieria non ne abbia, devi capire qual è il problema.

Forse hai preso già la tua pianta di sansevieria in questo modo o hai sbagliato qualcosa nella sua cura ma questo significa che la tua pianta di sansevieria è morta o puoi ancora salvarla?

Se potessi salvare una pianta di sansevieria senza radici, quali passaggi dovrai seguire per salvarla?

Scopriamolo insieme!

Perché la mia pianta di sansevieria non ha radici?

In parole povere, il motivo per cui la tua pianta di Sansevieria non ha radici è probabilmente perché sono marcite a causa dell’eccesso di acqua.

La pianta di Sansevieria ha foglie lunghe, alte e appuntite che si ergono dritte. Beh, dovrebbero. Chi la coltiva in casa riferisce che le foglie della loro pianta di serpente si ribaltano e sembrano flosce.

Questo potrebbe non accadere a tutte le foglie, ma può affliggerne un paio. È sicuramente un problema evidente.

La tua pianta di Sansevieria ha come radici dei rizomi che, così come le radici e le foglie della tua pianta, tratterranno l’acqua che versi nel vaso.

La sansevieria ha la reputazione di essere una pianta da appartamento resistente, ed è vero.

Ma solo perché può resistere ad una cattiva coltivazione non significa che sia sempre una buona idea farlo. Non spingere la pianta ai suoi limiti, perché non sempre potrebbe sopravvivere.

Quando le foglie contengono troppa acqua, possono diventare molli e cadere. Le radici subiranno un destino simile, marciranno. Ecco perché la tua pianta di sansevieria non ha radici.

Come rimediare al problema

Quando la tua pianta di sansevieria è in queste condizioni, il problema è già grave. Dopotutto, il marciume radicale ha preso piede e le radici sono morte per mancanza di ossigeno.

Ma c’è un modo per recuperarla e farla ricrescere? Puoi certamente provare. Ecco i passaggi da seguire.

Rimuovi le parti malate

Se hai già rimosso alcune foglie dalla tua pianta di sansevieria, queste sono quelle che utilizzerai per la propagazione.

Ora, potresti chiederti come sia possibile far crescere qualcosa da queste foglie, ma assicurati di non mantenere le parti morte e malate.

Con le cesoie da giardinaggio sterilizzate, taglia le estremità delle foglie che sembrano messe male e lascia solo la parte sana della foglia.

Tratta le foglie se hanno funghi

In alcuni casi, il motivo per cui la tua pianta di sansevieria non ha radici potrebbe essere perché una malattia fungina si è diffusa attraverso la pianta, causando la morte delle radici.

In tal caso, seguire i passaggi qui descritti potrebbe non salvare la pianta d’appartamento. Ma puoi comunque procedere e vedere di salvare il salvabile.

Puoi prevenire lo sviluppo di funghi sulle tue foglie fresche con un po’ di cannella che hai nella tua dispensa.

Prendine un po’ e applica la cannella sulle estremità delle foglie dove c’è il taglio fresco. Quindi lascia agire per almeno 24 ore.

Crea una miscela di terreno drenante

Puoi occuparti del passaggio successivo del processo e creare una miscela di terreno drenante.

Usa parti uguali di terreno universale e perlite, circa due o tre tazze di ciascuno. Il terriccio mantiene umido il terreno, quindi non è necessario annaffiare così spesso mentre la perlite fornisce l’aerazione alle radici.

Successivamente, versa una piccola quantità d’acqua fino a quando il composto non risulta umido ma non inzuppato.

Rinvasa le foglie della pianta

Riempi il vaso con questa miscela fresca (se non puoi crearla tu puoi usare una miscela già pronta per cactus e piante grasse).

Dopo che sono trascorse 24 ore, sei libero di prendere le tue talee di foglie di sansevieria e piantarle nel tuo nuovo vaso.

Quando metti le talee di foglie di piante di serpente nel nuovo vaso, assicurati che siano in posizione verticale.

Dovrai scavare un po’ nella miscela di terriccio per ottenerli in questo modo in modo che le basi delle foglie siano stabili.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.