5 modi per capire se la tua Sansevieria è sana o ha qualche problema

La Sansevieria o lingua della suocera, è una delle più comuni piante d’appartamento da coltivare.

Anche se è una delle piante più resistenti, tuttavia può capitare che cerchi di comunicarci che sta male o che ha qualche piccolo problema.

Esistono alcuni modi, almeno 5 per capire se la tua Sansevieria è sana o sta soffrendo. Vediamo insieme quali sono.

Controlla il colore delle foglie

Generalmente il colore delle foglie della Sanseveria è verde scuro. Se ti accorgi che la tua pianta ha delle foglie di colore diverso dalla norma, colori pallidi e sbiaditi o macchie marroni , allora potrebbe esserci qualche problema.

Possiamo fare riferimento principalmente a tre cause:

  • troppa luce: la colorazione verde è quella che da energia alla pianta. La sansevieria potrebbe ridurre la colorazione perché dalla luce diretta eccessiva.
  • troppa acqua: non ama le innaffiature frequenti.
  • non ha abbastanza nutrienti: forse le manca potassio, una componente fondamentale per la sansevieria. Potresti provare a rendere il terriccio più ricco con fertilizzanti fai da te come il concime con bucce di banana.

Senti la consistenza delle foglie al tatto

Le foglie della sanseveria sono rigide e forti. Se toccandole ti rendi conto che sono molli, allora sta provando a dirti che c’è qualcosa che non va.

In questo caso si tratta quasi sicuramente di un problema di innaffiature.

  • Poca acqua: la pianta è disidratata. Prova a capire se innaffiandola, immergendo metà vaso in una bacinella, le foglie ritornano rigide.
  • Troppa acqua: le foglie stanno marcendo perche il terriccio è zuppo o troppo umido. Prova a capire, infilando il dito indice, se il terriccio, ad alcuni centimetri dalla superfice, è umido.

La pianta sta crescendo?

Se la tua sansevieria non cresce, o nel tempo non è cambiata, allora dovresti chiederti il perché.

Anche se ha perso più foglie rispetto a quante ne ha messe di nuove potrebbe voler dire che non sta crescendo affatto come dovrebbe.

In questo caso potrebbe essere in un posto poco luminoso, il che impedisce alle foglie di assorbire l’energia necessaria per crescere.

Foglie cadenti o dai contorni secchi

Anche la forma delle foglie può essere indicatore di malessere per la Sansevieria. Le sue foglie, lunghe e spigolose, tipicamente puntate verso l’alto ti fanno capire che è in buona salute.

Di sicuro non tutte le foglie sono uguali, ma se noti foglie che puntano verso il basso, o foglie con bordi arricciati o secchi, allora potrebbe non stare molto bene.

Anche in questo caso potrebbe esserci un problema di irrigazione. Assicurati che il terriccio sia ben drenato e che le annaffiature siano distanziate tra loro.

Dai un occhiata alle radici

Quando rinvasi la Sansevieria dai un occhiata al gruppo di radici. Dovresti trovare radici bianche e rigide, con un odore comune di terriccio.

Puoi immediatamente accorgerti se l’odore è sgradevole perché tutti conosciamo che odore abbia il marciume. In questo caso forse hai esagerato con le annaffiature.

Se ti ritrovi con radici maleodoranti o con un colore marrone scuro o nero, con un coltello ben disinfettato, taglia via quelle rovinate.

Rinvasa la pianta con terriccio nuovo e asciutto, evitando di innaffiarla per qualche giorno.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.